Caso Ragusa: altri due indagati

PISA – La Procura di Pisa a sorpresa accelera in merito al caso Ragusa e in questi giorni, dopo le diverse testimonianze raccolte, aggiugono all’unico indagato Antonio Logli, anche il padre Valdemaro e la baby sitter di famiglia, ossia Sara Calzolaio, nonchè amante da più di dieci anni del marito di Roberta Ragusa. L’accusa è di favoreggiamento per aver aiutato il principale indiziato a realizzare i fatti che gli vengono attribuiti dagli inquirenti già da gennaio 2012, ossia omicidio volontario e occultamento di cadavere. In realtà questa iscrizione nel registro degli indagati è stata realizzata al fine di poter ispezionare anche le auto di proprietà dei due nuovi indagati, consentendo così ai RIS di Roma di effettuare nuove indagini e rilevamenti scientifici che potrebbero offrire nuovi elementi per risolvere il caso. L’attenzione si concentra in particolare su tre mezzi intorno ai quali potrebbero essere rinvenute tracce di Roberta Ragusa, in particolare oltre alle auto dei due nuovi indagati, sotto la lente d’ingrandimento dei RIS sarà sottoposto il furgoncino della Geste, utilizzato da Logli prima della sparizione di Roberta Ragusa, nel quale sono stati rinvenuti dei fazzolettini di sangue (purtroppo non conservati)  da parte di una collega di Antonio Logli, e che solo nelle scorse settimane ha testimoniato l’accaduto. Se dovessero essere rinvenute tracce organiche appartenenti alla donna scomparsa il caso potrebbe davvero essere giunto al termine, con l’evidenza della responsabilità di Antonio Logli.

By