Cascina verso il voto. La Lista Cascina Civica Lavoro, Sviluppo, Ambiente sta con Fabio Poli

CASCINA – Presentata la lista “Cascina Civica Lavoro Sviluppo Ambiente” che, insieme al Movimento Cinque Stelle, sostiene la candidatura di Fabio Poli alla carica di sindaco di Cascina. Il quarto stato che campeggia al centro del simbolo ne identifica i valori e la vicinanza al mondo del Lavoro. Una lista composta da diverse sensibilità e provenienze, tutte inscrivibili ai movimenti progressisti e al civismo democratico ed ecologista.

Vogliamo una Cascina, hanno detto Poli e i candidati della lista, che torni a credere nel proprio futuro: così come la Fiat ha caratterizzato Torino, la Piaggio Pontedera e l’Università Pisa, vogliamo che Cascina brilli di una luce propria e riscopra una propria vocazione con il Polo e Virgo.

L’innovazione scientifica, lo sport e il tempo libero, un’offerta culturale di rilievo e l’accrescimento della qualità della vita dovranno caratterizzare la Cascina dei prossimi anni. il Polo Tecnologico, il centro commerciale da rilanciare, la crescita di un indotto scientifico e culturale intorno a Virgo e alle sue scoperte che parlano all’intera umanità, dovranno essere le direttrici con le quali Cascina e i suoi cittadini potranno accrescere la qualità della vita, in un ambiente in buona parte ancora integro, vivibile dove poter celebrare un rito che si chiama urbanità.

In consiglio comunale in questi quattro anni abbiamo partecipato attivamente cercando di approfondire i problemi e avanzare proposte alternativa mentre, intorno, prevalevano la propaganda da una parte e un’incapacità elaborativa figlia della vecchia arroganza autoreferenziale. Teniamo insieme un’idea di futuro con la conoscenza della pratica amministrativa, sapendo che l’una non può far a meno dell’altra.

Dal ciclo integrato dei rifiuti alle proposte per il decoro urbano, dalla manutenzione delle strade al rilancio dell’economia e per tanti altri aspetti programmatici, sappiamo perfettamente quali siano le leve da poter utilizzare per giungere presto e bene a dei risultati concreti.

Vogliamo una Cascina non svenduta alle logiche “pisane” come è invece avvenuto con l’approvazione da parte del centrodestra del nuovo piano strutturale intercomunale che impedirà a Cascina di svilupparsi secondo una propria vocazione ed una propria autonomia. Lo miglioreremo sicuramente, appena possibile!

Con questo respiro, coniugando la visione strategica con la concretezza quotidiana, ci candidiamo a guidare Cascina per superare chi l’ha solo utilizzata, chi continua a ritenersi guida senza esserlo più e chi pensa che amministrare una città sia come inscenare uno spettacolo. C’è bisogno di altro e questo altro lo poniamo, responsabilmente, a disposizione di tutti i cascinesi che credono in un futuro migliore: ora è possibile e giusto cambiare. Con l’aiuto di tutti ce la faremo!

By