Caso Ragusa: l’avvocato di Logli smentisce la simulazione della scena vista dal testimone

SAN GIULIANO TERME – L’avvocato difensore di Antonio Logli, Roberto Cavani, smentisce categoricamente che il suo assistito abbia simulato la scena vista dal testimone la notte della scomparsa di Roberta Ragusa.

 “Antonio mi ha assicurato che non ha mai fatto questo genere di verifica – afferma il legale – sono io che gestisco le indagini difensive e non ho mai pianificato nulla del genere, né ho motivo di dubitare di ciò che mi ha assicurato il mio cliente. Ma c’é di più: quel luogo non è assolutamente coperto da segreto, perché un mese fa, quando i Carabinieri hanno effettuato le nuove perquisizioni a casa, ci hanno consegnato un atto in cui si riferiva della testimonianza e si indicava il nome esatto della strada del presunto avvistamento. Non posso escludere, invece, che la fuga di notizie serva a mettere pressione all’indagato”. Nessuna simulazione dunque per capire quanto il testimone, che afferma di aver visto Logli fermo in macchina e di aver poi assistito ad un litigio tra un uomo e una donna, fosse attendibile.

Cavani dice poi di non avere ancora avuto alcuna notizia sui reperti che potrebbero dare un impulso alle indagini: “Non so di che si tratti – dice – ma credo che se fosse qualcosa che è appartenuto a Roberta dovrebbero chiamarci per un riconoscimento, così come avvenne per gli indumenti ritrovati a Montaione nei mesi scorsi. Allora ci chiamarono dopo due settimane, quindi aspettiamo e vediamo se ci chiameranno anche questa volta e di che si tratta”. Cavani ha ascoltato una decina di conoscenti per le sue indagini difensive ma, “per scelta”, nessuno dei familiari di Logli. Neppure Sara Calzolaio, l’amante di Logli? “Fino a prova contraria – risponde l’avvocato – non è un membro della famiglia. Almeno non per me”.

Intanto oggi nel giorno del 46° compleanno di Roberta, il marito, insieme ai figli, avrebbe compiuto un gesto lontano da sguardi indiscreti. “Non ci sarà alcun commento o appello pubblico, ma qualcosa hanno fatto lontano da tutti” ha sottolineato l’avvocato difensore. Un pensiero privatissimo e protetto tra le quattro mura di casa.

Fonte: Ansa

You may also like

By