Cascina, chiusi i lavori sull’acquedotto in via Giorgio Amendola

PISA – Migliorare il servizio idrico per un buon numero di utenze ed eliminare il rischio di perdite su tratti di rete datati e soggetti quindi in passato a frequenti rotture. Può considerarsi raggiunto il duplice obiettivo con cui era partito il progetto di risanamento dell’acquedotto in via Giorgio Amendola, nel comune di Cascina. Un lavoro significativo, iniziato a dicembre dello scorso anno e chiuso a luglio con i collegamenti della nuova infrastruttura alla rete idrica.

Si è trattato in realtà di una “triplice operazione”, dato che a rifarsi il look sono state anche due traverse della strada in cui è avvenuto l’intervento principale: via Ruffilli e via Lombardi. Tre vie, un unico comune denominatore: la vetustà delle condotte idriche, giunte ormai a fine vita. Da qui, la progettazione da parte di Acque SpA dell’intervento risolutivo, per un totale di quasi 800 metri di nuove tubazioni. In via Giorgio Amendola sono stati sostituiti 530 metri di condotta, poi la nuova infrastruttura è stata collegata alla rete, alle intersezioni con la Tosco Romagnola da un lato e con via Bartoli dall’altro. Con l’occasione, sono stati sostituiti ulteriori 250 metri nelle vie Ruffilli e Lombardi, per scongiurare problemi anche su quei tratti di rete.



Il progetto, che ha comportato un investimento complessivo di 310mila euro, garantirà anche un potenziamento del servizio: le nuove condotte sono realizzate in ghisa sferoidale, un materiale più resistente rispetto alle tubazioni di vecchia generazione, e hanno un diametro più ampio di quelle appena sostituite. Se a questo si aggiunge il rifacimento di tutti gli allacci d’utenza, il risultato è il miglioramento dell’approvvigionamento idrico per qualità e continuità. Nelle prossime settimane, una volta trascorso il tempo necessario per l’assestamento delle condotte, sarà garantita la riasfaltatura dei tratti di strada interessati dai lavori.​

By