Associazione Lungofiume. Al Giardino della Pieve si parla di “Fake People”

CASCINA – Dal bot razzista di Microsoft ai troll della campagna elettorale statunitense fino ai finti seguaci dei politici nostrani, il libro “Fake people” racconta uno dei fenomeni più controversi dei social media.Cascina. Martedì 11 agosto al Giardino della Pieve di San Casciano alle ore 21.15, nell’ambito della rassegna Incontri al Giardino organizzata dall’associazione Lungofiume, si terrà la presentazione del volume “Fake people” edito da “Codice”.

Saranno presenti oltre al conduttore della serata Massimo Marini, gli autori che sono Maurizio Tesconi ricercatore dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa e Viola Bachini divulgatrice scientifica. 

Maurizio Tesconi è un esperto di cybersecurity ma soprattutto di falsi profili sui social, un vero e proprio segugio digitale che mette il suo sapere e la sua esperienza ad uso e consumo dei lettori oltre che della comunità scientifica. Sui social media, la probabilità di incontrare un profilo falso è altissima. Oltre a individui che non dichiarano la propria identità, si possono incontrare i social bot, programmi automatizzati dietro i quali si nascondono algoritmi così sofisticati da essere indistinguibili dalle persone in carne e ossa.

Ma i social bot, utilizzati per gli scopi più disparati, non sono tutti uguali: ci sono quelli “buoni”, che per esempio inviano in automatico un tweet in caso di terremoto, ma ci sono anche quelli meno virtuosi.  Il libro racconta questo variegato universo: dal bot razzista di Microsoft ai troll della campagna elettorale statunitense fino ai finti seguaci dei politici nostrani, passando per la truffa dell’algoritmo che fece schizzare alle stelle le azioni di un’azienda fantasma.

Un racconto affascinante che accompagna le interviste ai professionisti più importanti del settore, per rivelare le sfide che affronta chi i bot li crea e chi dà loro la caccia. Prenotazioni al 339 8269696

By