Arresto del marocchino a Ponsacco. Il Comunicato di Susanna Ceccardi

PISA – Il marocchino arrestato alle luci dell’alba a Ponsacco per istigazione alla jihad viveva in una casa popolare ed aveva precedenti per spaccio.

susanna ceccardi

Questo dimostra che il modello di integrazione tanto decantato dalla sinistra toscana non è così infallibile visto che proprio in toscana sono state sgominate varie cellule terroristiche tutt’altro che integrate. Inoltre la riflessione dell’assegnazione dei servizi comunali deve essere più attenta. Non è possibile che la gran parte delle risorse locali debba essere destinata per aiutare persone con precedenti penali anche molto gravi a scapito di cittadini incensurati. Le case popolari si sono ormai trasformate in istituti dove molti assegnatari,spesso stranieri, scontano gli arresti domiciliari. Nei regolamenti comunali di attribuzione dei servizi comunali dovrebbe essere assegnato un punteggio maggiore a chi ha la fedina penale pulita. Presenterò in consiglio comunale una proposta di modifica al regolamento, la sinistra non può schierarsi ancora una volta dalla parte dei delinquenti e dovrà rendere conto alla gente per bene che aspetta da anni in lista per un alloggio.

Fonte: Susanna Ceccardi – Capogruppo lega nord cascina

By