Carmine Gautieri: “Contro il Siena dobbiamo fare la partita”

PISA – Alla vigilia della sfida contro il Siena, primo derby toscano della stagione ha parlato il tecnico nerazzurro Carmine Gautieri.

di Giovanni Manenti

“Con l’arrivo di De Vitis – esordisce il tecnico – abbiamo completato l’organico, è un centrocampista che può ricoprire tutti i ruoli nel centrocampo a tre per il resto siamo completi in ogni reparto. De Vitis sta bene, anche se è da tanto che non gioca, se non sarà disponibile per domani, lo sarà nelle prossime partite, Lisuzzo è recuperato e tutti sono disponibili”.

Gautieri torna alla gara di Olbia: “Della gara di Olbia siamo delusi per il risultato ma non per la prestazione, pur sapendo che dobbiamo migliorare”.

La gara contro il Siena Gautieri la vede cosi: “Per domani mi aspetto di fare la partita, dobbiamo imporre il nostro gioco con maggiore continuità e migliorare certe situazioni, nel senso di maggiore attenzione su ogni fase di gioco, onde non farci trovare impreparati. Partite facili in Lega Pro non ce ne sono, basta vedere le operazioni di mercato in cui tutte le squadre si sono rinforzate, anche il Siena è una di queste. Sotto l’aspetto fisico dobbiamo migliorare, come in quello tattico, questa è una squadra nuova e ci vuole ancora un po’ di tempo per essere al top, del resto ad Olbia siamo stati condannati da un singolo episodio, ed occorre più convinzione sotto porta poiché abbiamo creato tantoa purtroppo concretizzato poco”.

“È normale concedere qualcosa agli avversari, in fondo ad Olbia abbiamo solo subito due cross, anche se le situazioni da gol devono cercare di essere evitate e non me la sento di dare colpe particolari a Favale di cui sono molto contento. Mannini lo conosco, so quanto sia importante per noi ed il ruolo di terzino lo sa fare benissimo, adattandosi a questa situazione tattica, mentre per quanto riguarda Zammarini è solo una soluzione di ripiego”.

Gautieri parla della nuova regola dei cinque cambi. “Tanto vantaggio la nuova norma dei cambi non credo la porti, certo che per chi ha una rosa più importante ciò possa determinare un vantaggio, pur non essendo un obbligo effettuare tutte le sostituzioni previste”.

Il tecnico nerazzurro fa un bilancio dei primi due mesi di lavoro. “Dopo due mesi con i ragazzi, sono orgoglioso del gruppo per quanto riguarda l’impegno che mettono in allenamento e la compattezza e la volontà di fare bene per dare le maggiori soddisfazioni ai tifosi che devono essere contenti di avere questa squadra a disposizione”.

Sulla formazione che scendera in campo dall’inizio con i bianconeri dice: “Sapete che non mi sbilancio, ma non sono da escludere delle variazioni rispetto agli undici scesi in campo in Sardegna”.

By