Case popolari, i Cobas chiedono un incontro con il Comune

PISA – I Cobas comitati inquilini hanno chiesto un incontro al sindaco di Pisa sulla situazione delle case popolari e i costi dei servizi condominiali.

Gli immobili di proprietà dei Comuni del LODE Pisano (Comuni della Provincia di Pisa) per le spese comuni sono in massima parte gestiti direttamente dall’APES SpA oppure in Autogestione, che in pratica finisce per essere una gestione indiretta da parte di un amministratore privato convenzionato con l’APES SpA o, se in uno stabile esiste almeno un

 cobas

appartamento riscattato in proprietà dagli ex inquilini, in condominio, con un amministratore privato.

Spesso gli inquilini si chiedono perchè devono pagare amministratori (APES o privati) che non garantiscono servizi adeguati (pulizia delle scale, cambio lampadine, svuotatura pozzi neri, manutenzione del verde, gestione dell’autoclave e/o dell’ascensore ove esistono), soprattutto in questo momento in cui il potere di acquisto delle famiglie è sempre più basso e aumentano ogni mese i casi di morosità incolpevole che riguardano anche le utenze di acqua, gas, luce costringendo tante famiglie indigenti a vivere in condizioni disumane Cobas e Unione Inquilini chiedono un incontro al Comune e soprattutto all’APES perchè vengano erogati servizi più efficienti e che questi servizi vengano autogestiti dagli stessi inquilini per cercare di rendere più partecipata e dignitosa la vita degli abitanti delle case popolari. Comune e Apes intervegano direttamente per riallacciare le utenze alle famiglie indigenti.

Fonte: Confederazione Cobas Unione Inquilini

By