Aspettando Teramo… Il Punto di Giovanni Manenti

PISA – La Spal ha rallentato Pisa e Carrarese (entrambe con una partita da recuperare) accorciano le distanze dalla vetta, crollano Arezzo e Rimini che esonera anche Pane, sprofondano in classifica L’Aquila e Lucchese, mentre il Teramo annulla la penalizzazione.

di Giovanni Manenti

Sono questi, in sintesi, i verdetti di una sesta giornata che non si può certo definire avara di sorprese e che rende il campionato sempre più avvincente sia in testa che in coda.

Tocca al Prato di Mister De Petrillo togliere i primi due punti della stagione alla capolista Spal, costretta al pareggio a reti bianche al “Lungo Bisenzio” al termine di un incontro dominato dal tatticismo e nel corso del quale gli estensi, pur mantenendo un costante predominio territoriale, non sono riusciti a venire a capo dell’ordinato dispositivo difensivo dei lanieri. Del mezzo passo falso della compagine emiliana ne approfittano il Pisa, che fa suo il derby casalingo con il Tuttocuoio grazie ad una prodezza del subentrato Varela ad inizio ripresa e la Carrarese che espugna il Comunale di Arezzo con un perentorio 4-1 maturato nella seconda frazione di gioco e sul quale pesa come un macigno l’espulsione di Milesi in occasione della concessione del rigore trasformato da Erpen per l’iniziale vantaggio degli ospiti. Rallentano viceversa la propria rincorsa al vertice della classifica sia l’Ancona, raggiunta in extremis dalla Maceratese al termine di un derby condizionato sia dalle avverse condizioni meteo che dall’espulsione, per doppia ammonizione, del capitano dei dorici Mallus a metà secondo tempo, che il Siena il quale, impattando per 1-1 sul campo di un Santarcangelo giunto al quinto pareggio su altrettanti incontri disputati, vede altresì terminare l’inviolabilità della propria porta dopo oltre 400 minuti, in virtù della rete messa a segno dall’ex nerazzurro Guidone al quarto d’ora di gioco e pareggiata dal subentrato Mendicino a metà ripresa. Si affacciano ai quartieri nobili della classifica il Pontedera che torna al successo travolgendo al “Mennucci” il malcapitato Rimini con un perentorio 6-0 figlio di una partenza lampo che vedeva i padroni di casa portarsi al doppio vantaggio dopo appena 7′ e nel quale spicca la doppietta dell’ex nerazzurro Scappini giunto già alla quarta marcatura stagionale, così come la Pistoiese che fa suo il derby casalingo con la Lucchese grazie alla rete di testa su corner di Sinigaglia al quarto d’ora della ripresa e rischiando la beffa nel finale dopo aver fallito il penalty del raddoppio con Di Bari a 10′ dal termine e colpito la traversa ancora con Sinigaglia due minuti dopo.

Giornata positiva, infine, per le due grandi penalizzate Teramo e Savona, con i liguri che espugnano il campo di un’Aquila sempre più in crisi e giunta alla quarta sconfitta consecutiva, grazie alla rete messa a segno dall’ex Virdis in avvio di gara, mentre il Teramo liquida la pratica Lupa Roma ad inizio ripresa calando un micidiale tris (con doppietta del subentrato Petrella), complice anche una difesa avversaria apparsa alquanto imbarazzante.

By