Campionato Lega Pro. Tuttocuoio all’ultimo tuffo (1-1). Pistoiese sconfitta (2-0) a L’Aquila

PONTEDERA – Il Tuttocuoio in dieci uomini per l’espulsione di Colombo riesce a pareggiare in extremis (1-1) contro il Rimini al “Mannucci” di Pontedera nella prima gara del campionato di Lega Pro.

imageDopo una mezz’ora a dir poco soporifera e avara di emozioni, il Rimini trovava il vantaggio con Mazzocchi dopo una palla recuperata da Lisi ai danni di Balde sull’out destro. La squadra di Pane addormentava la partita, nella prima parte della ripresa aveva l’occasione con Ricchiuti per sferrare il colpo del ko, ma non ci riusciva. E allora il Tuttocuoio, seppur in inferiorità numerica per un ingenua espulsione di Colombo riusciva con un rigore di Tempesti al terzo minuto dei cinque di recupero a chiudere sul pari.

image

Nell’altra gara delle 15 la Pistoiese viene sconfitta sul campo de L’Aquila per 2-0. A dare i tre punti alla formazione abruzzese le reti di Sandomenico e Mancini. Per Alvini un inizio in salita seppur gli arancioni abbino giocato una buona gara.

TUTTOCUOIO – RIMINI 1-1

TUTTOCUIOIO (3-5-2): Feola, Balde, Colombini, Falivena (66′ Tempesti);  Peverelli, Caponi, Muroni, Palumbo (80′ Ricciardi) Picascia (60′ Picascia); Shekiladze, Colombo. A disp. Carboni, Bachini, Ferraro, Frare, Mancini, Pipoli, Esposito, Bangal, Cherillo. All. Cristiano Lucarelli.

RIMINI (4-4-2): Anacoura; Pedrelli, Signorini, (80′ Marin) Martinelli, Varutti; Mazzocchi (70′ Bariti) Torelli, Galli (83′ De Martino), Lisi; Ricchiuti, Polidori. A disp. Azzolini, Giua, Kumih, Ragatzu Sapucci. All. Alessandro Pane.

ARBITRO: Riccardo di Collegno

RETI: 33′ Mazzocchi, 93′ Tempesti (rig.)

RETI: giornata di sole, terreno in buone condizioni. Ammoniti Colombini, Martinelli, Galli, Ricchiuti, Caponi, Balde, Shekiladze.. Angoli 2-4. Rec pt 1′, St 5′. Espulso al 77′ Colombo (rosso diretto).

