Bancarellai, irruzione in Consiglio Comunale

PISA – E’ stato un Consiglio Comunale a dir poco movimentato quello che si è tenuto ieri, martedì 15 ottobre a Pisa.

Dopo la risposta al consigliere Ciccio Auletta (Unacittàincomune-prc) dell’assessore Ylenia Zambito sul Porto di Marina di Pisa (“non c’è alcuna richiesta per costruire case e negozi”), quella al consigliere Raffaele Latrofa (Noiadessopis@) su Via Norvegia (“abbiamo un progetto di recupero dell’intera area”) e, infine, quella al consigliere Sandro Gallo (PD) su Apes (“rispetteremo il contratto di servizio”), il Consiglio Comunale, dopo un lungo confronto tra tutte le forze politiche, ha approvato un ordine del giorno della maggioranza sulla questione di Lampedusa, con il quale si chiede, tra l’altro, l’abrogazione del reato di immigrazione clandestina e un corridoio umanitario per i profughi. Al termine di questa lunga discussione lo stesso Consiglio Comunale è stato poi sospeso per consentire un incontro con un gruppo di bancarellai del Duomo e dove non sono mancati momenti di grande concitazione.

E domani nuova seduta del Consiglio Comunale, (inizio dalle 15, Sala Regia di palazzo Gambacorti) che vedrà, all’ordine del giorno, il programma di mandato del Sindaco Filippeschi e la nomina di un rappresentante del Comune di Pisa presso il Museo della grafica di palazzo Lanfranchi.

Infine, il Consiglio Comunale voterà alcune mozioni come, ad esempio, quella sull’acqua pubblica, proposta dal consigliere Ferdinando De Negri (PD), quella sulla nomina del garante dei detenuti, proposta dal consigliere Ciccio Auletta(Unacittàincomune-prc), quella sullo stadio, proposta dal consigliere Maurizio Nerini (NOiadessopis@),quella sulle slot machine, proposta dalla consigliera Valeria Antoni (M5S) o quella, sulla crisi delle locazioni, prostra dal consigliere Giovanni Garzella (PDL).

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Pisa

20131016-163157.jpg

By