Camp Darby, Tognocchi: “Siamo a un passo dalla soluzione per i lavoratori licenziati”

FIRENZE – Svolta nel caso dei lavoratori di Camp Darby. A comunicarla è il consigliere regionale del Pd Paolo Tognocchi.

«Dopo l’impegno profuso in questi mesi e in stretta collaborazione con il Governo presieduto da Enrico Letta, l’aula del Senato ha finalmente approvato il rifinanziamento del fondo della legge 244 del 2007 per la ricollocazione nei ruoli della P.A. per il personale italiano licenziato dai Comandi USA e NATO. Siamo soddisfatti del risultato che si sta definendo, soprattutto per le persone e le famiglie e che hanno perso il proprio posto di lavoro in una fase di crisi economica».

La misura, seguita e sollecitata dal consigliere Tognocchi, è passata come emendamento, presentato dal relatore, al decreto riguardante le disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. L’atto sarà approvato nel suo complesso nelle prossime ore dal Senato e trasmesso alla Camera per l’approvazione definitiva. La norma prevede un’assegnazione prioritaria dei lavoratori agli uffici giudiziari del Ministero della giustizia collocati nel territorio provinciale o regionale dell’organismo militare.

I 32 dipendenti di Camp Darby hanno ricevuto lettera di licenziamento il 30 maggio 2012 e sono usciti dalla base il 30 settembre 2012 terminando la loro prestazione lavorativa. Coloro i quali avevano meno di 50 anni di eta’, hanno percepito la disoccupazione fino al 31 maggio 2013, gli altri fino al 30 settembre 2013. Adesso sembra che la drammatica situazione dei lavoratori sia proprio a un passo dalla soluzione.

Il Senato ha approvato il fondo della legge 244 del 2007 per la ricollocazione nei ruoli della pubblica amministrazione del personale italiano licenziato dai comandi Usa e Nato.

Lo rende noto la Provincia di Pisa esprimendo soddisfazione poiche’ il provvedimento ”apre la strada alla soluzione dell’emergenza occupazionale dei 32 dipendenti di Camp Darby, la base americana tra Pisa e Livorno, che hanno ricevuto una lettera di licenziamento il 30 maggio 2012 e per i quali la Provincia è stata dal primo momento attiva nell’individuare percorsi di ricollocamento lavorativo”.

LE PAROLE DI ANDREA PIERONI. ”Lavoratori e famiglie possono tirare un sospiro di sollievo dopo un anno di comprensibile preoccupazione – afferma il presidente Andrea Pieroni – e grazie all’attenzione del Governo e al lavoro di sensibilizzazione che abbiamo messo in atto in questi mesi ora raccogliamo questo risultato che consentirà ai lavoratori di guardare al futuro con ottimismo, in considerazione del fatto che la norma in questione, che dopo l’approvazione al Senato passerà alla Camera, prevede un’assegnazione prioritaria dei lavoratori agli uffici giudiziari del Ministero della giustizia collocati nel territorio provinciale o regionale. Ora speriamo che questa strada sia percorsa in fretta”.

LE PAROLE DI VITTORIE SALSEDO. ”Una buona notizia – ha commentato anche Vittorio Salsedo, segretario provinciale di Fisascat/Cisl Pisa – ma la battaglia legale va avanti. Speriamo presto di poter dare soluzione, in un senso o nell’altro, ai 32 ex dipendenti che dal primo ottobre dello scorso anno non prestano più servizio a Camp Darby”.

20131010-113533.jpg

You may also like

By