image

LA CRONACA DEL MATCH DEL MANNUCCI. La prima partita della nuova stagione 2015-2016 di Lega Pro al “Mannucci” di Pontedera vede esordire il Tuttocuoio contro il Rimini neopromosso. Nelle prime battute di gara il Tuttocuoio ha subito una grossa occasione con Colombo; dopo un tiro deviato sulla trequarti effettuato da Muroni, la carambola arriva a Martinelli che serve indietro di testa il proprio portiere, non accorgendosi però della presenza alle sue spalle di Colombo che si avventa sulla sfera e cerca di sorprendere Anacoura in uscita, ma il pallonetto termina alto. Il Rimini fatica a fare gioco a causa del pressing alto e costante dei neroverdi e della buona disposizione tattica della compagine di Lucarelli. L’unica possibilità degli ospiti è con Galli che calcia alto in piena area dopo una mischia su corner. La partita non decolla perché non ci sono varchi e non sembra ci siano elementi in grado di aprirli o dare il cambio di passo alla manovra. Inoltre la gara risulta molto spezzettata per i continui falli che si registrano a centrocampo. Nel primo tempo le occasioni latitano e c’è ben poco da segnalare; pur giocando prevalentemente nella metà campo ospite i padroni di casa faticano ad arrivare al tiro e rendersi pericolosi. Le azioni risultano da ambo le parti prevedibili e nessuno crea superiorità numerica .Verso il 25’ la più bella azione della gara;dopo uno spunto di Palumbo,probabilmente il migliore in campo,la sfera arriva a Peverelli che fa partire un cross arretrato rasoterra per Colombo che di tacco indirizza di prima intenzione verso Shekiladze con la difesa del Rimini in uscita,ma l’attaccante georgiano cicca clamorosamente in piena area tutto solo. Il Rimini subito dopo effettua una ripartenza con Ricchiuti che ruba palla e si porta al limite, con la difesa avversaria sguarnita,serve l’accorrente Lisi che cade in area piccola grazie ad un dubbio intervento da dietro. L’arbitro fortunatamente lascia correre.E’ il preludio al gol che arriva con dinamiche simili al 34’.Balde sulla fascia destra cincischia nei pressi della sua area e sul pressing di 2 avversari perde palla da Lisi che indisturbato si accentra e serve l’accorrente Mazzocchi che infila facilmente Feola per il vantaggio ospite. L’ultima possibilità è per Palumbo che dal limite colpisce alto.Sul finire del tempo il primo intervento significativo di Anacoura che devia con i pugni una conclusione centrale di Colombo dal vertice destro dopo una buona combinazione Muroni Peverelli. La prima frazione termina con 2 angoli a 0 per il Rimini e l’ammonizione di Colombini, eccessivamente falloso nel primo quarto d’ora. La ripresa comincia con un’iniziativa di Palumbo poi fermato ma sul proseguo dell’azione Picascia crossa in corsa per Colombo ma l’incornata di quest’ultimo, debole e centrale, diventa facile preda di Anacoura. La gara resta bloccata dal punto di vista tattico e molto combattuta sul piano fisico a centrocampo ma i romagnoli sembrano aver preso le misure ai toscani. Punizione di Palumbo dal vertice destro ed uscita a vuoto per Anacoura ma gli ospiti sventano in modo fortunoso il pericolo. Sull’azione successiva un lungo rilancio della retroguardia riminese favorisce l’inserimento di Polidori che sorprende la difesa nero-verde ma non trova il tempo per la conclusione dai 10 metri. Il primo cambio al 60’ con Picascia che fà posto a Marchetti. C’è da registrare 2 ammonizioni per il Rimini toccate a Galli e Martinelli per gioco falloso, oltre ad un possesso palla continuo quanto sterile da parte del Tuttocuoio. Al 66’ esce Falivena per far spazio a Tempesti che come a Benevento risulterà decisivo.

image

Subito la squadra di mister Pane (nella foto a sinistra) pericoloso con Polidori che temporeggia in area e serve Galli in corsa che dal limite calcia in modo inguardabile. Al 70’batti e ribatti in area biancorossa ma i locali non arrivano alla conclusione e l’azione sfuma. Ricchiuti viene sanzionato per una scorrettezza ma le speranze neroverdi di riacciuffare il risultato sembrano svanire definitivamente al 77’ per una brutta entrata di Colombo che costa all’ex attaccante nerazzurro il “rosso” diretto. Ultimo cambio per Lucarelli che toglie Palumbo inserendo Ricciardi e seconda sostituzione per la squadra di Pane con Marin per Signorini. L’ex tecnico del Pisa pochi minuti dopo sfrutterà l’ultima possibilità di modificare l’assetto in campo, sostituendo Galli con De Martino anche per guadagnare secondi preziosi. Caponi allo scadere riceve il cartellino per aver bloccato in modo intenzionale un pericoloso contropiede ospite. Stessa sorte del centrocampista toccherà a Balde per un’entrata kamikaze. Durante la fase di recupero un corner insidioso di Caponi è sventato da Anacoura. Dopo aver reclamato 2 rigori; il primo costato il cartellino per simulazione a Shekiladze e il secondo per un intervento da dietro su Colombo, alla fine il Tuttocuoio ottiene il meritato pareggio con il penalty assegnato per un’irregolarità in piena area su Tempesti. E’ lo stesso n°21 ad incaricarsi della trasformazione che non sbaglia, spiazzando Anacoura con la gara che finisce con il punteggio di parità.Il Tuttocuoio esulta per il pericolo scampato e pur riconoscendo che probabilmente senza il penalty difficilmente avrebbe ottenuto il pari allo stesso tempo c’è da dire che la vittoria del Rimini sarebbe stata senza dubbio ingiusta.

By