L’avversario di turno

L’avversario di turno

PISA – Brutto momento per il Vicenza ancora a zero punti dopo tre gare. Nessuno si aspettava una partenza così negativa. Neanche il tecnico Domenico Di Carlo che è stato confermato alle guida dei biancorossi.

Al termine di una profonda analisi della difficile ed imprevista situazione sportiva creatasi, la società ha deciso di “confermare la fiducia all’allenatore Domenico Di Carlo, alla guida tecnica della Prima Squadra“.

La società ha altresì deciso che la squadra e lo staff tecnico, a partire dalla giornata di giovedì 16 settembre, osserveranno un ritiro per preparare al meglio le sfide di campionato contro Pisa e Spal e per ricercare la concentrazione e la compattezza di gruppo, necessarie per invertire il trend di queste prime giornate di campionato.

Fino alla gara in programma sabato contro il Pisa, nessun tesserato rilascerà dichiarazioni alla stampa.

TERNI – Il tecnico rossoverde, il livornese Cristiano Lucarelli commenta a fine gara la pesante debacle interna della propria squadra contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli (Foto Angelo Papa)

NON SIAMO ANCORA UNA SQUADRA. “In questo momento abbiamo bisogno di essere accompagnati per mano. Sono l’unico che ha le spalle per potersi prendere le responsabilità e me le assumo. Se facciamo a cazzotti li prendiamo da tutti e forse è meglio giocare a pallone. Al momento non siamo squadra e non ci aiutiamo. Prendiamo gol con una facilità disarmante. Inoltre sempre e comunque a difesa schierata”.

SERENITÀ. “Sono serenissimo perché la squadra tecnicamente è valida. Non ci stanno tre gol di differenza tra noi e il Pisa. Hanno fatto bene ad approfittare dei nostri regali. Vorrei capire, nel prossimo futuro, quanta voglia c’è di fare ancora queste brutte figure. Dirò sempre e comunque che la colpa è la mia. Vorrei però anche vedere una reazione da parte dei miei

PRESI GOL TROPPO FACILMENTE. “Avevo visto i ragazzi molto bene questa settimana. In questo momento siamo vulnerabili, prendiamo gol troppo facilmente. Pesa un 4-1 che ti fa vedere tutto il mondo in un’altra maniera. Bisogna essere bravi ad alzare la mano per prendersi la responsabilità. Io lo faccio, mi auguro che non ci sia più motivo di farlo

I CAMBI. “La squadra si è smarrita, volevo dare dei segnali al gruppo. Se sostituiamo Falletti e Donnarumma significa che non si guardano i nomi

PISA – Alla vigilia di Ternana-Pisa mister Cristiano Lucarelli parla della sfida che attende i suoi sabato 11 settembre alle ore 16.15 al “Liberati”.

Contro il Pisa non ci saranno sicuramente gli infortunati Capanni e Salim Diakitè oltre gli squalificati Davide Agazzi e Mattia Proietti.

Affrontiamo una compagine prima in classifica, ha subito zero gol. Mantengono un profilo basso nonostante degli investimenti ingenti fatti – afferma il tecnico livornese delle Fere – Mister D’Angelo siede da tre anni sulla panchina nerazzurra, anche in ottica di continuità di risultati è un altro aspetto da rimarcare. Detengono una società importante. Terzo campionato di Serie B, ormai una realtà già consolidata che ha fatto degli investimenti importanti. Cominciano a crescere e cercare obiettivi diversi. La programmazione ed il lavoro quotidiano ti porta ad avere un vantaggio sugli altri. E’ una squadra molto abile sulle seconde palle e successivamente vanno diretti sugli attaccanti. Tiene molto in considerazione ciò che fa l’avversario per poi contrapporsi. Quando hanno potuto contare su Lucca sono andati molto anche sulle verticalizzazioni“.

