Area Stazione, presentati i progetti di riqualificazione

PISA – Presentato a Palazzo Gambacorti il progetto di riqualificazione complessiva dell’Area e dei Quartieri di Pisa Sud, alla presenza del Sindaco Marco Filippeschi e di Ylenia Zambito, Assessore all’Urbanistica del Comune di Pisa.

di Giovanni Manenti

IN COSA SI ARTICOLA IL PROGETTI. Trattasi di tre Assi Strategici, di cui il primo, denominato “Social House”, riguarda il recupero del Villaggio Popolare di San Giusto attraverso la realizzazione di 24 alloggi ERP, una nuova piazza e parcheggi pertinenziali, cui fare seguito con una serie di iniziative innovative, quali ad esempio la costituzione in via sperimentale di un “Portierato di Quartiere” e relativi servizi di promozione alla salute e sorveglianza attiva. Il secondo asse, cui è stato dato il nome di “Arcipelago”, prevede la riqualificazione di un immobile inutilizzato tra Piazza della Stazione e l’inizio di via Corridoni, da trasformare in un centro destinato ad ospitare servizi ed interventi che favoriscano l’integrazione dei Cittadini e rafforzino la loro sicurezza con nuovi modelli di welfare di comunità, nel cui ambito è altresì prevista la riqualificazione dei locali dell’ex Dopolavoro Ferroviario, da adibire a presidio fisso di Polizia, nonché un sistema di videosorveglianza dell’area (in particolare Gallerie di Viale Gramsci) e l’apertura di uno Sportello di servizi al cittadino presso i locali della terza porta. Il terzo asse, infine, che prende in nome di “Binario 1-14”, si prefigge di porre in atto interventi di sicurezza idraulica nella Zona di Pisa Sud, oltre ad importanti investimenti che prevedono, tra i più significativi, la realizzazione di una nuova Piazza in via Quarantola e, soprattutto, la creazione di un nuovo Parco Urbano in via Bixio in luogo della vecchia stazione di partenza dei Pullman.

COSTO DEGLI INTERVENTI E RELATIVI FINANZIAMENTI. Tale iniziativa comporterà investimenti per ca. 50 milioni di euro, parte dei quali finanziati dal Governo per una quota di 18 milioni destinata a sostenere i progetti per le periferie degradate e la cui erogazione dovrà avvenire entro il prossimo anno 2017, per dar modo di avviare i lavori non appena verrà pubblicato il relativo decreto di approvazione definitiva del progetto, peraltro già in fase avanzata.

LE FINALITA’ DELL’INIZIATIVA. Un progetto che sta particolarmente a cuore al nostro primo Cittadino, specie per quanto attiene alla zona della Stazione, in ordine alla quale precisa come “dal Binario 14 sino a Piazza Vittorio Emanuele l’intera area cambierà volto in maniera radicale, il tutto nell’ottica di migliorarne la vivibilità e la relativa sicurezza ed offrire un’immagine ancor migliore ai milioni di viaggiatori che vi transitano annualmente”. “In ciò”, ha proseguito Filippeschi, “una grossa mano ci viene data sia dalla Direzione delle Poste che dalle Ferrovie dello Stato, con la prima che ha in atto un piano di recupero dell’Edificio ex Poste ferroviarie che sarà adibito ad Uffici Statali (Agenzia delle Entrate …), mentre il Gruppo FFSS si farà carico di interventi di miglioria all’interno della Stazione negli spazi vuoti oppure sottoutilizzati, così come pure la Presidenza Nazionale del DLF ha dato la propria adesione all’esecuzione dei lavori di ristrutturazione dell’immobile che ospita il Dopolavoro Ferroviario”. “Anche la viabilità di Corso Gramsci”, ha poi concluso il Sindaco, “verrà ridisegnata, consentendovi il posizionamento di Gazebo per favorire il commercio di particolari prodotti ed abbiamo inoltre appreso con soddisfazione l’ipotesi di un trasferimento della Questura nei locali dell’attuale Provincia, anche se siamo al momento ancora in fase di consultazione, circostanza che, se si verificasse, costituirebbe un ulteriore deterrente per la “micro criminalità” e garantirebbe un incremento del livello di sicurezza della zona”.

Per concludere, l’Assessore Ylenia Zambito ha tenuto a precisare che “trattasi di un progetto di riqualificazione urbana che viene da lontano, costruito nel tempo con atti di pianificazione urbanistica coerenti per realizzare una serie di obiettivi, tra cui uno dei primari è quello di far sì che non vi sia una facciata “buona” ed una “trasandata” della Stazione Ferroviaria, attraverso il recupero di spazi importanti prospicenti il Binario 14 di prossima attivazione nell’ambito del progetto “People Mover” che collega Stazione ed Aeroporto Galilei, il tutto nell’ottica di fornire una dimensione diversa, più moderna e soprattutto più accogliente e sicura ad un’Area che, è inutile nasconderlo, rappresenta il “biglietto da visita” per turisti e semplici viaggiatori che usufruiscono dello scalo ferroviario cittadino”.

Immagino che abbiate ben compreso come Pisa abbia veramente intenzione di darsi una “manata di vernice fresca” quanto mai necessaria per cercare di combattere il degrado dell’area prospicente la Stazione, augurandoci che ciò si verifichi nei termini e con le modalità previste affinché quanto prima una delle zone più importanti della città possa finalmente riacquistare quel livello di apprezzabilità che giustamente merita e che le compete.

By