L’avversario di turno

L’avversario di turno

PISA – Mister Andrea Sottil, tecnico dell’Ascoli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara di martedì 2 marzo al “Del Duca“. Queste le sue parole rilasciate ai microfoni del sito della società marchigiana.

di Maurizio Ficeli

Sulla gara pareggiata con il Pordenone: “C’è ancora rammarico perché, come ho detto a caldo, si poteva portare a casa la vittoria, questo è quello che ha detto il campo. Coi ragazzi ci siamo confrontati, come facciamo sempre, e si è discusso di questo. Non si può vivere col rammarico e finire le partite col “se avessi osato di più” o col “se fossi stato più attento”, bisogna farlo e basta, questa squadra ne ha tutte le qualità, lo ha già dimostrato contro avversari blasonati. Ma non è sempre facile ribaltare le partite, bisogna partire forte e su questo siamo tutti d’accordo”.

“Mister Sottil parla del match con i nerazzurri di Mister Luca D’Angelo: “Il Pisa è una buonissima squadra, allenata da un ottimo tecnico, ha giocatori di grande qualità; abbiamo grandissimo rispetto dell’avversario, ma vogliamo vincere, pur consapevoli delle difficoltà. Da quando sono arrivato abbiamo lavorato su come migliorare il gioco, la condizione fisica, la cattiveria agonistica; abbiamo parlato di affrontare la partita con grande determinazione e con più concentrazione dal 1’ di gara al 100’, cercando di fare le cose che sappiamo fare con grande velocità“.

Sui giocatori disponibili: “Oltre a Simeri e Sabiri rientrano anche Bidaoui e Parigini, non recupera Kragl, che ha ancora fastidio al collaterale. Sono contento perché ho più possibilità di scelta anche a partita in corso”.

PISA – In vista della sfida contro il Pisa il mister del Vicenza Domenico Di Carlo ha parlato alla vigilia del match contro i nerazzurri, soffermandosi sui tanti cambiamenti di uomini in questa stagione.

di Maurizio Ficeli

Sul possibile cambio di formazione: “Non è che cambio spesso anzi vorrei cambiare il meno possibile, ma in settimana ci sono stati degli intoppi e devo valutare bene le condizioni di tutti in allenamento. Abbiamo dimostrato di avere una rosa all’altezza, un gruppo molto similare e cercherò di fare le scelte migliori per il Pisa senza pensare al turno infrasettimanale“.


Sull’impiego di alcuni giocatori: “Pontisso e Rigoni sono due titolari. Su Lanzafame invece bisogna trovare il momento giusto che potrebbe essere domani come martedì, ma in avanti stanno facendo tutti bene. Vedo Dalmonte e Vandeputte in crescita, l’unico che si è fermato è Da Riva che ha un fastidio al ginocchio e proviamo a recuperarlo per la settimana prossima, così come Jallow“.

Sulla squadra: “Ho fiducia, sappiamo che abbiamo margini di miglioramento e che dobbiamo essere combattivi“.

Sul Pisa: “Contro i nerazzurri sarà una bella gara da tripla, loro dopo le difficoltà iniziali si sono compattati e hanno un gruppo che sta crescendo e lavora assieme da anni, ci affronteremo alla pari e i dettagli faranno la differenza”.

PISASimone Pontisso centrocampista del Vicenza Calcio ha risposto in videoconferenza alle domande dei giornalisti, alla vigilia della sfida contro il Pisa, in programma sabato 27 febbraio alle ore 14, all’Arena Garibaldi.

di Maurizio Ficeli

Condizioni fisiche: “A livello di condizione sto bene, sono rientrato a gennaio e da quando sono stato a disposizione del mister ho giocato sempre. All’inizio magari mi mancavano un po’ le misure ma ora mi sento bene. Cos’ho pensato quando mi sono infortunato? Mi ha aiutato la mia ragazza che mi è stata molto vicino, così come la mia famiglia, diciamo che subito mi sono sentito molto sfortunato perché dalla prima diagnosi risultava la rottura del crociato e poi si è aggiunta anche la positività al Covid. Però subito dopo il pensiero è stato quello di voler recuperare al più presto possibile per poter rientrare. Successivamente si è scoperto che non vi era la rottura ma che si trattava solo di uno stiramento al crociato, quindi sono passato da un orizzonte temporale di recupero di 6-7 mesi a 2 mesi e mezzo ed è stata una notizia che mi ha dato una botta di vita incredibile“.

