Cambio ai vertici del CNA Pisa. Oppedisano nuovo presidente. Il nuovo direttivo. Foto e Video

PISA – Un’importante novità ai vertici della C.N.A. Territoriale di Pisa, a seguito delle dimissioni, per motivi strettamente personali, da parte del presidente Matteo Giusti, al cui posto l’Assemblea riunitasi nella giornata di lunedì 25 novembre ha eletto all’unanimità l’Ing. Francesco Oppedisano, fondatore ed Amministratore Delegato della “NetResults Srl” con sede ad Ospedaletto, operante nel settore delle tecnologie della comunicazione e dell’Informazione, con 25 addetti, con conseguente nomina a far parte del direttivo dell’associazione Marco Ammannati, Luca Benedettini, Ricardo Bolelli, Rossella Giannotti, Carlo Musto e Tiziana Buller.

di Giovanni Manenti

Una squadra presentata questa mattina agli organi di informazione nel corso di una conferenza stampa, durante la quale il neo Presidente ha evidenziato i punti salienti del proprio programma: “L‘aver accettato la nomina a Presidente rappresenta per me una sorta di sfida e d’altronde, svolgendo l’attività di imprenditore, sono logicamente abituato a confrontarmi e pormi in discussione quotidianamente, mentre per il programma lo stesso è, almeno per il momento, di breve durata poiché ci sarà comunque nel 2020 il nuovo Congresso, al quale reputo peraltro di candidarmi e, pertanto, il mio impegno va già da ora oltre l’attuale mandato anche se, nell’immediato, l’intenzione è quella di concentrarsi sulla struttura al fine di rinnovarla in senso organizzativo per il semplice motivo che il Mondo imprenditoriale ha iniziato a cambiare in termini esponenziali e servono degli approcci diversi affinché la C.N.A. possa posizionarsi un po’ più avanti rispetto ai propri associati in termini di conoscenza del mercato e delle situazioni socioeconomiche e politiche e quindi per poter far questo bisogna dotarsi di un’organizzazione più all’avanguardia“.

Le parole del nuovo numero uno del CNA Pisa

La scelta dei miei più stretti collaboratori“, prosegue Oppedisano, “è frutto innanzitutto della rappresentanza dei mestieri che caratterizzano storicamente la C.N.A., tra cui il settore alimentare che sta avendo fattori di crescita importanti, al pari dei trasporti ed oltre ad elementi più tradizionali quali l’edilizia, le concerie e l’impiantistica, per non parlare del più antico, ovvero quello dei parrucchieri che grazie al loro Presidente Carlo Musto ha ora una rappresentanza nel Comitato di gestione, fermo restando che la rappresentanza è un criterio, ma che non può essere scisso dal merito e quindi posso garantire che tutte le persone che fanno parte della squadra sono elementi di altissimo livello scelte per le loro qualità“.

Un momento della conferenza

Ai nostri Associati“, insiste il neo Presidente, “possoassicurare che stiamo lavorando ad una C.N.A. che sia in grado di consentire loro di sfruttare quelle che oggi sono solitamente considerate delle minacce, quali i giganti come Amazon e via discorrendo, in quanto per far fronte alle stesse occorre avere quelle qualità di conoscenza che ci possano permettere di vederle in una luce di opportunità, per poi offrire un’Associazione che sia altresì in grado di costruire tutte le condizioni necessarie, vale a dire porre l’attenzione sulle minacce sistemiche, provare ad anticiparle, condividere gli sforzi per parlare con i decisori politici, il tutto nell’ottica di fare in modo che il Territorio di Pisa sia perfettamente adeguato per accogliere la crescita delle nostre aziende“.

Foto di gruppo

Per quel che riguarda la proposta lanciata dal Prefetto Dr. Castaldo sul tema della lotta all’illegalità“, conclude Oppedisano, “la stessa non può che trovarmi d’accordo, poiché si tratta di una problematica all’ordine del giorno per quel che concerne tutte quelle pratiche che, di fatto, costituiscono concorrenza sleale da una parte, ma anche evasione od addirittura reati penali dall’altra, e che procurano sicuramente un danno non irrilevante per il territorio sia in qualità di cittadini che di imprenditori“.

By