Bonus Vacanze, già sette “pacchetti vacanza” prenotati in 20 giorni

CALCI – Sette “pacchetti vacanze” prenotati in soli 20 giorni dopo la presentazione in sala consiliare. Si iniziano a vedere i frutti – e nuovi volti in Valgraziosa – di “Vacanze a Calci (MontePisano)– scoprire La Valgraziosa conviene”, l’idea finanziata dal Comune che si è tradotta in 25 voucher da 200 euro ciascuno spendibili presso tutte le realtà ricettive aderenti al Centro Commerciale Naturale (CCN) di Calci per coloro che prenoteranno entro il 31 dicembre 2020 un soggiorno di almeno 5 notti per almeno due persone.

Un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale – preoccupata per le ricadute sul comparto turistico e sul relativo indotto scaturite dall’emergenza Covid-19 – con il preciso intento di valorizzare il territorio dando al contempo un aiuto concreto alle strutture turistico-ricettive e ai commercianti del paese. Da qui la volontà, sebbene in un periodo complicato per le casse comunali, di stanziare 5.000 euro per stimolare una ripresa delle presenze di visitatori e turisti in Valgraziosa, ripresa favorita da un costante dialogo tra CCN Calci e Amministrazione Comunale che si sono seduti ad un tavolo per individuare la formula più appetitosa per rilanciare il territorio. E proprio ieri pomeriggio è arrivata a Calci la prima famiglia di turisti che, girovagando su internet e sui canali di comunicazione dell’ente di Piazza Garibaldi, non si è lasciata sfuggire il bonus. “Siamo innamorati della Toscana ma non avevamo mai visitato Pisa e la sua provincia, così informandoci e leggendo in rete abbiamo scovato questa possibilità sulla pagina Facebook del Comune di Calci – intervengono Raffaella e Matteo arrivati da Pesaro con la figlia Bianca -. Abbiamo contattato una struttura che ci era piaciuta ricevendo subito la conferma di poter usufruire del bonus di 200 euro e, anziché fermarci 2/3 notti a Calci come avevamo inizialmente previsto, ci fermeremo 5 notti. Il luogo è meraviglioso, non vogliamo perdere la Certosa e il Museo di Storia Naturale, le dune di Marina di Vecchiano e, ovviamente, Pisa e Lucca che sono facilmente raggiungibili. Il resto del tempo lo passeremo a Calci: ci godremo in sicurezza questa preziosa calma cullati dalla natura e da panorami mozzafiato. Vogliamo ringraziare il Comune e il CCN di Calci per questa possibilità che non ci siamo lasciati sfuggire, tramite il passaparola e i social la faremo conoscere anche ai nostri amici con la speranza che anche altri comuni italiani prendano l’esempio di Calci e lo facciano proprio”.

Le strutture aderenti al CCN di Calci intanto stanno continuando a promuovere il  “pacchetto vacanze” che potrà esser utilizzato fino alla fine del 2020 e che potrà sommarsi a quello stanziato dal Governo.

Ad accogliere la prima famiglia di turisti arrivati dalle Marche anche il Sindaco Massimiliano Ghimenti che, dopo aver invitato Raffaella e Matteo a visitare tutti i luoghi caratteristici non solo calcesani e ad assaporare i prodotti enogastronomici nostrani, ha detto: “Aver ricevuto in neppure due settimane sette prenotazioni è motivo di orgoglio e una grande soddisfazione per la nostra Amministrazione. Per l’Italia intera, la Toscana e anche per la nostra comunità il turismo e le attività commerciali ad esso legate rappresentano una risorsa vitale. Se nelle prossime settimane le richieste di turisti aumenteranno non escludiamo di pensare ad un ulteriore finanziamento per incentivare ulteriormente la presenza di visitatori a Calci. Del resto abbiamo la fortuna di vivere in un paese con strutture ricettive di elevata qualità, ad un prezzo davvero competitivo e godiamo di una posizione strategica per visitare anche una buona parte della nostra Regione. E’ il momento giusto per incentivare la ripartenza dell’economia locale”

By