Caso Ceccanti, il caso arriva in Parlamento. L’interrogazione del M5S

PISA – Continuano le iniziative per far ripristinare la pensione d’invalidità civile a Soriano Ceccanti, sulla sedia a rotelle da 44 anni, dopo che l’inps di Pisa, in via cautelativa, gliela aveva sospesa sostenendo che risulterebbe abitante in Marocco, paese di cui è originaria la moglie.

Dopo gli appelli rivolti al Presidente del Consiglio Enrico Letta, da parte delle associazioni “Vita indipendente” di Scandicci e di quella per i paraplegici di Firenze, ora è la volta di una interrogazione parlamentare (qui sotto il testo completo) presentata al Ministro del Welfare, Enrico Giovannini, dal deputato del Movimento 5 Stelle, Marco Baldassare.

“l’INPS, pochi mesi fa – così scrive l’onorevole Baldassare – ha sospeso cautelativamente la prestazione economica contestando il non rispetto della «dimora stabile e abituale in Italia, prestazione economica – così scrive l’onorevole Baldassare – che non sarebbe stata attuata se si fosse trattato di un altro titolare di trattamento pensionistico, ma appartenente alla categoria dei «non disabili», perché, “a questi ultimi non risulta sia fatto divieto di allontanarsi dal territorio nazionale per brevi periodi” e quindi “appare discriminatorio l’attuazione di tale provvedimento da parte di INPS per quanto concerne la libera circolazione all’estero di soggetti diversamente abili”.

Il parlamentare del Movimento 5 Stelle chiede, quindi, che venga ripristinata la pensione d’invalidità per Soriano Ceccanti e “per tutti gli altri cittadini che si trovino in analoghe condizioni” e l’adozione tutti quei provvedimenti necessari “per evitare che tali spiacevoli situazioni si ripetano in futuro”.

Infine, sulla stessa vicenda, è intervenuto anche il consigliere comunale Gianfranco Mannini (M5S). “Fino a quando dovrà continuare questa storia? Fino a quando in Italia ci saranno persone che percepiscono 90.000€ al mese di pensione e persone a cui vengono calpestati i diritti senza batter ciglio? “Che si faccia giustizia quanto prima sulla questione specifica – così scrive il noto esponete politico cittadino – e verso tutti quei cittadini che si trovano nella stessa situazione. Adesso Basta!”.

Il testo dell’interrogazione dell’on. Marco Baldassare (M5S)

BALDASSARRE. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

il 31 dicembre 1968 una pallottola sparata dalle forze dell’ordine colpiva ad una vertebra il signor Soriano Ceccanti, lasciandolo paralizzato; il signor Soriano Ceccanti riceveva, fino a qualche mese fa, una prestazione economica quale pensione di invalidità civile a seguito del su descritto evento; le norme che regolano l’istituto dell’invalidità civile e le relative circolari emanate da INPS, delineano che i requisiti essenziali per il diritto alla prestazione economica sono: il riconoscimento sanitario e il possesso della residenza in Italia; il signor Ceccanti è residente in Italia e sono state di recente confermati i requisiti sanitari a seguito di visita medica di verifica; l’INPS, pochi mesi fa, ha sospeso cautelativamente la prestazione economica contestando il non rispetto della «dimora stabile e abituale in Italia»; a parere dell’interrogante appare alquanto opinabile l’interpretazione effettuata da INPS in merito alla vicenda non trovando specifiche norme a riguardo né circolari specifiche emanate da tale ente; appare non applicata in maniera corretta la legge 1o marzo 2006 n. 67 e che la «sospensione» applicata da INPS, non sarebbe stata attuata se si fosse trattato di un altro titolare di trattamento pensionistico, ma appartenente alla categoria dei «non disabili»: a questi ultimi non risulta sia fatto divieto di allontanarsi dal territorio nazionale per brevi periodi; appare discriminatorio l’attuazione di tale provvedimento da parte di INPS per quanto concerne la libera circolazione all’estero di soggetti diversamente abili –: se il Ministro interrogato sia a conoscenza della situazione su descritta e se non ritenga opportuno porre la propria attenzione e intervenire, per quanto di sua competenza, al fine di ripristinare la prestazione economica relativa alla pensione d’invalidità civile del signor Soriano Ceccanti e di altri cittadini che si trovino in analoghe condizioni; quali interventi il Ministro intenda assumere per evitare che tali spiacevoli situazioni si ripetano in futuro. (5-00837)

Fonte Ufficio Stampa Comune di Pisa

20130807-225339.jpg

You may also like

By