Ascoli – Pisa 2-4 I nerazzurri calano il poker ad Ascoli. Doppio Masucci, Mannini e Angiulli stendono i bianconeri al “Del Duca” dopo 25 anni

PISA – Il Pisa trova il suo primo successo esterno in campionato (3-1) sul campo dell’Ascoli. La formazione di mister Gattuso in maglia rossa dopo essere andato sotto al 3′ ha ribaltato il risultato con la doppietta di Masucci e la rete di Mannini. Nella ripresa dopo la rete di Cacia del 3-2 la rete di Angiulli ha chiuso il match sul 4-2. Una VITTORIA che mancava ad Ascoli da 25 anni. La vittoria al Pisa in trasferta mancava da ben un anno. Per la squadra di mister Gattuso che sale a quota 31 punti è il sesto risultato utile consecutivo.

 di Antonio Tognoli (Fotoedoimagefotografiche)
Dopo undici risultati utili consecutivi L’Ascoli è costretto ad arrendersi ai nerazzurri così come nella gara di andata. Gattuso schiera inizialmente un 4-3-3 sceglie Mannini terzino destro e sacrifica Golubovic che parte dalla panchina. In attacco di sono Masucci, Manaj e Gatto. Aglietti invece preferisce Slivka a Bianchi e Almici a Mogos e sceglie Felicioli al posto di Mignanelli. In attacco ci sono Cacia e Favilli con Leo Gatto che inizialmente parte dalla panchina.
La gara era iniziata nel peggiore dei modi per il Pisa che andava sotto al 3′ dopo un palla persa da Di Tacchio, che favoriva la discesa di Cacia, palla in verticale per Favilli che saltava Del Fabro e in diagonale batteva Ujkani: 1-0. Il Pisa però non si disuniva e reagiva subito. Longhi veniva ammonito per un fallo su Favilli. Poi però al 7′ Angiulli impegnava Lanni con un diagonale di sinistro. Il Pisa continuava nella sua azione di attacco e sale in cattedra Manaj, che prima ci prova con un sinistro al volo con palla alta e poi impegna di destra Lanni. L’Ascoli era troppo passiva. I nerazzurri al 25′ conquistavano un calcio di punizione. Si incarica della battuta Angiulli che con un rasoterra sul secondo palo pescava Masucci, che in spaccata depositava alle spalle di Lanni. Il pareggio rinfrancava il Pisa che continuava ad attaccare. Massimiliano Gatto rubava un bel pallone al limite, ed era steso da Augustin. Ammonizione per il difensore di Aglietti e calcio di punizione per il Pisa dal limite. Mannini allontana Manaj dal punto di battuta. Il numero sette calcia sulla barriera e poi riprende al volo con il destro e complice una deviazione di Addae termina alle spalle di Lanni: 2-1 per i nerazzurri che ribaltano tutto nel giro di undici minuti. Ma non è un Pisa sazio del risultato. La squadra di mister Gattuso continua a giocare e al 42′ cala il tris: grande azione manovrata dei nerazzurri: cross di Gatto dalla sinistra con Masucci che in mezzo all’area gira con il sinistro alle spalle di Lanni. Un tiro di potenza e precisione che porta sul 3-1 i nerazzurri. Pochi secondi prima della fine della prima frazione c’è tempo per il colpo di testa di Orsolini che da pochi passi chiama Ujkani alla parata con la manona destra che toglie la palla dalla porta. La prima frazione termina sul 3-1 per il Pisa.
 Al ritorno in campo cambio per Aglietti: dentro Leonardo Davide Gatto fuori Lazzari. L’Ascoli è subito pericoloso e soffre le scorribande di Leo Gatto sulla destra. Dopo un errore di Cacia sotto misura (2′) il Pisa subisce al 3′ il 3-2: sinistro a giro di Orsolini, Ujkani respinge con la mano sinistra, ma sulla testa di Cacia che deposita in rete da due passi. LAscoli che continua nei suoi attacchi e mette sotto pressione il Pisa. Al 15′ però primo cambio nel Pisa. Gattuso inserisce Golubovic e richiama in panchina Manaj e passa al 4-4-2 riportando Mannini sulla linea di centrocampo. Al diciottesimo il Pisa trova il poker con un sinistro di Angiulli che trova la deviazione di un difensore che spiazza Lanni. Il Pisa si porta dunque sul quattro a due.  Aglietti opera il secondo cambio al 24′: dentro Bentivegna fuori Orsolini. Intorno alla mezz’ora per il Pisa entra Cani ed esce Max Gatto. Il cambio sancisce la fine della sfida dei due fratelli Gatto, mentre nellAscoli entra per l’ultimo cambio del match Bianchi al posto di Slivka. I nerazzurri cercano di addormentare il match. L’Ascoli si fa pericoloso con Cacia, anticipato da Ujkani. Poco prima però Di Tacchio era finito nella lista degli ammoniti. Un giallo pesante. Di Tacchio era in diffida e salterà la gara di martedì sera contro il Carpi. Ultimo cambio per Gattuso a quattro minuti dalla fine: dentro Zammarini al posto di Verna, ma la gara ormai ha poco da dire. Il Pisa esce vittorioso dal Del Duca.
ASCOLI – PISA 2-4

ASCOLI (4-4-2): Lanni; Almici, Augustyn, Mengoni, Felicioli; Orsolini (70′ Bentivegna), Slivka (75′ Bianchi), Addae, F. Lazzari (46′  L. Gatto); Cacia, Favilli. A disp: Ragni, Bianchi, Carpani, Perez, Gigliotti, Mignanelli, Mogos. All. Alfredo Aglietti

PISA (4-3-3): Ujkani; Mannini, Del Fabro, Milanovic, Longhi; Verna (86′ Zammarini), Di Tacchio, Angiulli; Masucci, Manaj (60′ Golubovic), M.Gatto (74′ Cani). A disp: Cardelli, Birindelli, Lazzari, Peralta, Tabanelli, Zonta All: Rino Gattuso

Arbitro: Minelli di Varese (Soricaro-Galetto). Quarto uomo Zingarelli

Marcatori: 3′ Favilli (A), 25′ e 42′ Masucci (P), 37′ Mannini (P), 48′ Cacia (A), 65′ Angiulli (P)

NOTE: Ammoniti: Longhi (P), Augustyn (A), Di Tacchio (P), Mannini (P). Angoli 8-3. Recupero: 1′ pt, 4′ st

By