Bagno di folla per Matteo Renzi ad Ospedaletto: “Il futuro siamo noi”

PISA – Incontro pubblico a Ospedaletto dove ieri sera Matteo Renzi ha parlato ai suoi simpatizzanti Pisani in vista delle primarie del PD. Pisanews era presente all’evento e riporta i passi più importanti del discorso del Sindaco di Firenze.

Si avvicinano le primarie del P.D. previste l’8 Dicembre e il principale favorito, il sindaco di Firenze Renzi, si prepara agli ultimi 15 giorni di campagna elettorale. Il tour elettorale faceva tappa nella nostra città. Ad accoglierlo all’ hotel Plaza centinaia di pisani,tra cui molti iscritti e simpatizzanti del P.D. ma non solo. L’ingresso è quasi trionfale e dopo qualche battuta sui risultati di Pisa e Fiorentina, paragonando quest’ultima al P.D. quando gioca bene e perde, inizia l’incontro.Il neo leader della sinistra e quelli che molti prevedono come futuro premier, intervalla nel suo intervento, durato poco più di un’ora brevi filmati, dati e lodevoli intenzioni ma spesso generiche, battute di spirito che rendono più leggera la serata ma spesso prevedibili.

Le prime critiche riguardano il complicato regolamento delle primarie che prevedono il voto anche per i non iscritti, incitando i presenti a partecipare al voto dell’8 Dicembre. L’appuntamento del prossimo mese, interno al Partito Democratico, riguarda il futuro di tutti e per l’attuale primo cittadino di Firenze sono decisive per la sinistra e il futuro del paese in cui bisogna coinvolgere più persone possibile. Dopo si passa ad una velata critica al governo perché da questi 6-8 mesi di legislatura il paese non ha tratto alcun beneficio tangibile. Lo stesso ragionamento riguarda gli 8 milioni di persone che hanno votato Grillo per un cambiamento. Renzi poi passa a parlare della situazione socio-economica della nazione. ”Non è vero- sostiene- che l’Italia non ha più chances o sia in declino irreversibile. Semplicemente e l’ora di prendere delle decisioni e mettere dei progetti in cantiere. Se vediamo il bilancio commerciale dell’Italia, notiamo come siamo in deficit non solo sull’energia ma addirittura su 2 settori come turismo e nel settore alimentare nei quali dovremmo essere imbattibili perché sono sempre stati un nostro simbolo nel mondo. Questo è un paese dove non funziona niente ma che con le sue potenzialità potrebbe essere tra i migliori al mondo. La politica continua a rimandare i problemi, paga i manager pubblici il doppio degli altri e ha creato un sistema fiscale insostenibile che colpisce sempre i più deboli, salvando sempre i più forti come i proprietari di slot machine. Il P.D. deve avere coraggio perché ora rappresenta la maggioranza del governo e davanti ha un PDL che finge di spaccarsi per variegare l’offerta politica. Ora il P.D. dopo aver esaurito tutte le volontà e i capricci del PDL, sarebbe bene facesse qualcosa di ciò che ha promesso presente nel programma”.

L’idea che Renzi ha del PD è illustrata da una serie di spot di grandi aziende che esaltano l’unità e la solidarietà viste come strumenti che danno la forza di andare avanti e sostenere chi si trova in difficoltà. Basta con le correnti ed è ridicolo definire le persone con il nome di capo-corrente.” La comunicazione-continua – è la base della società non solo del commercio, visto che un’azienda, una coppia ed una famiglia così come un partito, senza un efficace livello comunicativo non và avanti. Nel nostro programma ci devono essere poche cose e chiare, non un elenco infinito come nel passato, basandolo su riforme istituzionali,stato sociale e un piano di sviluppo. Per il primo argomento l’importante è che alla fine delle elezioni si sappia chi ha vinto e quindi di chi sono le responsabilità di governo. Basta applicare la legge già esistente nei comuni. Diminuzione dei posti e quindi dei costi della politica, perché ce ne sono troppi. Le province vanno tolte, comprese quelle toscane, anche se per Pisa e Livorno non sarà facile visto che come disse Benigni, sono le uniche divise da una base militare americana. Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti che devono vivere del finanziamento di elettori e simpatizzanti. Inoltre bisogna rendere la creazione d’impresa cosa appetibile in Italia o almeno semplice. Invece il PD fa’ le manifestazioni sulla povertà che non servono a nulla. Oggi la delocalizzazione delle aziende non avviene più in Asia, dove peraltro si localizzeranno quasi metà delle aziende mondiali nei prossimi anni, ma in nazioni a noi vicine come Germania, Austria o Francia. Non perché il costo del lavoro è più alto, anche se ai dipendenti esteri rimane comunque qualcosa di più in tasca, ma a causa dell’eccessivo costo dell’energia e per una burocrazia molto più rapida e assai meno costosa, con leggi certe mentre in Italia cambiano sempre nome massacrando i soliti. Il PD ha perso il suo elettorato di riferimento; prima forza politica tra pensionati e lavoratori dipendenti ma terza tra operai, disoccupati e liberi professionisti. Per cambiare il mercato del lavoro bisogna riformare i corsi di formazione, oggi più utili per i formatori e assai meno per chi cerca lavoro. Stesso discorso vale per i centri per l’impiego. Altra assurdità è l’italianità delle aziende che ha un senso solo se così si crea occupazione e si moltiplica il fatturato. Il problema è che gli investimenti esteri in Italia sono dimezzati negli ultimi anni. Invece si cerca sempre di dare la colpa all’Europa che si tratta di un grande progetto culturale e politico ideato da grandi statisti ma che si deve ancora portare a termine. Un’altra riforma importante riguarderà la cultura in primis la scuola”. Conclusione affidata alla concezione della politica come arte al servizio delle persone che deve saper comunicare e trasmettere dei valori. Il giovane leader riparte per il suo tour, comunque la si pensi vedendo anche età e qualità dei concorrenti il futuro è dalla sua parte.

SOTTO I PRINCIPALI MOMENTI DELLA SERATA DI RENZI A PISA (foto pisanews.net)

l’ingresso di Renzi nell’auditorium001l’entusiasmo del pubblico prima dell’inizio della serata003004

 

 

 

 


Renzi in un momento del suo intervento006

You may also like

By