Associazione Partite Iva insieme per cambiare presenta proposte alle istituzioni per evitare il collasso

PISA – Il Gruppo di lavoro Associazione Partita Iva ha inviato al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Presidente del Senato e al Presidente del Parlamento della Repubblica Italiana al fine di dare una rinascita alle partite iva. Lo rendo noto Tiziano Dalle Luche, coordinatore per la Regione Toscana dell’ASSOCIAZIONE PARTITE IVA INSIEME PER CAMBIARE.

Il nostro GRUPPO, costituitosi in Associazione il 12 novembre 2019, è formato da oltre 450.000 membri a livello Nazionale e oltre 2.000.000 simpatizzanti, con lo scopo di dare voce alle varie categorie produttive e intende partecipare alla politica-sociale in maniera attiva per tutelare gli interessi della parte più attiva del Paese.

Il GRUPPO si è organizzato in tutte le regioni con coordinamenti provinciali per dare rappresentanza delle Partite IVA, che attualmente ritengono di non essere rappresentate in alcun modo. Gli associati esprimono totale insoddisfazione rispetto alle misure fin qui adottate dal Governo, hanno condiviso le problematiche derivanti periodo di lockdown e intendono presentare proposte concrete per la realizzazione di un URGENTE tavolo di concertazione, al fine di continuare a garantire la regolare contribuzione alle entrate statali, considerato che le PMI rappresentano la spina dorsale del tessuto economico italiano contribuendo a fornire la maggior parte del gettito fiscale al Paese.

Le misure, adottate nei diversi provvedimenti del Governo non colgono le reali esigenze del tessuto economico e non sono risolutive dei gravissimi danni subiti dalle strutture aziendali e da tutti i contribuenti, poiché tali provvedimenti legislativi vengono ritenuti ingiusti e inadeguati alle istanze, esigenze e necessità degli imprenditori e dei professionisti. Inoltre nella fase 2, nella quale è assolutamente prevedibile una prospettiva di business ridotta, gli adeguamenti che verranno imposti, dovranno essere oggetto di specifica valutazione dei costi, ed essere eseguiti con di risorse finanziarie a fondo perduto e non con di ulteriori prestiti.

Tutto ciò premesso

41 comma 1 della Costituzione Italiana, viene altresì meno la
, in cui Tutti sono tenuti a concorrere alle

spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Tenuto conto che l’Organizzazione mondiale della sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19
un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;
Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di
emergenza sul territorio nazionale per il rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali
trasmissibili;
Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza
epidemiologica da COVID-19, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 marzo 2020, n. 13;
Visto e considerato quanto sopra espresso -19;
in riferimento alle PMI, di partecipare alla contribuzione dei carichi fiscali e contributivi del paese, come nei periodi di
ordinaria attività.

LE RICHIESTE

1) La cancellazione dei debiti d’imposta, tasse, contributi, di qualsiasi ente statale, anche locali, (compreso gli
acconti d’imposta sul reddito 2020), ad esclusione dell’IVA, per un periodo di 18 mesi e per tutte le PMI
individuabili per dimensione a quelle n
2477 del codice civile.
2) La sanatoria di tutte le pendenze fiscali e contributive compresi i tributi locali tenendo conto della effettiva
capacità contributiva dei singoli soggetti, così come stabilito dalla Carta Costituzionale della Repubblica
Italiana.
3) Attuazione di tutte le forme di finanziamento a fondo perduto con tutte le forme possibili;
I Finanziamenti a fondo perduto dovranno essere concessi a tutte le Partite IVA con una procedura che
consenta di valutare in maniera specifica, certificata tramite una perizia giurata redatta da un revisore
legale, contenente i danni economici subiti;
Altresì, includendo:

La rinegoziane dei finanziamenti in essere, essendo gli stessi appartenenti a business-plan non
più attuabili ffari in essere
e prospettico;
Un c anti-covid19, per dipendenti e
clienti, (paratie igienizzanti, sanificazioni impianti di trattamento aria, etc.)

4) Per le famiglie, i lavoratori dipendenti privati, lavoratori autonomi, collaboratori di qualsiasi forma, aventi un
reddito non superiore ai 60 mila euro annui, un accredito diretto, ai propri conti correnti da 1.000 ai 2.500
euro mensili per 18 mensilità, stabilito attraverso un algoritmo di calcolo da concordare e ispirato ai principi
Costituzionali.
5) Inoltre CHIEDIAMO che sia istituito un TAVOLO DI DISCUSSIONE a cui partecipare in rappresentanza
delle PARTITE IVA e riguardante la riduzione del carico fiscale e del costo del lavoro, il riconoscimento delle
tutele, la semplificazione burocratica degli adempimenti e nuove forme di regolamentazione per
credito e per il potenziamento e lo sviluppo della competitività delle imprese Italiane coinvolgendo il garante
della concorrenza rispetto alle vendite online da parte delle multinazionali estere e per studiare maggiori e più
incisive tutele del Made in Italy.

Con osservanza

By