Bancarelle in piazza Cocco Griffi. La proposta dell’Ass. Ferrante e l’intervento del presidente di ConfcommercioPisa

Pisa – E’ stata avanzata la proposta di spostare le bancarelle in Largo Cocco Griffi. A proporlo è l’assessore Ferrante e a rispondere repentinamente è Franco Palermo, presidente della Fiva ConfcommercioPisa.

Palermo commenta sostenendo: “Dopo tanti anni, siamo stufi di queste continue ricollocazioni temporanee delle bancarelle, e la proposta dell’assessore così come formulata ad oggi ci lascia molto perplessi, in particolare per le dimensioni dei banchi che non possono essere sacrificate. Però, prima di dare un giudizio definitivo, vogliamo verificare nel dettaglio e con grande attenzione gli estremi del progetto di ricollocazione”.

Non nascondo” – ammette Palermo – “che l’idea di una vera riqualificazione complessiva di questa zona ci attrae, considerando che ad oggi parliamo di un’area soggetta a conclamati ed evidenti fenomeni di abusivismo commerciale, una piaga indecente e intollerabile a pochi metri da piazza del Duomo, che danneggia tutti indistintamente, attività commerciali e bancarelle. Ora, una occupazione degli spazi differente rispetto a quella di oggi, contribuirà ad allontanare i tantissimi venditori abusivi presenti in Largo Cocco Grifffi, via Cammeo e zone limitrofe e i benefici saranno per tutti”.

C’è un altro che aspetto che al presidente della Fiva ConfcommercioPisa preme sottolineare: “Il fatto che l’onere delle nuove strutture di vendita ricada sull’amministrazione comunale è un altro elemento che valutiamo positivamente, e che dovrà restare come impegno preciso al di la della collocazione temporanea prescelta, considerando le sopraggiunte difficoltà economiche e i mancati introiti dovuti all’allontanamento da piazza del Duomo”.

Un ultimo aspetto che guardiamo di buon occhio” – conclude Palermo – “è, a senitre lo stesso assessore, lo spostamento del mercatino multietnico in una sede diversa da via Contessa Matilde. Insomma, per tutti questi motivi, prima di dare un giudizio definitivo aspettiamo che l’amministrazione comunale ci presenti il progetto dettagliato”.

By