Cantieri di Pisa, anche la Regione Toscana all’incontro a Roma del 17 ottobre

PISA – Sono pervenute significative richieste di acquisto per i rami d’azienda della Mondomarine-Cantieri di Pisa e almeno quattro sono le offerte che riguardano il sito produttivo toscano.

Le ipotesi sono al vaglio dell’advisor dell’azienda per essere inseriti nella proposta di concordato in continuità, per la presentazione del quale la Mondomarine ha chiesto una proroga di 60 giorni al Tribunale di Savona, che dovrebbe pronunciarsi a breve.

Il punto sulla situazione dell’azienda nautica è stato fatto oggi a Pisa nell’incontro convocato dal consigliere del presidente Enrico Rossi per il lavoro, Gianfranco Simoncini, ed al quale hanno partecipato il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, il rappresentante della Mondomarine Simone Marconcini, l’amministratore unico della Navicelli Spa, Giovandomenico Caridi, e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

Dal confronto è emerso che potrebbero determinarsi le condizioni perché la vicenda si possa concludere in modo da garantire il futuro produttivo dei Cantieri di Pisa, una realtà storica e importante della nautica toscana e nazionale. In questo senso, il sindaco Filippeschi e Caridi hanno sottolineato che per eventuali acquirenti non si presenterà alcun problema in merito al rilascio delle concessioni demaniali. E lo stesso Filippeschi ha anche ricordato gli importanti investimenti regionali sul Canale dei Navicelli che potranno favorire nuovi sviluppo del settore nautico.

Il tavolo, ha informato Simoncini, verrà riconvocato non appena ci saranno novità sul piano della società.

Intanto, anche la Regione Toscana, che continua a seguire con grande attenzione la vicenda, sarà presente all’incontro convocato a Roma per il 17 ottobre e proprio stamani Simoncini ha preso contatto con il Ministero dello sviluppo economico.

By