Bizzarri: “Dalla mozione Orlando ancora tentativi di delegittimare il Congresso e la grande partecipazione degli iscritti”

PISARanieri Bizzarri, coordinatore provinciale della mozione Renzi-Martina, replica alle posizioni espresse ieri nel corso di una conferenza stampa da parte di alcuni amministratori locali pisani sostenitori della mozione Orlando.

Ancora una volta autorevoli esponenti della mozione Orlando a Pisa cercano di delegittimare il percorso congressuale e gli straordinari dati sulla partecipazione, oltre al risultato, con vaghe allusioni e con illazioni che non trovano riscontro nemmeno nei numeri. Tralasciando il fatto, assolutamente non secondario, che secondo il ragionamento del sindaco Marco Filippeschi ci sarebbero iscritti di serie A e iscritti di serie B in base al momento in cui si è deciso di tesserarsi, pare evidente che una differenza di 20 punti percentuali come si è registrata anche a Pisa a vantaggio della mozione Renzi-Martina non possa essere giustificabile solo in questo modo. Capiamo che i risultati ottenuti in città e in provincia, visto il dispiegamento del gruppo dirigente e degli amministratori locali a sostegno di Orlando, siano stati ben al di sotto delle attese ma provare a giustificarsi gettando discredito contro il proprio partito e contro una simile partecipazione democratica lo troviamo davvero ingiusto, sbagliato. Senza contare che nei vari retroscena giornalistici si provano ultimamente a confondere nella polemica congressuale piani diversi, come le future elezioni a Pisa, per di più coinvolgendo autorevoli assessori impegnati quotidianamente a risolvere i problemi della città; assessori, il cui lavoro non può né deve certamente essere valutato in base al sostegno o meno all’una o all’altra mozione, ma dalla prova dei fatti, visibili ogni giorno“.

 

By