Bimba morta a Locri, il legale rinuncia alla difesa dei coniugi di Sara

PISA – L’avvocato Giovanni Frullano ha rinunciato alla difesa dei coniugi Sarti, i genitori di Sara, la bimba di Vecchiano morta a Locri nel 2009 e per il decesso della quale sono in corso nella città calabrese due processi a carico di alcuni medici dell’ospedale.

Lo si è appreso oggi in occasione dell’udienza fissata al tribunale di Locri per il processo, con rito abbreviato davanti al Gup, Davide Lauro, nel quale è imputata la pediatra Maria Teresa Sabatino che visitò la bambina la sera prima della sua morte. La notizia circolava da giorni e proprio oggi ha trovato conferma. Raggiunto al telefono, l’avvocato Frullano ha preferito non rilasciare dichiarazioni e non spiegare i motivi della sua decisione. A Locri sono in corso due procedimenti penali per la morte di Sara Sarti, avvenuta il 23 agosto 2009 in seguito a un grave choc settico. Nel giudizio davanti al giudice del Tribunale di Locri, Concettina Garreffa, sono imputati due medici del pronto soccorso, Antonio Muscari e Vincenzo Speranza, mentre nel giudizio abbreviato è imputata la pediatra dell’ospedale. Tutti sono ritenuti responsabili dall’accusa di non avere diagnosticato le gravi condizioni della piccola dopo una prima visita ospedaliera avvenuta il giorno prima del suo decesso.

Fonte: ANSA

20140520-123633.jpg

By