Bonus mamma e bebè: oltre 1500 euro di contributo a più di 80 famiglie pisane

PISA – Consegnata simbolicamente ad una coppia di genitori della piccola Maria Vittoria, presso la Sala Rossa di Palazzo Gambacorti, la FarmaCard del valore di 1547 euro spendibile presso e Farmacie Comunali entro il prossimo 31 dicembre 2021.

di Giovanni Manenti

Un contributo dell’amministrazione comunale a sostegno dei nuclei familiari che hanno avuto un figlio nel corso dell’anno 2020 e che rispondano ai requisiti previsti dal relativo bando scaduto lo scorso 15 febbraio, nell’ambito del “Bonus Mamma e Bebè” posto in atto per il secondo anno consecutivo.

In totale, sono state 82 le famiglie che hanno potuto beneficiare del citato contributo avendo i requisiti richiesti della residenza da almeno 5 anni nel Comune di Pisa ed un Isee in corso di validità pari od inferiore a 17mila €uro, sostegno triplicato rispetto alla scorsa stagione per uno stanziamento complessivo di 130mila €uro rispetto ai 45mila del 2020 a dimostrazione della volontà da parte del Comune di venire incontro alle famiglie più in difficoltà, stante anche il perdurare dell’emergenza sanitaria in atto …
A definire i connotati del bonus è l’Amministratore Unico di Farmacie Comunali Spa, Dr. Andrea Porcaro D’Ambrosio, il quale afferma: “E’ un evento che va a consacrare la seconda edizione della Campagna di sostegno alla natalità portata avanti dal Comune di Pisa e che viene svolta attraverso Farmacie Comunali che ha consentito, anche quest’anno, che più di 80 famiglie abbiano ricevuto questo Bonus Bebè e che per la prima volta ammonta a più di 1500 €uro per bambino, trattandosi pertanto di un sostegno concreto nel rispetto di un impegno che era stato assunto da questa amministrazione a dimostrazione di un regime di continuità che verrà proseguito anche per gli anni a venire sino alla conclusione della presente consiliatura“.
Il Bonus Bebè che, ripeto, ammonta ad oltre 1500 euro“, conclude il Dott. Porcaro D’Ambrosio, “è spendibile presso ogni Farmacia Comunale, con scadenza al prossimo 31 dicembre 2021 e nel momento in cui una famiglia elegge una Farmacia come punto di attivazione della FarmaCard deve poi riferirsi a quella per godere di tutti i prodotti a disposizione per l’infanzia e per le madri – con ovvia esclusione dei farmaci – e l’importante novità di questo anno è che Farmacie Comunali di Pisa mette a disposizione anche prodotti per il “Benessere Donna”, così che la mamma possa, in armonia con il benessere del bambino, portare avanti una genitorialità più serena“.

Ovviamente soddisfatta l’assessore alle Politiche Sociali Gianna Gambaccini, la quale non manca di sottolineare: “La giornata di oggi non possa che riempirmi di legittimo orgoglio in quanto ho consegnato virtualmente il Bonus Mamma e Bebè ad una bellissima famiglia, il che vuole rappresentare il segnale – per quanto limitato, pur se quest’anno siano riusciti ad incrementare ad oltre 1500 €uro il contributo per ogni nato nel 2020 – del sostegno che l’Amministrazione Comunale rivolge alla famiglia, che intendo ribadire come sia il fulcro di una Società sana, in quanto aiutarla a crescere è il dovere di ogni Società Civile e, di conseguenza, di chi ha il compito di amministrarla. A chi ci accusa di erogare contributi “una tantum”, prosegue l’Assessore, “voglio ricordare che, finché ci sarà questa Amministrazione, il presente, come altri bonus, saranno riproposti anche per i prossimi anni, così come mi preme far presente alle opposizioni tutto il lavoro che il Centrodestra ha svolto negli anni precedenti quando non governava per promuovere questi aiuti che oggi, con la nostra Amministrazione sono diventati realtà, rappresentando altresì, per il particolare momento che stiamo vivendo, un segnale forte di speranza e di rinascita verso una vita ed un futuro migliore“.

By