Cascina, un bilancio consuntivo 2019 da record

CASCINA – Bilancio consuntivo 2019 da record per il Comune di Cascina. Sono oltre dieci milioni di euro di risorse disponibili per la città. È stato approvato in giunta lo schema di bilancio consuntivo 2019.

“Risultati concreti frutto di un lavoro di programmazione e periodica ricognizione dei dati economico – finanziari condotta negli anni. Un ringraziamento ai responsabili della macrostruttura economica-finanziaria, ma in generale a gran parte del personale comunale che ha contribuito al raggiungimento di questi risultati”, afferma il Sindaco Dario Rollo.

“Un bilancio che pochi comuni delle nostre dimensioni possono vantare. Dimostrazione di una amministrazione corretta, seria e di un “cambio di rotta” rispetto a quanto accadeva con le amministrazioni precedenti.

“Ho letto sui media che qualcuno afferma che non c’è bisogno di un amministratore con la calcolatrice in mano. Sono affermazioni che denotano poca conoscenza delle tecniche di gestione di un ente locale, soprattutto se espresse da chi è stato seduto nei banchi del consiglio comunale o vorrebbe addirittura guidare un ente pubblico. Il bilancio è il documento più importante della gestione di un ente pubblico (e anche privato), traduce in cifre i progetti e gli obiettivi, analizza i bisogni della collettività, definisce le priorità di intervento, contiene l’indicazione di tutte le risorse dell’ente ed il loro reimpiego, nessuna spesa può essere disposta se non adeguatamente prevista nel bilancio. L’iscrizione a bilancio di spese senza copertura portano gli Enti al dissesto e le conseguenze sono gravissime. E Cascina ci è andata vicina in passato. Io mi augurerei che ci fossero più persone con la calcolatrice in mano a guidare gli enti pubblici. Sono sicuro che l’Italia ne beneficerebbe. La massima aspirazione per un cittadino e politico che si occupa di finanza pubblica è proprio quella di poter dire che i conti sono a posto. E quelli di Cascina, oggi, lo sono, senza tema di smentita”, conclude Rollo.

I NUMERI. Il 2019 ha chiuso con un avanzo libero di 7.528.151,11 euro. Con l’anno 2018 si era invece definitivamente ripianato il deficit di oltre 1,6 milioni che pesava sui cittadini cascinesi a seguito delle sentenze della Corte dei Conti riferito agli anni 2013-2015. Il risultato di amministrazione ammonta a a 20.839.926,73 rispetto ai 16.194.496,54 euro del 2018, ai 12.707.117,09€ del 2017 e appena 4.629.357,52 del 2015.

“Il Fondo Crediti e tutti gli altri fondi sono stati aumentati (per motivi legati alle norme contabili o per prudenza a dimostrazione della serietà nella gestione finanziaria). La gestione di competenza è migliorata, dimostrazione di un lavoro serio, puntuale e costante. Basta ricordare che fino al 2013 i conti chiudevano con disavanzo di gestione di competenza e si utilizzavano artifizi contabili per far quadrare i conti, ma la Corte dei Conti è poi intervenuta e gli errori li abbiamo dovuti pagare e sanare con i nostri bilanci. La gestione finanziaria è risultata positiva. L’indebitamento dell’Ente è passato da 12.304.600 euro del 2016 ad appena 7,1 milioni del 2019 (era 7.723.560 euro nel 2018), con un indebitamento medio abitante che passa da 224,09 (2016) a 156,98 euro nel 2019. La pressione fiscale nel 2019 è diminuita nuovamente (Cosap mercati, tariffe scolastiche e sportive, passo carrabile, Tari). Anche nel 2019, come nel 2018 e 2017, la parte Entrate da “proventi da concessioni edilizie” è stata destinata tutta a spese di investimento a differenza di quanto accadeva prima (nel 2015 oltre il 50% finanziava spesa corrente).

L’Ente ha rispettato il patto di stabilità e l’indicatore dei pagamenti è migliorato passando da +22 giorni nel 2018 a -6 nel 2019 (+29 giorni nel 2017, +56 nel 2015).

Anche nel 2019 non si è fatto ricorso all’anticipazione di cassa che invece era un grosso problema sin dal 2013 fino a risoluzione nel 2017.Quest’anno 2020, come avvenuto nel 2019, non essendoci disavanzo, avendo liquidità in cassa e avendo reso congrui i fondi di accantonamento, si potrà utilizzare la parte investimenti ammontante a quasi 1,3 milioni, oltre ai 1,8 milioni di risorse parte vincolata e i 7,5 milioni di avanzo libero.

E’ un vero e proprio “tesoro” che ci permetterà di mettere innanzitutto in sicurezza i conti dell’ente a causa dell’emergenza Covid-19 e, in fase di riequilibrio finanziario nel mese di luglio, di finanziare importanti ed ulteriori opere pubbliche sul territorio. Il Fondo Pluriennale Vincolato a fine 2019 ammonta a 5.618.500,21 euro. Ciò significa che il Comune di Cascina ha investimenti sul territorio (attualmente in corso di realizzazione) pronti, programmati ed affidati per questa cifra. Un comune che investe e con un indebitamento ridotto*.

By