Stop nella sua carriera. Gli stop danno fastidio, ho avuto problemi allo stesso ginocchio in passato. Purtroppo sono cose che capitano, fanno parte del lavoro, bisogna solo rimboccarsi le maniche ed allenarsi forte per recuperare dall’infortunio“.

Vicenza abbonata ai pareggi. “La squadra entra sempre in campo con la cattiveria giusta, la determinazione e la voglia di vincere, se continuiamo con questa mentalità e con questa compattezza di squadra, la vittoria arriverà presto” .

Sul Pisa. “All’andata non mi avevano fatto una grande impressione, però sono un’ottima squadra con ottimi giocatori, ma anche se noi sicuramente non siamo da meno e andremo a Pisa per provare a vincere. La classifica non dobbiamo guardarla, pensiamo solo a noi stessi perché mancano un sacco di partite e sono convinto che continuando a giocare così i risultati arriveranno“.

PISA – Dopo aver raggiunto il pareggio a meno di un quarto d’ora dalla fine l’analisi del mister dell’Empoli Alessio Dionisi.

di Maurizio Ficeli

È stata una bella partita, merito del Pisa e merito anche a noi che siamo venuti fuori nel secondo tempo che però ci lascia un poi di rammarico. Nel primo tempo ha fatto meglio il Pisa, noi arrivavamo in ritardo sulle seconde palle, nel secondo tempo abbiamo provato a vincerla dopo il pari, osando un pò. I ragazzi sono dispiaciuti perché abbiamo gettato l’occasione di portare a casa tre punti e nel secondo tempo abbiamo dimostrato che volevamo vincerla. Nel primo tempo invece è stato demerito nostro e merito del Pisa. È stata comunque una bella partita“.

PISA – Ecco come sta vivendo in casa empolese la vigilia del derby con il Pisa, dalle parole che il tecnico degli azzurri Alessio Dionisi rilasciata ai microfoni di Empoli Channel.

di Maurizio Ficeli


Il mister originario di Abbadia San Salvatore inizia parlando del Pisa: “È una squadra ormai da tre anni, stanno facendo bene e vengono da un momento positivo, quindi dobbiamo cercare di fare la partita dal primo fino all’ultimo minuto. Poi vengono da una vittoria a Monza e sul campo dovremmo rispettarli, anche se faremo di tutto per batterli.

Sugli arbitri polemica che ha tenuto banco anche ad Empoli: “Non determina, determiniamo noi, io penso prima, che voglio che siano concentrati. ai miei giocatori. In certe partite è andata come è andata ed anche noi potevamo fare meglio“.

Sulla gara: “Una partita che vale 3 punti, così come tutte le altre. L ‘avversario è sicuramente impegnativo. Per i tifosi è un derby e la gente ci tiene ma noi entriamo in campo sempre con la stessa mentalità, è una partita importante e siamo determinati e concentrati per affrontarla per come possiamo fare“.

Derby senza pubblico: “A porte aperte sarebbe stata una partita più bella, sarà una gara difficile e mi aspetto che il Pisa ci complichi le cose“.

Sui disponibili: “Sabelli sta bene, è convocato e sarà della partita“.

La condizione della squadra: “Sono orgoglioso dei ragazzi che alleno perché in settimana non abbiamo mai parlato degli episodi e nemmeno dei punti di vantaggio. Ora dobbiamo ottenere il massimo con le prestazioni. Stiamo facendo bene e lo sappiamo. Sono soddisfatto, però non dobbiamo fermarci perché le altre stanno pigia do sull’acceleratore“.

PISA – Anche l’Empoli si sta preparando al meglio per il derby contro il Pisa all’Arena di sabato 20 febbraio alle ore 18.

Nedim Bajrami, uscito per un problema fisico durante la gara con la Spal. non ha riportato lesioni, ma proverà a recuperare il suo posto dal primo minuto. Nel caso in cui nonn dovesse farcela Moreo è già pronto a prendere il suo posto. Contro il Pisa mister Dionisi dovrà rinunciare a Sabelli. Il tecnico ex Venezia riproporrà il 4-3-1-2 nel quale rispetto alla sfida di Ferrara contro la Spal potrebbe esserci la novità dell’utilizzo di Crociata. L’ex Crotone potrebbe fungere da interno di centrocampo.

