Carabinieri impegnati a Ponsacco e Cascina tra arresti e denunce

PISA – Nel tardo pomeriggio di venerdì 19 gennaio a Ponsacco i militari della locale Stazione Carabinieri hanno tratto in arresto in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in un italiano 49enne.

L’uomo, indagato per i gravi reati di rapina e tentato omicidio commessi in Pontedera nell’estate del 2012, era infatti destinatario della misura dell’obbligo di dimora. Le reiterate violazioni alle prescrizioni, riscontrate dai carabinieri incaricati della sua vigilanza, hanno indtotto il Giudice ad aggravare la misura a caricocarcere in sostituzione della misura cautelare dell’obbligo di dimora per reiterate violazioni

Sempre nella serata di ieri, a Bientina, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno tratto in arresto un italiano di 71 anni per fabbricazione di arma da fuoco. L’uomo, perquisito d’iniziativa dai carabinieri, è stato infatti sorpreso con due armi, l’una di fabbricazione artigianale e perfettamente funzionante, qualificata come “arma clandestina”; l’altra mai denunciata all’Autorità di Pubblica Sicurezza. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato rimesso in libertà, su disposizione dell’Autorità Guidiziaria e in ottemperanza alle disposizioni attuative del codice di procedura penale.

Inoltre, nella serata precedente, i carabinieri della Compagnia di Pontedera hanno svolto un’intensa attività di controllo per contrastare reati predatori. A Navacchio di Cascina, i carabinieri della locale Stazione, unitamente a militari del 186° Reggimento Paracadutisti “Folgore”, nell’ambito dei servizi di contrasto a fenomeni di microcriminalità, nell’area del parco commerciale Ipercoop di via del Nugolaio, hanno individuato un soggetto sospetto a bordo di autovettura in sosta: da un accurato controllo del veicolo è risultato che il georgiano 32enne aveva nella disponibilità capi di abbigliamento e accessori di moda, per un valore di euro 400, occultati nel vano bagagliaio, risultati provento di furto in un negozio di abbigliamento di Pisa. L’uomo è stato pertanto denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

Analoga attività è stata condotta a Ponsacco dai militari della locale Stazione, i quali, nel procedere a perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto nella disponibilità di un operaio 20 enne, di nazionalità marocchina, uno smartphone risultato provento di furto in danno del custode del locale cimitero. Anche in questo caso l’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per il reato di ricettazione.

A Casciana Terme, invece, i militari della locale Stazione, al termine di rapide indagini, hanno individuato in un disoccupato 40enne, del luogo, l’autore di due furti di denaro contante, per un importo complessivo di euro 350, prelevati dal registratore di cassa di due esercizi commerciali del centro. L’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato.

By