Canapisa 2013: cambia il percorso e no alle bevande alcoliche lungo il percorso

PISA – Cambia il percorso della manifestazione Canapisa 2013, che sabato 18 Maggio occuperà le strade della nostra città. La decisione presa dal Questura Gianfranco Bernabai. No alle bevande alcoliche lungo il percorso

Il corteo dovrà partirà alle ore 17:00 circa da Piazza Sant’Antonio, per poi snodarsi per le seguenti vie cittadine: Via Pellico – Via Battisti – Viale Bonaini – Piazza Guerrazzi – Via G. da Sangallo – Lungarno Fibonacci – Lungarno Buozzi – Via del Borghetto – Via Luschi – Via Gioberti – Via Garibaldi – Via Canavari – Via delle Trincere – Via San Giovanni Bosco – Via Centofanti – Via Battelli – Via di Pratale (contro senso), fino al parcheggio di Via Paparelli, dove si concluderà intorno alle ore 24.

I promotori avevano infatti preavvisato il concentramento in Piazza Sant’Antonio alle ore 17:00, proseguendo per Via Crispi – Ponte Solferino – Lungarno Pacinotti – Lungarno Mediceo – Ponte della Fortezza – Lungarno Galilei – Lungarno Gambacorti – Lungarno Sidney Sonnino e concludendo in Piazza S. Paolo a Ripa d’Arno.

Le parole del Prefetto. “Il Questore è impegnato a mettere in piedi tutte le misure organizzative e di sicurezza finalizzate a conciliare l’esigenza dei manifestanti con la mobilità, la vivibilità, la sicurezza dei cittadini e il libero esercizio delle attività economiche da parte degli operatori commerciali. Per conciliare le esigenze di sicurezza con gli interessi degli esercenti il Prefetto, aderendo alla richiesta del Questore, ha decretato, per la sera del 18 maggio, il divieto di vendita delle bevande alcoliche solo lungo il percorso prescritto per i manifestanti e limitatamente al momento di passaggio del Corteo.

Per prevenire ogni possibile illegalità è stato inoltre richiesto alle Forze di Polizia delle Provincie di partenza e in particolare alle Polizie Ferroviarie e Stradale di effettuare un attento monitoraggio e controllo lungo gli itinerari.

A Pisa invece Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza impegneranno anche unità cinofile antidroga per posti di controllo lungo gli itinerari che portano al luogo di concentramento dei manifestanti.

“Non è facile – ha evidenziato Tagliente – conciliare il diritto di manifestare con quello della pacifica convivenza sociale. Questo risultato però, con l’impegno di tutti, si può raggiungere purché ci sia forte sinergia, condivisione, motivazione e determinazione a non tollerare illegalità.

“Il diritto di manifestare le proprie opinioni ed il proprio dissenso è, e deve restare, un diritto inviolabile – ha continuato il Prefetto – sottolineando però che i manifestanti devono rispettare la legge e le prescrizioni date dal Questore. Ogni violazione sarà documentata e segnalata all’Autorità giudiziaria.

You may also like

By