PISA – Alla vigilia della sfida con il Pisa ha parlato il tecnico del Monza Cristian Brocchi. Le sue parole riprese dal portale Tutto Monza.

di Maurizio Ficeli

Sulla gara con il Pisa “Sarà una gara insidiosa come tutte, il livello della Serie B si è alzato parecchio. Affrontiamo una squadra forte perché ha dimostrato di avere qualità e di essere ben allenata, quindi dobbiamo fare una partita importante”.

Sui convocati: “Ho convocato tutti tranne Maric perché abbiamo tre-quattro giocatori che non stanno bene e ho preferito portarli tutti, anche quelli che non stano bene, dopo la rifinitura deciderò la migliore formazione”.

Su Boateng: “E’ importante ritrovare Boateng perché  è un leader dentro e fuori dal campo, un vero leader tecnico e non solo”.

PISA – Il tecnico della Salernitana Fabrizio Castori ha parlato a poche ore dalla gara contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Sul Pisa: “Ci attende l’ennesima gara difficile contro un avversario in gran forma che rende la vita difficile a tutti. Affrontiamo una squadra dalla caratura importante e servirà una grande prestazione per ottenere un risultato positivo. Arrivati a questo punto del campionato le partite iniziano ad avere un peso importante e nascondono molte insidie”.

Sulla condizione della propria squadra: “La squadra sta bene, valuterò fino all’ultimo il recupero delle energie da parte dei ragazzi. Credo sia stato importantissimo aver ampliato la rosa con il mercato perchè permette di avere maggiori soluzioni e di fronteggiare meglio questo campionato che ci sottopone a tante gare ravvicinate”.

PISA – La Cremonese trova il successo per 2-1 sul Pisa e si porta a 23 punti in classifica. Un successo sofferto ma meritato, che arriva grazie alle reti siglate nei minuti iniziali da Valeri e Ciofani. Così il tecnico Fabio Pecchia ha commentato la vittoria alla fine del match in una intervista raccolta dal portale “Cuore Grigiorosso”.

di Maurizio Ficeli

Siamo strafelici per la vittoria, dà continuità al lavoro che stiamo facendo. Ho visto grande spirito di sacrificio fino alla fine, l’approccio è stato ottimo e siamo stati padroni del campo – ha detto il tecnico di Formia – Persa un po’ di sicurezza sul gol di Vido, ci sono stati alcuni rischi e per questo dobbiamo migliorare sul fatto di rendere allo stesso modo in tutti i novanta minuti.Ci sono certe situazioni vicino alla nostra porta che dobbiamo evitare, accettiamo comunque l’errore, va vissuto e gestito. Sono rischi che ci prendiamo volentieri, vogliamo giocare in un certo modo e in settimana lavoriamo per proporre un certo tipo di calcio – ha continuato Pecchia, in riferimento alla rete incassata per l’errore di Bartolomei e alla volontà di non gettare via palla -. Abbiamo lasciato più campo ad una squadra molto esperta, con buone idee e che veniva da un lungo periodo con risultati utili di fila. Sì, forse abbiamo creato meno delle precedenti gare, ma proseguiamo su questa strada, giochiamo con qualità e mettiamo i giocatori nelle migliori condizioni per rendere al top».

PISA – L’allenatore della Cremonese Fabio Pecchia parla della sfida contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Per me è una meraviglia vedere i ragazzi lavorare con impegno giorno dopo giorno e la squadra sta sicuramente migliorando anche se il percorso da fare resta lungo e complicato, inoltre siamo in ricerca di un’ equilibrio,con la la rosa che si sta completando. Anche i cambi devono contribuire all’equilibrio, ma come ho detto in precedenza bisogna continuare a lavorare”.

Sui giocatori da schierare contro il Pisa “Baez viene da tante partite giocate e ha una condizione migliore di Coccolo e Colombo, il primo non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Jaime sicuramente ha più chance di partire dall’inizio di Colombo”.

Sugli infortunati: “Sono in continuo miglioramento, Fornasier e Buonaiuto devono entrare in gruppo, lavorare con la squadra e acquisire condizione”

Sul Pisa:” A prescindere da chi schiereranno in campo i nerazzurri vedo nel Pisa una ssquadra che viene da una serie utile consecutiva e questo è merito del loro lavoro, giocano sempre bene e con le idee chiare. Noi dobbiamo essere convinti del nostro lavoro».  

