Bancarellai, tregua armata. Tutti d’accordo. Filippeschi: “No alla variazione del Piano del Commercio”

PISA – Tregua armata, ma tregua, sulla questione dello spostamento delle bancarelle del Duomo in Consiglio Comunale.

Tutti i gruppi consiliari di maggioranza e di minoranza hanno evitato di presentare mozioni od ordini del giorno sul tema per consentire al Sindaco Marco Filippeschi di presentarsi con l’autorevolezza necessaria alla conferenza dei servizi di stamani, che dovra’ discutere dell’argomento, in Prefettura.

La posizione illustrata dal Sindaco ha il suo cardine nella accelerazione della gara per lo stralcio del cosiddetto UMI 1 nell’area del Santa Chiara dove dovrebbero trovare posto le bancarelle attualmente sotto sfratto da Piazza dei Miracoli per i lavori al muro del vecchio Ospedale: la gara sara’ svolta dall’Azienda Ospedaliera e per essa hanno gia’ manifestato formale interesse i bancarellai.

Ci vorra’ pero’ tempo per arrivare ad una sistemazione, in quel lotto ed ecco la contropartita offerta dal Sindaco: l’impegno a non variare il piano del commercio lasciando uno spiraglio aperto, nell’ intervallo tra la fine dei lavori sul muro dell’Ospedale e la disponibilità’ dello spazio UMI 1 anche al temporaneo ritorno sulla Piazza dei Miracoli.

Le incognite sono molte anche legate alla posizione del Ministero dell’Ambiente che gestisce i vincoli monumentali. Ma e’ prevalsa – anche nei molti bancarellai presenti alla seduta – la convinzione che senza una posizione forte veicolata dal Comune di Pisa la soluzione per il riassetto dell’area non si trovi.

20130920-011811.jpg

You may also like

By