Calcio a 5: il Cus Pisa recupera da 5-1 a 5-5 alla prima di campionato

PISA – Avversaria tutta da scoprire quella che i pisani trovavano di fronte alla prima di campionato. I Bassotti, squadra piemontese della provincia di Torino, si sono rivelati una squadra dura da affrontare.

EQUILIBRIO – Dopo una partenza lampo in cui oltre al gol i Bassotti si rendono pericolosi per almeno altre due situazioni, Borsacchi trova per i cussini la rete che rimette in carreggiata i pisani. Il primo tempo termina 2-1 per i padroni di casa che sembrano essere in gran giornata, mentre i cussini sono lenti nel possesso, prevedibili nella ricerca delle finalizzazioni, sotto pressione, sempre in difficoltà e macchinosi in fase difensiva, dove in quasi tutti gli scontri 1 contro 1 i piemontesi saltano l’avversario con grande semplicità. Il gioco dei Bassotti non è per niente complicato, ma efficace, grazie a triangolazioni rapide. I cussini questo gioco proprio non lo digeriscono.

I BASSOTTI DILAGANO – Al rientro in campo le contromisure degli universitari pisani sembrano avere buon effetto e per 8 minuti i Bassotti sono in difficoltà. Due pali, una traversa e almeno 3 occasioni nitide legittimano il pareggio ospite. Purtroppo però arriva un uno-due pesante: prima il 3-1 taglia la gambe ai pisani che subiscono dopo pochissimo anche il 4-1. Sembra una gara finita e il mister gialloblu tenta la carta del portiere di movimento. La difesa piemontese non soffre affatto il “sistema di gioco” del portiere di movimento pisano, anzi si rende pericolosa rubando in almeno due occasioni palla e realizzando quello che sembra il gol del definitivo 5-1.

IL RECUPERO – Lami toglie il portiere di movimento visto che sarebbe necessario “giocarlo” in maniera differente, ma avendo terminato i timeout, gli è impossibile impartire istruzioni differenti durante il gioco. I pisani trovano la rete del 5-2 e i Bassotti chiamano timeout. È forse qui la svolta della gara: l’errore dei padroni di casa sta nel consentire ai cussini di preparare una nuova e diversa tattica di gioco col portiere di movimento. Al rientro Lami dispone il 3-1-1 con portiere di movimento, con Vasarelli al posto di Borsacchi in quel ruolo. Inizia la rimonta, la difesa 2-2 dei Bassotti non sa adattarsi a questa nuova situazione e in pochi minuti i pisani arrivano al 5-4. A questo punto si fa male Vasarelli, Lami quindi decide di dare la maglia di portiere a Bertoldi e continuare a provare a spingere con questa tattica, lasciando Bertoldi in porta anche in fase di non possesso.

NEL SEGNO DI BORSACCHI – A 30 secondi dal termine ci pensa l’infinito ed inesauribile “vecchio” Borsacchi che insacca il gol del pareggio. Il capitano gialloblu, classe 1973, dopo una gara di grande sacrificio completa la giornata con 2 reti (la prima e l’ultima), veri sigilli di questa rimonta. Nei secondi finali entrambe le squadre si ritrovano a 5 falli, e il Cus deve soffrire ancora. Dopo poco però l’arbitro fa suonare la sirena che sancisce il primo punto verso la salvezza dei pisani.

Tabellino: I BASSOTTI (TO) – CUS PISA 5-5
FORMAZIONE Iacoponi, Vairo, Bertoldi, Roggio, Cofrancesco, Capozza, Della Casa, Vasarelli, Borsacchi, Umalini, Barsotti, Di Blasi
MARCATORI: Umalini(2) Borsacchi(2) Roggio

By