Banca MPS-Confesercenti: accordo da 15 milioni per gli stabilimenti balneari

PISA – Quindici milioni di euro a disposizione degli imprenditori balneari per investire nei propri stabilimenti. Questo il risultato di un accordo siglato da Banca Monte dei Paschi di Siena con il sindacato Fiba di Confesercenti Toscana Nord per sostenere un settore che in questi anni ha vissuto un periodo di incertezza con una ridottissima propensione agli investimenti.

L’accordo prevede un plafond per finanziare sia gli interventi di riqualificazione delle strutture che l’acquisto di attrezzature, con una durata da 3 a 20 anni a condizioni agevolate.

Il turismo ha un peso rilevante per l’economia della nostra Regione ed è un settore trainante che va sostenuto e finanziato – Patrizio Fabbri, Responsabile Direzione Territoriale Pisa di Banca Mps -. Proprio per questo motivo, con Confesercenti Toscana Nord, che ringrazio per la collaborazione, abbiamo creato questo plafond che favorisce gli investimenti e affianca gli imprenditori. Come Banca del territorio siamo molto soddisfatti perché l’accordo raggiunto riconferma la nostra vicinanza alle aziende e alle famiglie che credono in questo settore e che concorrono allo sviluppo di un’attività strategica per la Toscana. Ricordo che il plafond è già disponibile per tutte le associazioni di categoria interessate e che i colleghi delle filiali possono fornire chiarimenti e informazioni“.

Abbiamo voluto tarare un prodotto ad hoc per gli stabilimenti balneari – spiega il responsabile dell’ufficio credito di Confesercenti Toscana Nord, Francesco Biagioni – innanzitutto puntando su tassi di eccellenza a partire dall’1,2%; previste anche durate lunghe in caso di investimenti più importanti. Tutto questo con commissioni scontate, commissioni che comunque già così sono concorrenziali rispetto a quelle di altri soggetti“.

Sono stati proprio gli imprenditori a chiederci un prodotto finanziario in questa fase delicata – aggiunge il coordinatore dei balneari pisani di Confesercenti, Gianluca Tiozzo -. Questo anche alla luce della nuova legge regionale sul turismo (la 31 del 2016) che lega proprio gli investimenti alla possibilità di chiedere l’atto formale per il rinnovo delle concessioni fino a vent’anni. Ovviamente gli investimenti richiesti – conclude Tiozzo – sono proporzionali alla tipologia di stabilimento balneare ed al volume di affari. Per questo abbiamo messo in campo diverse tipologie di finanziamenti in grado di accontentare le diverse fasce. Un grazie al Monte dei Paschi, nostro storico partner, che ha accolto il nostro invito preparando un prodotto innovativo e forte impatto“.

By