Caso Pisa – Torres, la Procura Federale dice no al punto di penalizzazione

PISA – L’A.C. Pisa 1909 S.r.l. comunica che, all’esito della riunione celebratasi ieri, presso la F.I.G.C., il Tribunale Federale Nazionale ha prosciolto la società dall’addebito contestato dalla Procura Federale (responsabilità presunta nell’illecito sportivo consumato in occasione di Pisa – Torres del 29 ottobre 2014)

rigettando il deferimento elevato nei confronti della scrivente società e la conseguente richiesta di irrogazione della penalizzazione di un punto in classifica nel Campionato di Lega Pro, stagione 2015/2016, avanzata in udienza dalla Procura Federale. Nella decisione, pubblicata con Comunicato Ufficiale questa mattinata, l’organo di giustizia federale ha affermato che ‘nessun soggetto tra quelli intercettati è oggettivamente riconducibile alla sfera dell’AC Pisa né direttamente e né per interposta persona, per cui l’incontestabile dato di estraneità conferma che l’intero disegno venne organizzato da terzi personaggi per fini chiaramente votati alla scommessa sportiva, ma senza alcun coinvolgimento del sodalizio’, confermando l’assoluta estraneità del club e dei propri tesserati a qualsivoglia comportamento illeciti in occasione della partita Pisa – Torres. La Società, assistita nel procedimento dall’Avv. Mattia Grassani di Bologna, ringrazia il medesimo ed il suo collaboratore Avv. Federico Menichini per l’eccellente operato, esprimendo massima soddisfazione per il risultato raggiunto al termine di un percorso durato quasi tre mesi, affrontato a testa alta e senza timori, al termine del quale è stata ancora una volta affermata l’estraneità alle vicende di cui all’indagine della DDA di Catanzaro nota come ‘Dirty Soccer’ alla quale, proprio con riferimento alla gara Pisa – Torres, il club era stato, impropriamente, accostato anche in passato.

By