Cantieri Baglietto un tavolo per rilanciare la produzione e salvare i posti di lavoro

PISA – Nella giornata di mercoledì 13 novembre si è svolto a Pisa un incontro tra la Cgil di Pisa, la RSU dei Cantieri di Pisa ed il Rag. Federico Galantini legale rappresentante della Baglietto snc, finalizzato ad una disamina della situazione che vede il personale del cantiere sospeso prima in CIGS e poi in Cassa Integrazione in deroga da oltre tre anni con una difficoltà sempre più forte sia dal punto di vista delle condizioni del reddito che delle prospettive occupazionali.

Prese in considerazione le numerose trattative fallite e pur in presenza di recenti interessamenti e della formalizzazione di un’ offerta, nonché della costituzione della cooperativa dei lavoratori in assemblea permanente dal 27 aprile 2011, si è condivisa la necessità di rilanciare l’ attività produttiva del cantiere, trattandosi peraltro di un concordato in garanzia e continuità, finalizzato al completamento delle tre barche semilavorate attraverso l’implementazione di un nuovo piano industriale biennale allo scopo di mantenere gli attuali livelli occupazionali, oltre a creare le condizioni di un futuro sviluppo occupazionale.

Per questi motivi, analogamente a quanto avvenuto a Varazze, la prossima settimana sarà sottoscritto un accordo sindacale tra la Cgil di Pisa, la RSU e il Rag. Galantini per il rilancio industriale dei Cantieri di Pisa ed il mantenimento dell’ occupazione.

Conseguentemente alla sottoscrizione dell’ accordo si chiederà alle Istituzioni locali – Regione Toscana, Comune di Pisa e Provincia di Pisa – la convocazione del tavolo istituzionale per la soluzione della crisi dei “Cantieri di Pisa” che ribadisca l’ impegno delle parti e delle istituzioni per il mantenimento dell’ occupazione ed il rilancio delle attività produttive e attraverso tutte le azioni necessarie al raggiungimento dei due fondamentali obiettivi.

Fonte: Cgil Pisa

20131114-181346.jpg

By