Calci. Ghimenti replica a Uniti per Calci: “Siamo abituati a rispettare il programma e gli elettori”

CALCI – “Mentendo ai cittadini hanno conquistato il 23,89% dei consensi alle urne, un risultato che pensavamo fosse servito all’opposizione per capire che i calcesani sono molto attenti. Prendiamo atto dell’ennesimo tentativo di mistificazione della realtà da parte di “Uniti per Calci”. Rispedisce le accuse al mittente il sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti, dopo le dichiarazioni dei consiglieri di minoranza che sono ricorsi alla stampa, dopo che il sindaco in ben due consigli comunali aveva già dettagliatamente spiegato i fatti – per descrivere il momento storico che il Comune sta attraversando in ordine a pensionamenti, mobilità e ricambi generazionali dell’ente.

“Siamo abituati a rispettare il programma e anche stavolta lasceremo parlare le linee programmatiche di “Progetto Calci 2024 – Centro Sinistra” – interviene il sindaco Ghimenti -. Avevamo detto espressamente che se fossimo stati di nuovo chiamati ad amministrare avremmo dovuto fronteggiare un ricambio di personale corposo che vede il pensionamento di figure storiche del nostro Comune (per effetto di “quota100”)”. Una situazione difficoltosa che con trasparenza abbiamo poi palesato nel corso di un’apposita conferenza stampa per informare i cittadini dei possibili disagi e delle procedure di mobilità in corso. “Sempre nel nostro programma – prosegue il sindaco Ghimenti – avevamo messo nero su bianco la volontà di continuare l’opera di diffusione tra i cittadini di opportunità, occasioni di partecipazione ed informazione “anche grazie all’apporto di specifiche figure, sul piano dell’informazione puntuale alla cittadinanza, del coordinamento di azioni ed eventi e della promozione delle moltissime iniziative che rendono Calci una delle comunità più vitali della nostra provincia”. Infine una doverosa precisazione sulle diverse modalità di sostituzione dei pensionamenti e la procedura per l’assunzione della figura di staff del sindaco. “Uniti per Calci, oltre a mistificare la realtà, dimostra di conoscere poco le procedure per le assunzioni – conclude il sindaco Ghimenti -. L’opposizione era stata ampiamente informata e sa bene che in relazione alle problematiche dei pensionamenti abbiamo attivato tutte le procedure di legge, nella massima celerità possibile, per le mobilità che vadano a sostituire il personale pensionato e pensionando. Purtroppo il Governo attuale nell’approvare quota 100, si è completamente “dimenticato” di snellire le procedure per le assunzioni che sono attualmente in corso. In quanto alla selezione della figura di staff del Sindaco, selezione effettuata seguendo tutte le procedure di legge (che prevedono tempi ridotti rispetto alle mobilità) e solo dopo aver attivato tutte le mobilità per gli uffici comunali, non abbiamo fatto altro che rispettare un impegno preciso preso con gli elettori nell’ottica del miglioramento (peraltro già evidente) della capacità di ascolto e interazione con la cittadinanza. Obiettivi attinenti a due specifiche deleghe del Sindaco, ovvero “comunicazione istituzionale” e “partecipazione”. Peraltro, come previsto espressamente dall’avviso e come già risposto in consiglio comunale, questa figura – assunta fino al 31 dicembre 2019 con contratto part-time al 50% – darà supporto a tutta la giunta nel perseguimento di tali obiettivi, in relazione alle deleghe degli assessori e favorirà l’informazione, la partecipazione, la trasparenza e il collegamento tra i cittadini e gli uffici comunali. L’esser riusciti a dotarsi di questa figura, peraltro, è importantissimo in questo momento storico che vede l’Ente in affanno a causa di ferie e pensionamenti. Tant’è che, nei fatti, abbiamo già una maggior capacità di “vicinanza” alla cittadinanza e tale figura sta già sollevando parte del lavoro che sarebbe altrimenti gravato sugli uffici che hanno “forze” ridotte. Davvero non conoscono le differenze di procedure o cercano solo di “confondere” i calcesani? Mentire ai cittadini per 5 anni e in campagna elettorale, non pare aver giovato molto a “Uniti per Calci” che si continua a domandare se la nostrae sia una buona amministrazione. La cittadinanza si è espressa chiaramente in tal senso il 26 maggio scorso alle urne”.

Nella foto il Sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti con il Governatore della Toscana Enrico Rossi

By