Arma segna, ma il Pisa non conserva. A Teramo solo un 1-1

PISA – Il solito Rachid Arma aveva incanalato il match sul successo nerazzurro, ma questa volta il suo gol non è bastato a dare i tre punti al Pisa che esce da Teramo con un 1-1 che lascia un po di amaro in bocca.

image

La gara parte subito in maniera vivace, il Pisa e’ molto ben messo in campo. Braglia schiera un 3-5-2 con Lisuzzo, Paci e Sini davanti a Pelagotti. A centrocampo gli esterni sono Frediani e Costa. In cabina di regia a centrocampo Iori viene affiancato molto bene da Mandorlini che spesso ripiega anche in difesa e Misuraca, che entra invece nelle azioni offensive più significative della squadra di Braglia. In avanti Arma e il nuovo acquisto Floriano con Rozzio e Finocchio che partono inizialmente dalla panchina. Nella prima frazione il vero protagonista è l’arbitro (il Sig. Fiore di Barletta) che sbaglia le due decisioni più importanti della prima frazione, prima annullando un gol (regolare) a Lapadula e poi assegnando un rigore inesistente: il fallo di Mandorlini su Paolantonio è iniziato fuori area. Mal di poco comunque, il Pisa tra i pali ha un grande portiere, che dopo le lunghe proteste di Iori e compagni che non facevano cambiare idea all’arbitro, ipnotizzava Donnarumma (42′) si tuffava sulla propria destra e intercettava il destro del numero nove di Vivarini. A parte questi due episodi si è visto comunque nel mezzo un buon Pisa con Frediani che nella parte centrale non trovava la zampata vincete su cross da destra di Iori e poco dopo Arma girava a rete un traversone del gioiellino scuola Roma. Il Teramo prendeva coraggio nel finale del primo tempo, quando al 34′ chiedeva il calcio di rigore per un contatto tra Cenciarelli e Iori in area nerazzurra per poi colpire una traversa con Lapadula, che da due passi non sapeva fare di meglio che andare a colpire la trasversale di Pelagotti al termine di una vero e proprio flipper all’interno dell’area che si concludeva con un miracolo proprio dell’estremo difensore nerazzurro, autentico protagonista della prima frazione che si chiudeva dopo due minuti di recupero sullo 0-0. La ripresa si apre senza nessun cambio e dopo neanche un giro di orologio Donnarumma insidia con un diagonale Pelagotti, che però blocca a terra. Il Pisa non sta a guardare e risponde (2′) con una grande discesa di Costa che mette in mezzo per Floriano che aggancia e calcia di sinistro, palla che termina in angolo deviata da u difensore biancorosso. È un buon Pisa anche in questo inizio di ripresa. I nerazzurri spingono sull’accelleratore. Misuraca (14′) divora un contropiede e anziché tirare vero la porta cerca Floriano in mezzo all’area che viene anticipato. In precedenza la formazione nerazzurra si era resa pericolosa con due conclusioni, una di Iori terminata a lato e un altra di Costa altissima. La squadra di mister Braglia comunque dava l’impressione di poter colpire gli abruzzesi. Il gol sembra nell’aria minuto dopo minuto e arriva puntuale al 27′: gran palla di Misuraca che apre a sinistra per Costa che si fa trovare puntuale all’appuntamento con l’assist per Arma, che al centro dell’area tutto solo deve solo appoggiare in rete per il gol dell’1-0. Tredicesimo centro stagionale per il marocchino che si conferma cecchino infallibile nella parte finale di match dove ha realizzato la maggior parte dei suoi gol. Mister Vivarini a questo punto cambia. Fuori Donnarumma e Masullo, dentro Di Matteo e Bucchi. Proprio dai due nuovi entrati nasce all’81’ la rete del pareggio. Cross da destra di Di Matteo per Bucchi che di testa in piena area di rigore anticipa sia Paci che Lisuzzo e deposita in gol: 1-1. Poco prima Lapadula sempre su sponda di Bucchi aveva colpito una traversa a Pelagotti battuto. Il Pisa a questo punto contiene l’avversario che sulle ali dell’entusiasmo cerca adesso di vincere. Al 90′ scontro di gioco tra Di Matteo e Iori con il centrocampista nerazzurro che ha la peggio ed è costretto ad abbandonare il campo in barella. Al 91′ fa il suo ingresso in campo il nuovo arrivato n casa nerazzurro Luca Ricciardi. Alla ripresa del gioco Pisa in avanti con un occasione per Beretta, con la sfera che però termina sul fondo dopo una serie di rimpalli. Finisce 1-1 con un Pisa che lascia il campo con qualche rimpianto.

You may also like

By