Bagno di folla a Lodrone di Storo per la squadra nerazzurra

PISA – Scherza Davide Moscardelli alla prima uscita stagionale nell’arena in granito a Lodrone di Storo davanti a oltre un centinaio di tifosi, ambasciatori dei supporter nerazzurri.

Si accontenta di un semplice “Ciao, benvenuti, buonasera”. Poche parole accompagnate dal sorriso ma capaci di racchiudere i sentimenti di gioia per la stagione appena conclusa e le speranze di un cammino positivo nella nuova stagione in Serie B.

sdr

Cori e incitamenti si sprecano per la formazione assiepata sui gradoni di solida roccia di questa terra, che da quattro anni ospita il Pisa. Cori e incitamenti per tutta la squadra ma che salgono di volume quando al microfono arriva l’allenatore della vittoria, Luca D’Angelo. “Spero che a fine anno cantiate ancora – dice agli scatenati tifosi -. Grazie per essere venuti e dell’affetto continuo. Speriamo di divertirci anche quest’anno”.

Dinnanzi alla Chiesetta del Lodron – la famiglia dei principi vescovi del Trentino la cui storia è legata da un lato allo sviluppo sociale ed economico di Salisburgo e dall’altro al sacco di Roma perpetrato dai lanzichenecchi, che qui erano di casa – esce il temperamento dei pisani e la voglia di raggiungere obiettivi importanti, in linea con la storia della città. D’altronde questa è la stagione che scandisce i 110 anni della nascita della società, i 100 dell’Arena Garibaldi e i 20 della morte di Romeo Anconetani. La cui figura sarà ricordata nel prossimo fine settimana con l’esposizione di trofei (a cura dell’Associazione Cento) capaci di abbinare storia e attualità nerazzurra.

Tocca a Robert Gucher il ruolo di ambasciatore. “Grazie a tutti per essere venuti. Come lo scorso anno l’affetto si è sentito subito, fin dal primo giorno. Questa è la strada giusta. Solo tutti assieme possiamo raggiungere gli obiettivi. Un benvenuto ai nuovi arrivati che si sono già inseriti alla grande. Ora ci tocca lavorare”. È poi iniziata la Festa nei vicini stand enogastronomici allestiti dalla Pro Loco di Lodrone. Balli e musica hanno accompagnato tutti (squadra esclusa) a tarda notte. 

Venerdì 26 luglio è previsto incontro che permetterà ai tifosi di rivolgere domande a Mister d’Angelo e a due giocatoriSabato 27 e domenica 28 saranno poi esposti allo Stadio Grilli di Storo dei cimeli legati alla storia dei nerazzurri grazie alla collaborazione di Pisa Sporting Club, dell’Associazione Cento e dell’amministrazione comunale di Pisa.

Il ritiro di Pisa Sporting Club è reso possibile dalla sinergia tra Consorzio turistico Valle del Chiese, Bim, Comune di Storo, Trentino marketing e assessorato al Turismo del Trentino retto da Roberto Failoni, con il supporto operativo della società calcistica del CalcioChiese e delle realtà di volontariato della valle.

TUTTE LE INFO SU: www.visitchiese.it anche per quanto attiene prenotazioni alberghiere e la possibilità di svolgere attività collaterali. Sui canali web e social di Pisa Sporting Club. È attiva la pagina FB Ritiro Ac Pisa in Valle del Chiese – Trentino  (@AcPisainTrentino), che proporrà notizie e curiosità.

By