Antonio Cassone: “Rebeldia ha bisogno di una nuova sede”

PISA – Antonio Cassone, coordinatore di Iniziativa democratica, ha diffuso questo comunicato sulla situazione delle associazioni di Rebeldia.

“Rebeldia avrebbe bisogno di aiuti per la sede a Pisa: l’augurio è che venga trovata una soluzione. Le strategie messe in campo dal Comune di Pisa e da Rebeldia con il passare degli anni stanno diventando una vera sceneggiata tutta tesa a nascondere i problemi associativi, che sono serissimi: se le associazioni di Rebeldia non hanno l’aiuto dell’amministrazione rischiano di non potere continuare la loro vita, e ciò dispiace soprattutto per quelle più virtuose.

Il Comune farebbe bene a trovare una soluzione senza privilegiare nessuna associazione, ma anche senza penalizzarne nessuna, cioè senza inserire nel bando di assegnazione degli spazi sociali clausole che proprio Rebeldia non possa superare. Se il Comune non volesse dare, proprio per scelta, uno spazio a Rebeldia allora commetterebbe un errore di discriminazione, un abuso. Va detto che le associazioni non dovrebbero pretendere il sostegno amministrativo come condizione alla propria sopravvivenza, perché può anche darsi che i loro servizi non siano ritenuti degni di sostegni e aiuti, oppure che non ci siano le possibilità per aiutarli. In ogni caso la vita associativa deve essere in grado di sostenersi da sola. Nel caso di Rebeldia, che è un cartello di associazioni, non c’è dubbio che vi siano motivi di interesse pubblico per le varie attività che i diversi gruppi appartenenti possano avviare. L’augurio che si può fare a Rebeldia è che autonomamente risolva i suoi problemi, trovando locali adeguati in affitto, o in comodato d’uso; all’occorrenza si paghi un tanto per uno, ogni associazione partecipi come può. Poi si chiedano contributi anche al Comune, o a altri enti, sperando di averli, e comunque si dovrebbe sempre garantire l’affitto, anche con versamenti volontari. Rebeldia inventi qualcosa e cresca senza bisogno necessariamente di aiuti per sopravvivere”.

Antonio Cassone – coordinatore di Iniziativa democratica

By