Cambiamenti per la sosta sul litorale dal 1° Giugno. Nerini interviene

Pisa – Maurizio Nerini, Capogruppo di Noi adesso Pis@ commenta la scelta del comune di Pisa riguardo il parcheggio sul litorale.

Come si legge in nota: “Ieri sera all’assemblea pubblica indetta dal redivivo CTP1 a Marina di Pisa sui progetti e la mobilità per il Litorale mi sono davvero divertito perché credendo che fosse una solo prerogativa del “Syre Filippeschi”, ma invece anche i suoi cavalieri Serfogli e Forte…. possono “comunicare cose”!

Ci hanno infatti comunicato che hanno deciso di far partire il pagamento della sosta sul Litorale fino dal 1 di giugno ”perché lo scorso anno a far pagare solo i fine settimana c’era confusione”…allora per semplificare, per chiarezza.

E si ha anche il coraggio di dire che non si fa per fare cassa!
Ci si guadagna e non si sapeva nemmeno perché con gli stalli blù si è incassato più di quello preventivato… grazie al cavolo: tutto il Litorale ne è stato ricoperto!

Ci sarebbe da sapere dall’assessore se quest’anno il TAP&PARK funzionerà, se le distanze dagli incroci degli stalli saranno rispettate, ma risposte non ne ha date e forse ha “sparato 100 per ottenere 70” e magnanimamente accetterà di far partire il pagamento dal 15 giugno come tutti chiedono…forse…ma anche no.

Ho avuto modo di dirgli che gli stalli blù non sono stati “metabolizzati” come dice lui, ma semmai sono davvero “mal digeriti”, come mal digeriti sono tutti gli interventi declamati da Serfogli sul Litorale imputabili non a manutenzioni straordinarie, ma quelle ordinarie mai eseguite da anni, lasciando il Litorale stesso in sofferenza.

Aspettando i soldi promessi da anni con il fantomatico “bilancio partecipato”, 500 mila € per ogni CTP che certo non sono arrivati perché il CTP1 si era sciolto, ma solo perché …NON ESISTONO nel bilancio comunale, il Litorale avrebbe bisogno davvero di un bilancio speciale, studiato appositamente e finanziato a parte, che potrebbe semplicemente iniziare da una attenzione da porre sui problemi di tutti i giorni quali per esempio la spianatura delle spiagge di ghiaia con il via libera per la costruzione delle pedane che consentirebbero l’acceso anche alle persone disabili che non possono arrivare al mare oggi.

L’ultima ipotesi poi ventilata di chiedere all’Azienda Ospedaliera, ancora proprietaria dell’area, la concessione per poi fare di Piazza Viviani un parcheggio a pagamento…. è degna di “Zelig“!

Al solito c’è da ridere… se non ci fosse da piangere.

By