ArTempio di Montefoscoli il Festival di arti vaghe

PISA – Il 26 e 27 agosto il Tempio di Minerva Medica di Montefoscoli (PI) sarà luogo d’arte a tutto tondo, con musica, teatro, poesia, video, cucina, pittura e molto altro.

Per il terzo anno consecutivo, ad ArTempio l’arte sarà interpretata nel modo più ampio (e vago) possibile. Con il solito “gioco” che perdura dalla prima edizione, le arti canoniche (musica, teatro, pittura…) saranno accompagnate da “arti dell’intelletto”, per cui ogni intervento sarà introdotto con definizioni quali “l’arte di arrangiarsi”, “l’arte di dis-Integrarsi”, “l’arte di prenderlo”, fino a ”l’arte dell’innanzicena” e ovviamente “l’arte di concludere”.

Quest’anno inoltre, il Festival sarà caratterizzato da un “titolo accompagnatorio”, pertanto “ArTempio” diventa “ArTempio (dell’accoglienza)”. Infatti il Tempio che sin dalle sue origini ha accolto personaggi storici illustri provenienti da altre nazioni quali Percy Bysshe Shelley, George Gordon Byron, Giovan Pietro Vieusseux, in occasione del festival accoglierà artisti stranieri e non anche con esperienze internazionali che ci faranno conoscere la cultura dei lori paesi attraverso performance musicali e teatrali affiancate da momenti di riflessione sul fenomeno dell’immigrazione.

Sabato 26 alle 21:01 verrà inaugurato il festival con “Notte ArTempio”, una serata dove si alterneranno vari artisti, tra spensieratezza e impegno civile. Gian Luigi Flauret, attore di origini labronico-francesi, per il secondo anno consecutivo presenterà al Festival una propria produzione originale, scritta e interpretata appositamente per ArTempio.

L’associazione Olifante teatralizzerà un invito alla lettura in occasione di un’importante ricorrenza. La Compagnia del Cespuglio Potato metterà in scena uno spettacolo che narra l’antica storia di un noto fanciullo alle prese con problematiche legate alla propria condizione di immigrato. La serata si chiuderà in musica col grande ritorno al Festival dei Tofarée Ita-Guinè.

La domenica pomeriggio prevede due momenti distinti. Alle 16:07 “Dintorn’e dentr’ArTempio”, un format che sviluppa e amplia un’idea sperimentata lo scorso anno. Musicisti, attori, affabulatori, pittori e artisti di ogni genere e sorta sbucheranno come funghi e creeranno situazioni intime che coinvolgeranno totalmente il pubblico. Ci va di sottolineare, tra gli altri, la presenza di artisti da Gambia, Nigeria, Francia, Torino, Messico e Livorno.

Mentre il bosco si anima con performance dal vivo, all’interno del Tempio verrà proiettata una video intervista a Giovanni Guerrieri, fondatore della compagnia teatrale dei Sacchi di Sabbia. L’attore illustrerà vicende note e meno note di Andrea Vaccà Berlinghieri, il medico che agli inizi dell’ottocento fece costruire il Tempio di Minerva Medica.

La chiusura ufficiale del Festival inizierà alle 18:29 con “Oltr’ArTempio”. L’arte della buona cucina, a cura dell’Azienda Agricola “al Tempio di Minerva”, verrà accompagnata dalla musica e dalle parole del gruppo cantautoriale “Riego”.

Nei due giorni sarà possibile visitare liberamente il Tempio. Questo edificio, assieme ai suoi dintorni (boschetti, radure, sentieri) è la location ideale per il “Festival delle Arti Vaghe”. Costruito due secoli fa, sorprende per le decorazioni intessute di una fitta simbologia e continua ancora oggi ad esercitare un grande fascino. Come luogo del Risorgimento, atto al confronto filosofico, politico e morale, “tempio dell’intelletto” e quindi delle Arti stesse, il Tempio valorizza ed è al tempo stesso valorizzato dal festival ArTempio.

ArTempio sarà realizzato grazie alla generosa ospitalità della famiglia Donalisio, ai contributi di Toscana Energia e della Cooperativa il Girasole 2002, con il patrocinio del Comune di Palaia e la collaborazione di associazioni quali il Comitato di Promozione Culturale di Montefoscoli e la Pubblica Assistenza di Palaia. Il tutto, sotto l’attenta e indispensabile direzione dell’associazione Olifante e di Sandro Ceccanti.

Nei due giorni, sarà attivo un bus navetta gratuito da e per il centro di Montefoscoli, il ritrovo sarà al percheggio in Via dei Fossi.
Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito. In caso di maltempo il programma si svolgerà all’interno del Tempio. Per ulteriori informazioni è possibile scrivere una mail a info.artempio@gmail.com o cercare “ArTempio” fra gli eventi Facebook.

By