Qualche anno fa andai a giocare a Pisa con il Tuttocuoio – afferma Lucarelli a Ternana News – Al di là del campanile c’è stima reciproca. Io cercherò di batterli e loro faranno lo stesso. Mi aspetto qualche coro, mi offenderei se non ci fosse. Se m’ignorassero mi offenderei. C’è però stima come mi hanno testimoniato anni fa con uno striscione – “Lucarelli eterno rivale nemico da rispettare” . Non ho mai nascosto la mia fede calcistica ma ho sempre rispettato una tifoseria che così come quella del Livorno ha avuto un percorso sofferto. Anche se falliti sono sempre stati vicini alla squadra. Ho una mentalità curvaiola, cerco sempre di portare rispetto. Io non sono permaloso, la mi mamma nemmeno“.

Fonte: Calcio Ternano e Ternana News

PISA – Il “Libero Liberati” di Terni è un tabù da sfatare per il Pisa che non vince nella città dell’acciaio dal lontano 1965 con un perentorio 2-0. Il bilancio dei precedenti è favorevole infatti ai rossoverdi. Su 10 incontri ufficiali a Terni sono arrivate 5 vittorie per le Fere, 4 pareggi e un solo successo esterno per i nerazzurri.

Ultimo precedente a Terni fra le due formazioni cinque stagioni fa con le Fere allenate da Benny Carbone che ebbero la meglio sul Pisa di mister Rino Gattuso per 1-0 con la rete decisiva messa a segno da Avenatti.

Un testa coda inusuale tra una neo promossa che nelle prime due sfide ha totalizzato “a sorpresa” zero punti ed è allenata dal livornese Cristiano Lucarelli, uno dei protagonisti della promozione delle Fere dalla C alla B.

PISA – Il mister dell’Alessandria Moreno Longo ha parlato alla vigilia della prossima gara di venerdì 27 agosto alle ore 18 all’arena dove affronterà un Pisa reduce dalla vittoria contro la Spal di domenica scorsa.

Sul Pisa Sporting Club. “Il Pisa è una squadra ben organizzata, con qualche valore importante nei singoli, in pianta stabile in B da qualche anno, con giocatori rodati e affermati. Ci sono giocatori abili nell’uno contro uno come Marsura. Marin, Gucher e Tourè si completano bene a centrocampo e poi hanno investito in un giovane di grandi prospettive come Lucca in attacco. Non vedo grandi punti deboli“. 

Sulla partita. “Dispiace affrontare di nuovo una gara in trasferta visti i tanti ex sarà una partita particolare ma una volta iniziata non ci sarà spazio per alcun tipo di distrazioni”.

L’atteggiamento da adottare dopo la gara persa col Benevento. “Dobbiamo continuare a lavorare sulla nostra identità, limando gli errori tecnici, visto che parecchi gol del Benevento sono figli di nostri errori grossolani, i dettagli sono importanti e la nostra attenzione deve essere massimale, in Serie B quando sbagli paghi”.

La mentalità. “Vogliamo imporre il nostro modo di giocare e la nostra mentalità in qualsiasi campo quindi alla squadra chiedo sempre coraggio, determinazione e voglia di osare contro tutti perché abbiamo dimostrato di saper stare in B e di avere le armi per mettere in difficoltà chiunque”. 

PISA – Il tecnico della Spal Pep Clotet ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara dell’arena Anconetani dove la squadra estense affronterà il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Ecco l’analisi pregarla del mister di origine iberica che il Pisa ha incrociato lo scorso anno quando siedeva sulla panchina del Brescia e che tra l’altro sarà in tribuna a causa di una squalifica.

Commento sulla squalifica. “Sarò in tribuna a causa di una squalifica comminatami dalla Federazione Calcio. Non ho nulla da dire quando una squalifica è meritata, ma stavolta ritengo che sia stato fatto un errore nei miei confronti. Detto questo, l’importante è che la squadra scenda in campo concentrata, come ha fatto a Benevento“.

Sulla squadra. “Tutta la rosa è a disposizione,gli ultimi arrivati Mancosu, Tripaldelli e Capradossi compresi, che partiranno per Pisa con noi, quindi staremo a vedere“.

Il precampionato. “L’importante è capire che il nostro non è stato facile, a causa della situazione del cambio societario. L’arrivo di Iacopina è stato importante, il mercato è stato fatto“.