PISAMassimiliano Alvini, tecnico della Reggiana ha parlato a caldo nella sala stampa dell’Arena dopo la sconfitta di misura contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli


Ci è mancato solo il gol in una partita che è sempre stata in equilibrio. Abbiamo preso un gol evitabile. Era stato un primo tempo dove ci eravamo, forse, espressi meglio del Pisa, quindi alla fine l’episodio ha fatto la differenza. Le occasioni ci sono state sia da parte nostra che di loro, ma quando si lotta per la salvezza bisogna usare la giusta determinazione in ogni palla. Oggi era una partita da non perdere“. 

PISA – Il tecnico della Reggiana Massimiliano Alvini, ex Tuttocuoio ha parlato in conferenza stampa della gara di contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Alvini inizia illustrando in quali condizioni arriva la propria squadra alla partita contro i nerazzurri: “La mia squadra sta meglio e non soltanto per la vittoria contro il Vicenza, ma perché stiamo crescendo

Sul Pisa: “È una squadra forte, basti ricordare che lo scorso anno ha sfiorato i play off ed ora si sta rinforzando molto specie in queste ultime ore per accaparrarsi giocatori di un certo livello. Inoltre è una piazza che vive il calcio con passione, come anche Reggio Emilia, ha una tifoseria appassionata e in più ha cambiato la proprietà e questo ha dato maggiore spinta”.

Il mister, originario di Fucecchio, conclude parlando di infortunati e disponibili: “Non ci saranno Rossi, che speriamo di recuperare per la prossima anche se la vedo difficile, Kragbo e Varone. Poi c’è Dal Pinto che ha grossi problemi“.

PISA – Dopo l’ingiusta sconfitta di Chiavari, il Pisa è chiamato a riscattarsi contro una Reggiana, che è nella parte bassa della classifica e scenderà all’Arena in cerca di punti preziosi sabato 30 gennaio alle ore 16. A tal proposito Pisanews ha intervistato il difensore Bright Gyamfi, nazionalità ghanese classe 1996, da quest’nno nella squadra granata proveniente dal Benevento.

di Maurizio Ficeli


D. Grazie per la disponibilità: con quale spirito si sta preparando la Reggiana in vista della gara di Pisa?

R. “Stiamo preparando questa gara così come facciamo con tutte le altre, perché sono tutte partite importanti“.

D. Cosa temi in particolare della squadra nerazzurra?

R. “Contro il Pisa sarà una gara difficile, questo lo sappiamo, perché sono bravi davanti ed in difesa, sia come gioco e caratteristiche, hanno giocatori importanti che sono bravi in velocità, quindi  stiamo preparando bene questa partita che è molto importante per noi, vogliamo continuare quello che abbiamo fatto nella scorsa partita“.

D. Quali sono le tue caratteristiche come difensore?

R.”La mia caratteristica è sia l’aggressività ed anche quella di recuperare palla per far ripartire centrocampisti ed attaccanti“.

D. C’è qualche collega difensore nella squadra nerazzurra che ti ha particolarmente impressionato?

R. “Direi che, al di là del singolo, dietro sono tutti bravi, sanno muoversi, gestire la palla e nel gioco aereo sono bravi, non sarà facile per noi, poi Pisa è anche una piazza importante“.

D. Dove si potrà decidere questa partita fra Pisa e Reggiana?

R. “Penso che al di là del gioco e della qualità dei singoli, il risultato si può determinare con qualche palla inattiva. il Pisa ha giocatori bravi come Marconi e Vido, quindi tutto può accadere. Sicuramente sarà una bella partita“.

SI RINGRAZIA ANDREA MONTANARI, ADD. STAMPA REGGIANA CALCIO

La foto di Gyamfi è tratta da Getty Images

PISA – Intervistato in sala stampa al termine di Entella – Pisa Vincenzo Vivarini, tecnico della compagine di casa ha fatto capire cosa è servito alla squadra per ribaltare una gara iniziata male.

di Maurizio Ficeli

All’improvviso, c’è stata la svolta: “Abbiamo avuto solo un po’ di timidezza e di poca convinzione nel primo tempo. Abbiamo avuto il braccino corto, ma nel secondo tempo siamo venuti fuori bene. C’è stata qualità, organizzazione, giocate individuali dei ragazzi. Bisogna dare grande merito a questi giocatori che non si sono risparmiati e hanno voluto la vittoria. Quando c’è questa coesione i risultati si ottengono“.

