Bimba morta in piscina, quando era sott’acqua si trovava dove il fondale era più profondo di 50 cm

PISA – Rachele Medda, la bambina di 5 anni morta mercoledì pomeriggio nella piscina comunale di Pisa, non sapeva nuotare e per questo frequentava il corso di nuoto dei campi estivi organizzati dalla Canottieri Arno, la società che ha in gestione l’impianto sportivo.

Quando è finita sott’acqua però si trovava, secondo quando appreso dall’ANSA, in una zona della piscina dove il fondale era più profondo dei 50 centimetri dell’area alla quale sarebbe invece stata destinata la piccola. Rachele si aiutava con un tubo di gomma per galleggiare in sicurezza ma che probabilmente deve essergli sfuggito e per questo è andata sott’acqua. Gli inquirenti stanno anche valutando in che modo ci si è accorti della situazione di difficoltà e se a dare l’allarme possano essere stati gli altri compagni di giochi della piccola.

Al riguardo mantengono il massimo riserbo, ma si stanno facendo accertamenti anche per capire se gli interventi di soccorso siano stati tardivi e scattati quando ormai per la piccola non c’era più nulla da fare. Sul punto potrebbero risultare decisive le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza e già acquisite dai carabinieri, anche se si tratta di telecamere puntate sugli accessi dell’impianto sportivo e che dunque potrebbero fornire una visuale parziale delle vasche. Peraltro è stato un caso che fossero in funzione quel giorno, perché di solito registrano soltanto in orario notturno.

Sempre secondo riporta l’Ansa ci sarebbe un video registrato dalle telecamere della videosorveglianza che potrebbe fare chiarezza sulla morte di Rachele Medda. Il tutto si e’ appreso da ambienti investigativi. Il filmato mostra la sequenza in cui la piccola è andata sott’acqua rimanendovi per oltre un minuto prima che qualcuno intervenisse per soccorrerla. Nel video, acquisito dai carabinieri, si vedrebbe una sola delle due bagnine in servizio.

Fonte: Ansa

20130831-173552.jpg

You may also like

By