Aree Camper, nuove regole per la sicurezza

PISA – Le aree camper attrezzate devono essere considerate come qualsiasi struttura ricettiva e quindi ci deve essere l’obbligo per i gestori di comunicare i dati alla questura, in via telematica, delle persone che pernottano.

Una svolta non di poco conto in fatto di sicurezza, sollecitata da Confesercenti Toscana Nord attraverso il proprio sindacato Assocamping che si sono rivolti al ministero dell’Interno per avere una risposta definitiva sull’argomento.

Questa novità è stata al centro di un incontro avuto in Comune con l’assessore al commercio Paolo Pesciatini, l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno e il comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli.

Per Confesercenti Toscana Nord il presidente Litorale Alessandro Cordoni e quello di Assocamping Alessandro Burchi. “La risposta che abbiamo avuto dal ministero è stata precisa aldilà di ogni ragionevole dubbio – spiegano Cordoni e Burchi -. Anche nelle aree attrezzate per la sosta temporanea di turisti con propri mezzi, ovvero le aree sosta camper, si applicano le disposizioni che prevedono l’obbligo a carico del gestore o del titolare dell’area di trasmettere le generalità delle persone alloggiate. Questo entro le 24 ore successive dall’arrivo o all’arrivo stesso per soggiorni inferiori alle 24 ore, sempre in caso di pernottamento. Nessuna comunicazione invece – aggiungono i due dirigenti – se non c’è pernottamento ma solo parcheggio”. La conclusione di Cordoni e Burchi.

“Con i due assessori e con il comandante della polizia municipale abbiamo dunque condiviso la necessità di informare tutti i gestori e di provvedere ai controlli in modo anche di avere la conoscenza di chi soggiorna regolarmente sul nostro territorio. Poi per la prossima stagione chiederemo di rivedere anche la collocazione delle aree camper, concentrate in larga parte a Marina di Pisa”.

By