La vittoria a spese del Pisa consente di guardare con maggiore ottimismo alla seconda metà del campionato “Ora dobbiamo continuare così. A fine primo tempo abbiamo evidenziato la timidezza che avevamo avuto. Abbiamo chiesto ai ragazzi di rientrare in campo con convinzione e cattiveria sia con il pallone tra i piedi che in fase di non possesso. I ragazzi hanno eseguito alla lettera, quindi complimenti a loro“.

PISA – Dopo la vittoria contro il Brescia il Pisa è chiamato ad un’altra sfida importante, quella di venerdì 22 gennaio, ore 21 sul campo di un Entella penultimo in classifica a 14 punti e reduce da una sconfitta a Verona con il Chievo per 2 a 1. Sarà una gara da non sottovalutare assolutamente. Per parlare di tutto questo Pisanews ha contattato un giocatore importante della compagine ligure: Stiamo parlando di Andrea Settembrini, centrocampista ex Pontedera, classe 1991, originario di Arezzo, alla seconda stagione nell’Entella.

di Maurizio Ficeli


D. Grazie Andrea, per la tua disponibilità, questo è il secondo anno che sei all’Entella:puoi tracciare un bilancio sulla tua permanenza nella società ligure?

R. “Sicuramente è un bilancio positivo sia a livello personale che di squadra. L’anno scorso abbiamo conquistato una salvezza tranquilla, mentre questo anno siamo partiti con qualche handicap riguardo ad infortuni ed a livello di classifica, anche se comunque nel periodo natalizio abbiamo conquistato tre vittorie“.


D. Poi c’è stata la sconfitta di Verona con il Chievo, che partita è stata?

R.”Il Chievo alla fine ha legittimato la vittoria, anche se è stata una partita che l’Entella avrebbe potuto benissimo pareggiare“.

D. Che Entella avrà di fronte il Pisa nell’incontro di venerdì prossimo?

R. “L’Entella è una squadra in ripresa, anche se sicuramente il cammino per la salvezza è ancora lungo. Poi con gli acquisti che la società ha fatto, tipo Capello dal Venezia, ed altri che farà, oltre al rientro dagli infortuni di Morra, Nizzetto e Rodriguez contiamo, appunto, di riprenderci quanto prima“.

D. Incontrete un Pisa in serie positiva :che informazioni hai riguardo alla squadra nerazzurra?

R. “Siamo consapevoli delle qualità del Pisa, anche perché l’abbiamo già incontrata l’anno scorso. L’ossatura è rimasta praticamente la stessa, è stato preso ad esempio Mazzitelli, che conosco bene perché ha giocato qui con noi a Chiavari e che è un acquisto importante, quindi ci attende una gara difficile, ma noi sappiamo che la salvezza va conquistata in casa e siamo pronti a dare filo da torcere al Pisa“.

D. Al di là del complesso, ci sono alcuni giocatori in particolare da tenere d’occhio nella compagine pisana?

R. “Conosco Luca Vido, valido giocatore, con il quale ho giocato insieme al Cittadella, ed anche Nicholas Siega, che conosco benissimo per averci giocato per due stagioni sempre a Cittadella. Inoltre ci sono Gucher, Lisi e Marconi che stanno facendo bene, ma al di là di questo c’è da dire che chiunque gioca o subentra fa bene perché l’intelaiatura della squadra e’ forte, quindi, ripeto, sarà una gara difficile a prescindere da chi giocherà“.

D. Quale potrà essere il fattore che  sbloccherà il risultato a favore di una o dell’altra squadra?

R.”Credo, che, visto che le due squadre giocano con lo stesso modulo, chi sarà bravo a vincere più duelli, potrà portare a casa il risultato“.

D. Partita che si giocherà senza pubblico, cosa ne pensi di questa situazione che ormai va avanti da tanto tempo?

R. “Ormai abbiamo fatto l’abitudine a giocare senza spettatori. Certo, squadre che hanno più seguito, come il Pisa, ne possono risentire, sia a favore che contro. Noi non abbiamo un grosso seguito però l’apporto di quel pubblico che abbiamo avrebbe sicuramente potuto darci una grossa mano“.

