Bepi Pillon si presenta al suo primo giorno in nerazzurro

PISA –  E’ Bepi Pillon caricato a mille quello che si presenta alla Stampa questo pomeriggio prima di iniziare la sua nuova avventura alla guida dei Nerazzurri e dirigere il primo allenamento in vista dell’incontro di mercoledì prossimo a San Marino.

di Giovanni Manenti

“Ho accettato questo incarico con grande entusiasmo e voglia di fare, ritengo di poter fare un buon lavoro, anche se il tempo è oggettivamente poco per raddrizzare la stagione, il cui obiettivo è oramai limitato all’accesso ai playoff, stante che la corsa per il primo posto è oggettivamente fuori dalla nostra portata”, così esordisce il nuovo Mister neroazzurro.

“Per me è una sfida, come sempre del resto nel calcio, ma l’affronto con la convinzione di poter far bene perché credo in questa squadra, non mi lascio andare ad  inutili promesse perché credo solo nel lavoro sul campo”.

image

“Parlerò con i ragazzi, dei quali ho allenato solo Iori e Pelagotti, ma molti altri li conosco per averli affrontati da avversario nel corso della carriera e, considerato il poco tempo a disposizione da qui alla fine del campionato, farò le mie scelte privilegiando le condizioni atletiche e motivazionali del Gruppo”.

“Ho visto il Pisa dal vivo solo a Grosseto e mi è apparsa una formazione in grado di giocarsela contro chiunque, e difatti è difficile, dall’esterno, spiegarsi il perché di una classifica così modesta rispetto alle ambizioni iniziali, anche perché la conduzione tecnica era affidata ad un personaggio di esperienza quale Piero Braglia”

“In situazioni vissute in passato analoghe a quella odierna, ritengo sia prioritario agire sulla testa dei giocatori, motivandoli e convincendoli che ancora ce la possiamo fare e sarà sulla base delle risposte che vedrò negli allenamenti che deciderò la formazione da mandare in campo”.

“Il modulo che preferisco è il 4-4-2 od anche un 4-3-3 sulla base delle caratteristiche della rosa a disposizione, in quanto ritengo sia determinante dare un’identità di gioco fissa per far meglio funzionare la squadra, solo a Reggio Calabria ho dovuto cambiare spesso modulo perché vi era una situazione particolare”,

“Confermo di aver sottoscritto un contratto della durata di tre mesi, con opzione di rinnovo obbligatorio in caso di promozione alla Serie B, così dovrete “sopportarmi” almeno un altro anno ….”

 Termina così, con una battuta, il primo impatto con i media da parte del nuovo Mister neroazzurro e noi ci sentiamo sin d’ora lieti di dargli il benvenuto ed augurargli buon lavoro con la speranza sincera di rivederlo ancora per molto tempo sulla panchine del Pisa.

You may also like

By