“Bimbi dei Miracoli” dal 25 al 27 gennaio al PalaCongressi a Pisa

PISA – Che in una società volta al cambiamento, in cui anche l’aspetto familiare si sta allontanando dal concetto tradizionale dello stesso, la crescita dei figli stia divenendo un tema sempre più importante e da non sottovalutare è confermato dall’iniziativa, definita “Bimbi dei Miracoli“, promossa da “Evinco Srl” con il patrocinio del Comune e della Società della Salute di Pisa e la collaborazione di Confcommercio, Palazzo dei Congressi e Cooperativa PAIM  che si svolgerà dal 25 al 27 gennaio prossimi presso il Palazzo dei Congressi di Pisa  e presentata agli Organi di informazione presso le Officine Garibaldi di Pisa.

di Giovanni Manenti
L’incontro è stato condotto da Emanuela Vaccaro, responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione di “Evinco Srl”, la quale nella sua introduzione ha tenuto a precisare come: “sarà un’occasione per parlare dei ragazzi, dalla prima infanzia sino all’adolescenza, poiché il loro è un mondo in continua evoluzione, su cui non possiamo permetterci di ridurre la nostra attenzione e questo evento si propone di creare un collegamento ed un’interlocuzione tra Professionisti dei vari settori educativi, medici e nutrizionali e familiari, siano essi genitori o nonni, poiché spesso è a questi ultimi che è delegato il seguimento dei nipoti, cercando di poter dare valide risposte alle loro richieste al fine di realizzare il miglior percorso possibile di crescita per un loro futuro completo inserimento nel tessuto economico e sociale da adulti“.
Un percorso di crescita“, conclude Vaccaro, “che sarà analizzato sia dal punto di vista di un corretto regime nutrizionale, onde evitare problematiche legate all’obesità ed al diabete giovanile, senza altresì trascurare l’aspetto psicologico e morale, sia per quanto riguarda i processi di integrazione da parte di coloro affetti da disabilità che sopratutto ai fenomeni di bullismo, una piaga a livello adolescenziale, non solo a livello scolastico“.
Su queste specifiche tematiche sono quindi intervenute, quali componenti dei servizi svolti dalla Cooperativa PAIM, la Responsabile dei Servizi educativi per la prima infanzia, Roberta Cecchi, dichiarando come “i servizi gestiti da PAIM hanno la fortuna di avere un forte radicamento sul territorio, il che consente di poter proporre un livello di progetti educativi, specie per la prima infanzia, in ordine ai quali ci viene principalmente richiesto il confronto con le caratteristiche ed i cambiamenti che sono avvenuti nella Società nel corso degli ultimi anni, sia sul piano lavorativo delle famiglie che da un punto di vista di una sempre maggiore integrazione” …
A seguire, l’intervento di Catia Bacci, Responsabile del progetto “SuperAbile”, che ha riferito come lo stesso “si prefigge di superare ogni limite che può avere un bambino affetto da disabilità e che affrontiamo in collaborazione con la Società della Salute attraverso l’attivazione di una serie di rapporti con le varie Associazioni per dei percorsi formativi che al loro interno abbiano un’accoglienza professionale finalizzata all’integrazione che si realizza allorché gli altri bambini si rendono conto delle potenzialità dei loro coetanei affetti da disabilità rispetto, viceversa, a quelle che sono le loro deficienze“.
Sul tema del bullismo, infine, ha parlato Simona Cotroneo, Responsabile del progetto “Fair Play”, la quale ha sottolineato come: “il nostro contributo si indirizza principalmente su questa grave problematica che affrontiamo non solo analizzando il rapporto diretto tra aggressore e vittima, ma anche il comportamento di coloro che vi assistono passivamente, magari ridendo e/o riprendendo tali scene, il tutto attraverso un percorso che si prefigge di sviluppare l’empatia ed il modo di gestire le emozioni per un corretto rapporto interpersonale
Chiaramente soddisfatta per la bontà dell’iniziativa l’Assessore alle Politiche Socioeducative e scolastiche Rosanna Cardia, la quale riferisce come: “già dal sottotitolo, “un evento per i piccoli per far crescere i grandi”, si capisce come lo stesso sia rivolto soprattutto all’approfondimento di certe tematiche, sia sul piano umanitario che sociale, educativo e scolastico che riguardano sì i bambini, ma che si riflettono sui grandi che vengono coinvolti in primissima persona, e noi come Amministrazione Comunale partecipiamo coinvolgendo anche il personale della Direzione scolastica impegnato in tutte quelle che sono le attività formative all’interno dell’ambiente della Scuola, ritenendo di poter trovare diversi spazi in vari momenti costituiti da conferenze e tavole rotonde in specie su argomenti che ci stanno particolarmente a cuore quali il bullismo, l’alimentazione ed il processo educativo“.
Sullo stesso piano le dichiarazioni dell’Assessore alle Politiche Sociali, nonché Presidente della Società della Salute Gianna Gambaccini, la quale tiene a sottolineare come “il Comune sia orgoglioso di sostenere questa attività, al pari della Società della Salute, che agisce in maniera un po’ trasversale sulla parte sociale sanitaria, e questo perché se è vero che l’educazione parte dal bambino, e questo convegno interesserà la fascia dell’età evolutiva da 0 a 16 anni, non si può trascurare l’importanza del coinvolgimento delle famiglie, in quanto i primi passi del processo educativo partono da loro e pertanto saranno affrontate tematiche prettamente sanitarie quali il diabete giovanile e l’obesità, al pari degli interventi educativi che poi sono il cardine per sconfiggere certi tipi di patologie che emergono sin dalla più tenera età“.
Su quale sia l’interesse di Confcommercio nel collaborare a detto evento, lo spiega la Presidentessa Federica Grassini nel dichiarare come: “non potevamo dire di no a questa iniziativa, in quanto tutti noi, oltre ad essere Professionisti od Imprenditori, siamo sopratutto genitori, e pertanto siamo lieti di collaborare ad un evento che affronta il tema della crescita dall’infanzia sino alla maturità in maniera complessa e completa, in quanto nel nostro “mestiere” di genitore ci siamo trovati ad affrontare diverse problematiche che saranno trattate nella tre giorni di “Bimbi dei Miracoli” e quindi poter essere di sostegno a quelle famiglie che si trovano a crescere bambini piccoli od in età adolescenziale è fondamentale, e noi, come Associazione, abbiamo sempre avuto un riguardo particolare per il Mondo dell’infanzia, attraverso collaborazioni con Associazioni del territorio e realtà di eccellenza come la Stella Maris che ci hanno resi molto orgogliosi, in quanto i bambini hanno sempre avuto un ruolo da protagonisti in tutte le nostre iniziative sul territorio ed in più, per i ragazzi in età adolescenziale, da tempo abbiamo attivato un percorso di alternanza scuola/lavoro con molti Istituti di varia tipologia della nostra Provincia, portando al loro interno dei progetti mirati a rendere i futuri adulti più consapevoli su questioni quali la sicurezza, od effettuare i loro acquisti in maniera consapevole nel rispetto delle regole“.
Appuntamento quindi a venerdì 25 gennaio 2019 al Palazzo dei Congressi per un evento al quale non si dovrebbe mancare se si ha a cuore il futuro dei nostri figli, snodandosi lo stesso su conferenze aperte ed incontri mirati tenuti da specialisti, oltre a centri di ascolto e contatto diretto con esperti su temi di carattere medico, sociale, educativo e relazionale rivolti a genitori, familiari, scuole, educatori e professionisti.
By