PISA – Questa la breve analisi del tecnico del Brescia Davide Dionigi che commenta così la sconfitta subita dalla propria squadra contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Purtroppo abbiamo sbagliato troppe occasioni da gol soprattutto nei primi minuti e questi errori si pagano. Anche nel secondo tempo Donnarumma ha avuto l’occasione per buttarla dentro, ma non siamo stati fortunati. A livello individuale ci sono state troppe incertezze e dobbiamo fare del nostro meglio perché non si verifichino più. L’aspetto positivo è che abbiamo migliorato la condizione e anche la fase difensiva è stata fatta bene. Dobbiamo finalizzare di più“.

PISA – Il tecnico del Brescia Davide Dionigi, prossimo avversario del Pisa sabato 16 gennaio ore 14 all’Arena Anconetani, ha tenuto la consueta conferenza stampa parlando ai microfoni del portale della società bresciana.

di Maurizio Ficeli


Dionigi da la propria chiave di lettura su quale campionato si va a delineare per le rondinelle bresciane dopo la sosta anche alla luce delle novità di mercato: “È normale che dopo la sosta inizia per tutte le squadre un campionato diverso, direi però che inizierà dopo la chiusura del mercato, quindi bisogna attendere 12/13 giorni. C’è stata una mini preparazione dove abbiamo lavorato per 5/6 giorni di fila con continuità che verranno incrementati in seguito visto un’altra sosta che ci sarà“.  

Sul lavoro svolto: “Siamo rientrati prima del termine delle vacanze e di questo bisogna dare merito ai ragazzi che hanno dimostrato applicazione e voglia di lavorare per mettere benzina dentro, svolgendo anche un buon lavoro con carichi abbastanza importanti,da aumentare piano piano, cosa importante al fine di creare una mentalità di gruppo, cosa difficile da attuare con gare ogni due giorni “.

Sulla cessione di Torregrossa alla Sampdoria: “Sono state effettuate delle scelte dando a lui l’opportunità di fare un passo importante ed anzi la sua partenza è da considerarsi un motivo di orgoglio per la nostra società“.

Riguardo ai moduli tattici: “Abbiamo due fasi diverse dove abbiamo la possibilità di cambiare modulo sia per la fase difensiva e per quella dell’attacco, inoltre ci siamo dovuti adattare quando sono rientrati giocatori reduci da Covid ed infortuni vari ed inattività, poi dobbiamo lavorare riguardo alla fase di possesso palla che fino ad ora francamente non è stata all’altezza delle aspettative“.

Sulla gara di domani contro i nerazzurri: “Il campionato di serie B è strano, dove si fa fatica contro tutti oppure puoi raggiungere risultati che non ti aspetti e dove le partite sono tutte uguali, sono pochi casi scontati, dove puoi temere il Pisa per certi aspetti e ad esempio Monza, che affronteremo dopo i nerazzurri, per altri aspetti. Il nostro obiettivo è creare una mentalità di continuità per affrontare tutte le gare allo stesso modo, lo abbiamo fatto in alcune partite ed in altre no, quindi ci vorrà grande concentrazione, poi il risultato è frutto di episodi che come contro il Vicenza hanno talmente condizionato il risultato e quindi non parliamone più“. 

PISA – Nel dopo gara fra Venezia e Pisa parola anche al mister dei lagunari Paolo Zanetti sul pareggio acciuffato in extremis dalla propria squadra contro i nerazzurri.

di Maurizio Ficeli


Abbiamo avuto dieci occasioni nel primo tempo ed il Pisa 1 importante subita suuna palla persa alla fine del primo tempo in contropiede. Poi siamo stati bravi a riprenderla. Ci prendiamo questo pareggio anche se avevamo lavorato per vincere questa gara e lo dimostra l’atteggiamento e la formazione, d’altronde c’è anche l’avversario che oggi aveva un portiere in stato di grazia con cui abbiamo sbattuto contro tante volte e certe partite che sembrano stregate si possono anche perdere. Continuiamo comunque su questa strada. Un punto importante contro un Pisa forte, che ha notevoli individualità ed è in serie positiva“.