La gara dell’Arena. “Mi aspetto una partita intensa fra due squadre che vorranno vincere“.

Il Pisa. “Ha fatto un buon mercato, la squadra è più forte di quella dello scorso anno, inoltre ha fatto un buon precampionato e lo ho potuto constatare nelle partite che ha giocato contro Cremonese in amichevole e contro Cagliari in Coppa Italia“.


Il modulo di gioco dei nerazzurri. ” Il Pisa gioca bene con entrambi i moduli, 4312 e 442 ed ama il calcio offensivo, quindi sarà una gara di intensità “.

L’atteggiamento da adottare nell’affrontare la squadra di Mister Luca D’Angelo. “Dobbiamo cercare di sfruttare i punti deboli del Pisa ed evitare che loro possano approfittare dei nostri“.

PISA – Il mister del Brescia Pep Clotet commenta così il successo per 4 a 3 della propria squadra contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

Arrivavamo da due partite di grande livello contro SPAL e Vicenza. Oggi abbiamo affrontato un Pisa che, apparentemente, non aveva nulla da giocarsi e invece ha lottato fino alla fine per la vittoria. Lo step che abbiamo superato oggi è stato grande e dal campo penso più ai quattro gol che abbiamo fatto che a quelli subiti. Abbiamo segnato un gol in più dell’avversario, quattro gol non li avevamo mai fatti, non siamo stati fortunati in alcune situazioni che hanno portato ai rigori e ci hanno annullato una rete chiaramente regolare, la gara è stata strana, ma vedo cose positive perché oggi non era semplice fare una prestazione del genere. Mi sono piaciute tante cose della nostra partita e allo stesso tempo alcune no, c’è sicuramente da lavorare. Ogni giocatore ha le sue caratteristiche, Birkir non può giocare 38 partite e tutti i novanta minuti, ha bisogno di risposare e la squadra è squadra proprio perché quando Bjarnason è stanco c’è un altro bravo al suo stesso livello. Credo che la cosa che ci ha fatto prendere alcune ripartenze di troppo o disturbato in alcune situazioni sia il fatto di non essere stati precisi nelle marcature preventive. Oggi siamo felici perché abbiamo ottenuto una vittoria contro un avversario difficile dopo aver vinto 3-0 martedì. Sarebbe stato facile compiacersi e abbassare la concentrazione ed invece abbiamo tenuta alta la concentrazione senza dimenticare la pressione che ora abbiamo di vincerle tutte. Lunedì c’è una finale contro un avversario molto complicato, ma certamente affronteremo il Monza con tutta l’intensità, la voglia e la passione che i tifosi meritano. Comunque vada, posso solo dire grazie ai giocatori per la loro applicazione e tutto quello che hanno fatto da quando sono qua. Facciamo errori, ma lunedì andremo a Monza per una vera finale e dunque sarà importante essere concentrati e fare una grande partita sperando anche che la fortuna ci aiuti. Noi abbiamo consapevolezza di quello che vogliamo così come gli avversari, però se la partita non andrà bene io sarò comunque orgoglioso perché tre mesi fa eravamo all’inferno mentre ora lottiamo per i playoff. Nel calcio non si può mai dire che hai ottenuto qualcosa finché non lo hai ottenuto. Dobbiamo rimanere sempre concentrati fino alla fine. Molti dicevano che noi non avevamo opzioni e invece abbiamo dimostrato che ci sono. Non penso mai che una partita sia terminata, ho sempre il sentore che possa succedere qualcosa, oggi certamente è stato un match emozionante. La squadra è forte sia a livello collettivo che individuale. Jesse ha dimostrato ancora una volta che è un grandissimo portiere e il suo rendimento è basato sempre sul miglioramento, sulla concentrazione e tutto il Club è contento di averlo con noi. Joronen è un giocatore forte di testa e capace di riprendersi subito da un errore e continuare a spingere. A livello collettivo sono soddisfatto perché non ci siamo rilassati dopo due vittorie. Ho visto una squadra che ha provato a giocare il meglio che poteva e dove tutti hanno partecipato con voglia. Felice dell’apporto che hanno dato tutti anche dalla panchina“.

