Bruno Fiori (Pisa Ovest): “Dopo il virus sarà una ripartenza molto difficile per tutti”

PISA – In un momento particolarmente delicato legato all’emergenza sanitaria Covid-19 le attività di tutte le società sportive e calcistiche sono ferme ormai dal 24 febbraio scorso. Molti presidenti pur nelle difficoltà attuali, stanno pensando ad una lenta ripartenza, che potrebbe essere però più difficile del previsto. Ne abbiamo parlato con Bruno Fiori, presidente dell’Asd Pisa Ovest, una delle società più numerose come tesserati del panorama dilettantistico pisano.

Come gestite in tempi di Coronavirus i contatti con i vostri tesserati e allenatori?

“All’inizio non è stato facile, poi ci siamo organizzati in video chat collettiva con i nostri ragazzi e nei vari gruppi whatsApp delle varie categorie. Abbiamo cercato di sostenerli anche moralmente proponendogli anche degli allenamenti personalizzati in casa, naturalmente per quello che uno può fare“.

Quali sono le vostre preoccupazioni di questa situazione?

Le preoccupazioni in realtà sono molteplici, primo fra tutti garantire la salute a tutti i nostri tesserati e ai nostri bimbi ci sta molto a cuore poi è chiaro che c’è la preoccupazione economica ovviamente essendo venute meno molte tra le risorse principali tra cui gli incassi settimanali, le quote mensili e gli incassi derivanti dalle manifestazioni estive che probabilmente non ci saranno“.

Intanto la Figc ha annunciato le sospensioni di alcuni campionati giovanili. E’ d’accordo?

Sì certo, in questo momento non si può rischiare niente. L’importante è che qualsiasi decisione venga presa, sia fatta per la tutela della salute di tutti i tesserati e di tutti i ragazzi e venga presa in maniera equa ed uniforme per tutti”

Che cosa vi aspettate dalle istituzioni?

Il Coni ci ha dato la possibilità di accedere ad un prestito agevolato ed è già una prima risposta importante. Dalle istituzioni ci aspettiamo che per esempio la federazione venga incontro alle società abbassando i costi delle iscrizioni ai campionati e quella dei cartellini, dal Comune per chi gestisce gli impianti comunali come il Pisa Ovest ci aspettiamo che ci venga incontro con la sospensione momentanea degli affitti e un contributo economico che riesca a sostenere quella che sarà la nostra ripartenza. Le utenze per esempio stanno continuando ad arrivare con vari solleciti anche in questi momenti di pandemia e devono essere pagate e invece a mio avviso andavano sospese per consentire alle socieà di rifiatare in un momento difficile“.

By