Case dell’acqua a Vecchiano: oltre 3milioni di litri di acqua erogati con oltre 2milioni di bottiglie di plastica risparmiate

VECCHIANO – 3.152.750 litri di acqua erogati dalle 5 Case dell’Acqua di Vecchiano, per un risparmio pari a 2.101.831 bottiglie in plastica da 1,5 litri: sono questi i numeri aggiornati al 31 marzo 2020 relativamente ai fontanelli installati dal Comune di Vecchiano sul territorio, grazie alla collaborazione con il gestore ToscanaMultiservizi.

A novembre 2018 abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di mandato, con l’installazione dell’ultima Casa dell’Acqua, nella frazione di Avane: 5 fontanelli, dunque, uno in ogni frazione, a servizio dei cittadini. Sin dall’inizio, con le prime installazioni, i nostri cittadini ne hanno accolto positivamente i molteplici benefici”, spiega il Sindaco Massimiliano Angori.

In primo luogo la qualità dell’acqua: i fontanelli erogano acqua buona, particolarmente leggera nel contenuto di sali, dal gusto gradevole, fresca, sia liscia che gassata. In secondo luogo, il risparmio: l’acqua del fontanello costa meno di quella in commercio, e in tempi di crisi economica ciò può fare la sua bella differenza. L’accordo con il gestore, Toscana Multiservizi, è che il Comune fornisce l’area e le predisposizioni, l’operatore paga la concessione di occupazione e i consumi di acqua e di energia; Toscana Multiservizi inoltre gestisce in toto gli erogatori, per quanto concerne manutenzione e riscossione e ne resta proprietario, a fronte dell’impegno a praticare i prezzi di 5 cent/€ al litro sia liscia che gassata, un prezzo politico e democratico per i cittadini che pagano per l’effettivo consumo, senza trovarsi maggiorazioni a spanne nella bolletta. Il consumo medio di ogni Casa è stimato essere di circa 1500 litri/giorno”. 

Un altro aspetto essenziale per le Case dell’Acqua è che ci consente di mettere in pratica le buone pratiche di sostenibilità ambientale, dal momento che riempire bottiglie d’acqua al fontanello vuol dire risparmiare la plastica della bottiglia, lo smog dei camion che distribuiscono l’acqua e quindi produrre meno rifiuti e meno inquinamento. Basti pensare che per la realizzazione di una singola bottiglia in plastica da 1,5 lt vengono prodotti 0,0069 kg di CO2 e 0,039 kg di CO2 per il trasporto in discarica; da un rapido calcolo si evince che, grazie all’utilizzo delle 5 Case dell’Acqua sono state risparmiate 2.101.831 bottiglie in plastica, e quindi circa 96.400 kg di CO2 che non sono stati dispersi nell’atmosfera, riducendo di fatto l’inquinamento”, aggiunge l’Assessora ai Servizi del Territorio, Sara Giannotti. “Inoltre, i cittadini possono essere sicuri del prodotto che consumano. Intanto perché Toscana Multiservizi effettua la sanificazione ordinaria di ciascuna Casa dell’Acqua, che consiste in 12 passaggi con cadenza mensile durante i quali si procede alla pulizia interna ed esterna della struttura e del frontale di erogazione in acciaio inox, viene sostituito il filtro meccanico in polipropilene, e si immettono all’interno delle tubazioni della struttura dei prodotti con funzione disincrostante e battericida, che vengono poi espulsi mediante risciacquo. Per dare un’ulteriore sicurezza agli utilizzatori, in questo momento di emergenza sanitaria dovuta al Covid19, ad ogni passaggio il gestore provvede ad effettuare una “flambatura” con la fiamma di un bruciatore di tutti i punti di contatto, quindi ripiani portabottiglie, vani e pulsanti di erogazione. Con i passaggi di controllo alle strutture, pari ad almeno 2 per settimana, il gestore è in grado di risolvere immediatamente ogni tipo di problematica che dovesse verificarsi nel loro funzionamento. La prossima sanificazione delle Case dell’Acqua è prevista per il 13 maggio: stiamo lavorando alla messa a punto di una sezione web sul sito internet, da implementare con gli aggiornamenti relativi alle sanificazioni periodiche, alle analisi batteriologiche e a quelle chimico-fisiche. Inoltre, la qualità dell’acqua del nostro acquedotto, che quindi rifornisce anche le Case dell’Acqua, è costantemente monitorata attraverso i costanti controlli a cura di Acque Spa, consultabili sul sito web acque.net alla voce “Acqua di Casa Tua”, selezionando poi Vecchiano e puntando sulla mappa interattiva sulla nostra zona è possibile consultare la situazione relativa al nostro territorio. Per quanto riguarda l’acqua distribuita, i laboratori di Acque SpA effettuano ogni anno sull’intero territorio gestito oltre 15mila campionamenti e determinano circa 300mila parametri. Si tratta di controlli scrupolosi, che vengono effettuati presso i punti di prelievo delle acque superficiali e sotterranee, gli impianti di adduzione, di accumulo e di potabilizzazione e le reti di distribuzione. Oltre a questi, ci sono le verifiche svolte dalle autorità pubbliche di controllo delle AUSL. Insomma, acqua buona e costantemente monitorata”, conclude l’Assessora Giannotti.

Ricordiamo infine dove sono dislocate le Case dell’Acqua sul territorio vecchianese:

  • Migliarino – Piazza Balducci
  • Vecchiano – Piazza Pasolini – parco Mercato
  • Filettole – Piazza Allende
  • Nodica – Via Oberdan
  • Avane – Piazza Carducci

E’ possibile acquistare la card per utilizzare l’acqua dei fontanelli nei punti vendita convenzionati presenti nelle altre frazioni, tra cui: il Circolo Arci di Filettole, l’edicola-tabacchi Antonio Baglini e la tabaccheria Bartalini Rosaria a Vecchiano; l’edicola-cartoleria Lo Scarabocchio a Migliarino presso e il Circolo Arci di Migliarino, l’Edicola ad Avane.

By