Fonte Brescia Calcio

PISA – Il tecnico del Brescia Pep Clotet ha parlato alla vigilia della sfida contro il Pisa valevole per la 37esima giornata del campionato di Serie B.

di Maurizio Ficeli

Giocatori a disposizione: “Spalek in settimana ha lavorato con noi ed è migliorato fisicamente. Speriamo che possa essere a disposizione già da questa settimana mentre Chancellor ha iniziato a fare corsa continua nel campo

Prossime due gare. “Faremo un ulteriore sforzo, arriviamo dal basso e abbiamo dato tanto, ma proveremo a dare ancora di più“.

Gara con il Pisa. “Non credo andremo in campo rilassati perché da quando sono qui i ragazzi hanno sempre fatto il possibile e confidano in quello che fanno, essere maturi e acquisire la mentalità che si deve sempre andare alla ricerca dei tre punti. In B non è mai facile e alle volte serve anche un po’ di fortuna“.

Fonte Brescia Calcio

PISA – “Un punto meritato contro il Pisa. Lo ha definito così il tecnico del Venezia FC Paolo Zanetti il 2-2 dell’Arena Garibaldi

di Maurizio Ficeli

“Nel primo tempo siamo partiti bene: fino al palo di Dezi la partita è stata interpretata nel modo giusto. Poi, gli episodi sono girati e non siamo stati bravi, secondo me dopo il gol subito, a reagire immediatamente, e quello mi ha fatto un pò arrabbiare, tanto che abbiamo avuto, tra il primo e il secondo tempo una bella discussione, come è giusto che sia”.

“Nella ripresa siamo ritornati in noi e abbiamo messo dentro le nostre armi e siamo andati a prenderci un punto che è meritato, per quello che si è visto in campo, un campo difficile con un Pisa agguerrito ed alla ricerca di punti. Siamo stati molto bravi”.

PISA – Indubbiamente tre punti pesanti quelli conquistati dal Frosinone in chiave salvezza a spese del Pisa , come si può evincere dal commento sulla gara del tecnico dei ciociari Fabio Grosso.

di Maurizio Ficeli

Oggi siamo stati bravi perché abbiamo disputato una partita di cuore ed a tratti anche di qualità, sapendo soffrire quando era il momento di farlo. Abbiamo voluto questa vittoria più del Pisa e alla fine questo si è visto anche perché venivamo da un periodo complicato, i tre punti ci danno energia che dobbiamo rimettere subito in campo perché ormai si gioca sempre, si recupera e si torna a giocare. Abbiamo davanti a noi un’altra partita difficilissima, c’è tanta voglia di fare punti con le qualità che abbiamo utilizzato in mezzo al campo oggi. Orai guai a fermarsi perché questo è un campionato strano dove abbiamo potuto vedere l’epilogo delle partite di oggi. Mancano 3 partite in una settimana e mezza, dobbiamo continuare con questo spirito e con questa qualità che a tratti siamo riusciti a mettere in campo per aggiungere punti in cascina ad una classifica che purtroppo ha visto cambiare gli obiettivi. Ma vogliamo raggiungere il traguardo della salvezza perché società, tifosi e noi ce lo siamo meritato.Oggi con il Pisa siamo stati bravi perché non era una partita facile, davanti avevamo di fronte una grande squadra. Ma lo ripeto: siamo stati bravi”.

La foto di Grosso è tratta dal sito del Frosinone Calcio

PISA – Il direttore sportivo del Cosenza Stefano Tronchera commenta così il pesante passivo subito a Pisa

di Maurizio Ficeli

“Un cambio di guida tecnica? In questo momento dobbiamo analizzare una situazione delicata e difficile. Ancora non ho sentito il presidente ma non ho ricevuto indicazioni in merito. Dobbiamo analizzare a 360 gradi una situazione complicata, in questo momento non ci sono ragionamenti sull’allenatore. Abbiamo anche conquistato degli ottimi pareggi contro formazioni blasonate. Nell’ultimo periodo però la sensazione è che qualche giocatore sia poco motivato. Se fosse vero è grave, abbiamo il dovere di lottare fino alla fine. Bisogna ritrovarsi al più presto altrimenti si continuano a fare brutte figure”. 

