Caso Ferrandi: salma bloccata in Cina. Ha due parenti, uno vive a Pisa

PONTEDERA – Il “caso Ferrandi” tiene banco in questi giorni a Pontedera, infatti il 79enne scomparso in Cina, paese di cui aveva una forte passione è al centro di un caso burocratico non da poco e la salma è ancora bloccata nel Paese della Grande Muraglia.

Chi era . Aldo Ferrandi, 79enne, celibe. E ora, da morto, protagonista di un rebus burocratico-economico internazionale. E’ morto in Cina, realizzando quel grande sogno di vedere ancora una volta il Paese della Grande Muraglia. Ferrandi era diabetico e di una certa gravità. Da poco gli era stata amputata anche una gamba. Ferrandi avrebbe due cugini: uno che vive nel pisano e una cugina che vive nel circondario empolese. Sarebbero loro gli eredi di un uomo con due grandi passioni: il ciclismo che amava soprattutto dirigere da inflessibile giudice di gare e giri nazionali, tanto da diventare il terrore per i furbetti delle spintarelle in salita, e la conoscenza del mondo. La salma è ancora lì, a Pechino, ma già quando era in coma si era aperto il problema di chi dovesse pagare le spese ospedaliere e di trasporto in Italia (si parla di un conto di diverse migliaia di euro). Prima del malato e ora del defunto. Problema difficile, un rompicapo, perché Aldo Ferrandi non aveva e non ha parenti stretti, mentre quelli più lontani sapevano poco o nulla, della sua vita.

La parola alle istituzioni. La questione è stata portata all’attenzione del Consolato cinese a Roma. Oggi il vicesindaco Massimiliano Sonetti ne parlerà anche con l’ambasciata cinese e con la Farnesina: “La questione è molto delicata – spiega Sonetti – e, tra gli ostacoli, anche un conto sanitario forse da pagare. Infatti questo nostro concittadino durante il soggiorno è stato ricoverato in ospedale e sottoposto a cure. Le autorità cinesi sono molto collaborative”. Il vicesindaco sta lavorando anche un un altro fronte: “Abbiamo ricostruito la geografia parentale e quale grado d’attenzione i parenti in vita riservano al defunto e alla vicenda. Sappiamo che non c’erano rapporti da decenni”.

You may also like

By