Bonus Bebe’ e Bonus Mamma e tanti aiuti alle famiglie pisane in difficolta’

PISA – Il Consiglio Comunale in data 21 dicembre in sede di approvazione del Documento Unico di programmazione 2019 – 2021 ha approvato un ordine del giorno con oggetto “misure a sostegno della genitorialita’“.

Con l’ordine del giorno presentato si sostengono i nuclei familiari residenti del Comune di Pisa che versano in condizioni di difficoltà economica, valutati mediante ISEE, favorendo sempre nei termini di legge i criteri di storicità e di residenza. I servizi oggetto dell’agevolazione riguardano il campo delle bollette comunali e/aziende partecipate dal Comune di Pisa quali bolletta Gas Metano (Toscana energia), Bolletta Acqua (Acque spa), Bollette rifiuti, abbonamenti per il trasporto pubblico locale (Ctt Nord).

In particolare per quanto riguarda la società Farmacie Spa si istituisce un Premio Bebe’ da destinare alle famiglie residenti nel comune di Pisa con bambini nati a Pisa di età inferiore ai tre anni, individuate con lo strumento Isee da poter utilizzare nelle farmacie comunali unicamente per l’acquisto di prodotti dell’infanzia mediante la realizzazione di voucher. Si tratta di un ordine del giorno, che sostiene un punto del documento unico di programmazione proposto dall’assessore alle Politiche Sociali Gianna Gambaccini, presentato dal gruppo Fdi – Nap sostenuto con voto favorevole del gruppo Lega.

L’ Assessore Gianna Gambaccini afferma: “Sono orgogliosa che il mio programma di sostegno alle famiglia sia stato portato avanti, un programma che ha come fulcro la promozione di bonus a favore della genitorialita’. Le famiglie meritevoli di tutele che versano in condizioni di difficoltà economiche devono essere aiutate costantemente dall’amministrazione comunale.
L’ istituzione del bonus mamma e del bonus bebè verrà sostenuta anche dai proventi del bilancio delle farmacie comunali mediante una spesa in prodotti specifici dell’infanzia da parte delle famiglie bisognose residenti nel comune di Pisa. In particolare mediante questi voucher, potranno essere acquistati beni di necessità per la prima infanzia, quali pannolini, latte in polvere e prodotti farmaceutici di fascia C, vale a dire quelli non mutuabili tramite SSN“, dichiara l’assessore alle Politiche Sociali.

Siamo felici che grazie alla volontà del nostro Assessore, Gambaccini, il bonus bebè – nel breve periodo – sarà una misura operativa nel nostro territorio comunale. Ringraziamo il gruppo di FDI-NaP per aver rafforzato l’azione politica dell’Assessore con il loro ordine del giorno che ha integrato una linea già contenuta nel DUP e inserita dallo stesso assessore”, concludono i Consiglieri Comunali della Lega.

By