“Il problema è mentale, è inconcepibile che la squadra abbia un volto nel primo tempo e tutt’altro nel secondo.on il Pisa abbiamo prestato il fianco all’avversario commettendo errori madornali. Siamo abituati a lottare e soffrire ma così non va bene. La classifica è particolarmente critica e quindi facciamo mea culpa, ma abbiamo il dovere con grande lucidità di reagire e ribaltare questo scenario, i numeri dicono che possiamo ancora farcela”.

Trinchera interviene poi sui giocatori, in particolare sulla forma di chi è arrivato a gennaio: “Al di là dei processi che si fanno e si faranno, dobbiamo pensare a recuperare la forma migliore in alcuni giocatori. Petrucci e Gerbo hanno dei problemi muscolari, Mbakogu è sulla via del recupero, Tremolada e Trotta stanno inseguendo la miglior condizione. Dobbiamo comunque guardare avanti con fiducia, alla fine tireremo le somme”.

Fonte: TifoCosenza

PISA – Il Chievo batte il Pisa 2 a 0. Ecco l’analisi del tecnico clivense Alfredo Aglietti.

di Maurizio Ficeli

Ci mancava il ritorno alla vittoria ed oggi  c’è stata una grande prova da parte di tutti la squadra. È stata una vittoria che ci  permette di essere in corsa per il raggiungimento dei playoff. Una gara, quella contro il Pisa nella quale ho chiesto ai ragazzi di essere meno belli e più pratici e direi che la squadra ha interpretato molto bene la partita contro un Pisa che è una squadra molto fisica. Quindi complimenti ai miei ragazzi. Da ora in poi dobbiamo cercare di tornare a essere quelli di inizio stagione. Riguardo al Pisa possiede dei giocatori offensivi che spingono molto, ma lasciano spazi e noi  siamo stati bravi a scardinarli sulle fasce. Siamo stati bravi a mettere in pratica ciò che avevamo preparato in settimana”.

PISA – Alla vigilia della sfida con il Pisa ha parlato Alfredo Aglietti mister del Chievo Verona.

di Maurizio Ficeli

Giocatori a disposizione: “Diciamo che abbiamo un paio di dubbi su alcuni ragazzi che hanno avuto qualche problemino, vedremo se riusciremo ad essere tutti disponibili, o se da qui a domani riusciranno a recuperare, non è semplice, però sono convocati, valuteremo in seguito se potranno essere della partita“.

Lavoro settimanale: “Abbiamo cambiato, andando su intensità, lavori corti e rapidi, per cercare di fare un finale di un certo tipo, la settimana è stata utile per questo, non avendo giocato ad Empoli, mancano poche partite, al di là del lavoro conterà la testa ed il cuore e la voglia di fare risultato, non solo da domani con il Pisa, ma anche nelle prossime gare, per arrivare ad un obiettivo importante che vogliamo raggiungere tutti“.

Obiettivi e tipo di gara: “Noi in questo periodo affrontiamo squadre di alta classifica, però se vogliamo centrare l’obiettivo dei playoff bisogna tornare a vincere e a fare punti importanti. C’è bisogno di tornare alla vittoria, perché è una partita importante anche per questo perché comunque possiamo mettere un po’ di aria fra noi è quelle dietro, visto che abbiamo una partita in meno ed anche perché il Pisa punta a sua volta a vincere per cercare di accorciare la distanza che li separa dai playoff, quindi partita difficile, da interpretare bene e con la giusta cattiveria, quindi potrebbe essere una partita importante in chiave classifica“.

Sul Pisa: “È una squadra molto fisica,con giocatori molto strutturati, spesso sfruttano queste caratteristiche, non disdegnano la rapidità e la velocità, dipenderà soprattutto da chi giochera in campo, all’andata ci ha messo in difficoltà, è stata una partita combattuta, il Pisa ha valori importanti in una serie B molto bella ed equilibrata“.

