Cascina, nuovo consiglio direttivo al centro commerciale naturale

PISA – Nuova linfa al centro commerciale naturale di Cascina, affidato alla guida di un consiglio direttivo completamente rinnovato, sotto l’egida di ConfcommercioPisa.

Rilanciare il commercio a Cascina, con particolare attenzione alle attività di corso Matteotti, è questa una delle più urgenti priorità che si è dato il nuovo consiglio direttivo.

Il presidente è Massimo Croci, dello storico Caffè del Corso, che alla presenza dei colleghi del consiglio e del direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli spiega la nuova avventura del CCN: “Vogliamo rivitalizzare il corso a vantaggio delle attività commerciali e di tutta Cascina, percorrendo questa nuova strada insieme a Confcommercio.Siamo alla ricerca di nuove idee e iniziative, ma vogliamo pensare ad un futuro diverso per corso Matteotti. Molti servizi si sono allontanati fuori dalle mura, dalle poste agli uffici comunali, la dimostrazione che se decentrano i servizi vuol dire che ci si arriva male. Quindi, o si reintegrano alcuni di essi, penso all’ufficio anagrafe, oppure bisogna, a certe condizioni riaprire il corso”.

A parlare di vera e propria anomali di corso Matteotti è il vicepresidente Arturo Giacomina, della libreria Gini: “Lo stato comatoso della principale strada di Cascina è sotto gli occhi di tutti. Il problema esiste ed è fortissimo, se è vero che negli ultimi due anni sono chiuse 18 attività commerciali ed altre si apprestano a seguirle. Noi chiediamo più parcheggi intorno alle mura, una segnaletica migliore per i parcheggi attualmente esistenti e la riapertura al traffico per quattro mattine la settimana. E’ un esperimento, l’amministrazione deve ascoltarci.”. A sollevare la questione sicurezza è Sara Santaniello della pizzeria Papà Ninuccio: “Il sottopasso della stazione è tutt’altro che sicuro, soprattutto di sera e molti clienti preferisco non rischiare, rinunciando a frequentare il corso. E’ capitato persino che alcuni titolari di attività siano stati attesi e derubati al parcheggio a fine giornata”. Sara Caioli, del negozio Non solo Fiori sottolinea come “alcune famose catene di negozi in franchising hanno rinunciato a venire a Cascina, perché non c’è il passaggio minimo necessario per aprire, mentre un discorso a parte meriterebbe anche l’organizzazione del mercato settimanale”.

Chiude Federico Pieragnoli, direttore di ConfcommercioPisa: “Siamo pronti, con il supporto di questi imprenditori e secondo le loro linee, ad intraprendere un’azione seria di rilancio delle attività commerciali di Cascina. Penso che ridiscutere l’apertura del Corso sia una della priorità, insieme ad altre iniziative che possiamo intraprendere: come un’azione studiata sul prezzo degli affitti e sui fondi sfitti. Siamo a disposizione”. Il direttivo del CCN è così composto: Massimo Croci (Presidente CCN Cascina), Federico Pieragnoli (Direttore Confcommercio Pisa), Arturo Giacomina (Vicepresidente CCN Cascina– Libreria Gini), Sara Santaniello (Segretaria CCN Cascina), Simone Tesseri (Tesoriere – Tabacchi Numero Uno), Maria Angela Ciensi (Il Cucitutto), Sara Caioli (Non solo Fiori).

20130925-182847.jpg

By