La foto sopra è tratta da Verona Sera

PISA – Al termine del match dell’Arena dove il Pisa è uscito sconfitto con il Lecce per 1 a 0 grazie ad un rigore alquanto discutibile, ascoltiamo la chiave di lettura su questa gara da parte del tecnico dei salentini Eugenio Corini.

di Maurizio Ficeli

Il Pisa ha giocato un primo tempo importante e noi siamo stati bravi a non andare sotto. Ci è mancata un pizzico di lucidità nella proposta di gioco. Nel secondo tempo la squadra mi è piaciuta, abbiamo portato a casa la partita contro un avversario che temevo. Loro erano efficaci con giocate dirette su Marconi o con l’attacco alla profondità di Palombi. Abbiamo sofferto le loro costanti di gioco ed eravamo poco lucidi, abbiamo sbagliato troppo tecnicamente. Nel secondo tempo abbiamo palleggiato meglio rendendo l’avversario meno pericoloso. I nostri sono numeri importanti che certificavano la maturità acquisita dalla squadra, abbiamo messo le basi per realizzare quel sogno che vogliamo regalare alla tifoseria. Mancano ancora sei partite, sono tante e c’è ancora tanto da fare. Dobbiamo vincere le nostre partite senza guardare gli altri. Non dobbiamo mai abbassare l’attenzione, non dobbiamo mai dare nulla per scontato. La società ha fatto un lavoro importante, mi ha dato una rosa con tante risorse, io cerco di valorizzarle al meglio. I veri protagonisti sono i miei calciatori, sia chi parte dall’inizio e sia chi subentra, con le cinque sostituzioni è importante la strategia iniziale ma anche la lettura durante la partita“.

PISA – Un breve commento del tecnico del Pescara Gianluca Grassadonia riguardo alla vittoria della propria squadra a spese del Pisa.

di Maurizio Ficeli

I ragazzi sono stati bravissimi, hanno interpretato la gara nel modo giusto. Sapevamo che con il Pisa avremmo dovuto vincere per forza, questa era una partita fondamentale e siamo riusciti a centrare i 3 punti. Non abbiamo ancora fatto nulla, dobbiamo continuare così. Nessuna partita è impossibile in B, contano l’atteggiamento e il lavoro settimanale, ora andiamo a Monza a giocarcela, abbiamo le qualità per fare risultato e risalire la classifica. Dopo Vicenza ho avuto un confronto, anche duro, con i ragazzi che hanno risposto sul campo disputando un’ottima prova. Dobbiamo continuare a incoraggiarli, ne hanno bisogno”.

Fonte Rete 8.

PISA – Alla vigilia della gara fra Pescara e Pisa in programma venerdì 2 aprile ore 17 allo stadio “Adriatico” ascoltiamo le parole del tecnico abruzzese Gianluca Grassadonia riprese dal collega Giovanni Tontodonati sul sito “Rete 8”.

di Maurizio Ficeli

Grassadonia parla dell’atteggiamento che dovrà avere la propria squadra nell’affrontare il Pisa: “Dobbiamo vincere,le chiacchiere stanno a zero. Dobbiamo avere il coraggio di osare senza perdere le distanze tra i reparti. Tassativamente vietato cadere nel tranello di subire la partita da un punto di vista mentale. Ho fiducia perché, sotto la mia gestione, questa squadra ha sbagliato solo il match di Vicenza“.

Il tecnico abruzzese ritorna a parlare della sconfitta subita con l’Ascoli: “Ci ha condizionato. È stata una partita che,seppur in 10, non avremmo dovuto perdere“.

Sul modulo: “Non so ancora se giocheremo a tre o a quattro. Bisognerà capire chi avrò a disposizione. Domani faremo la conta. Sono tutti convocati, fatta eccezione per Memushaj che sta rientrando in treno dopo gli impegni con la sua nazionale“.

Riguardo al Pisa: “È una squadra in salute, mentalmente libera, tra le peggiori da affrontare ma noi non potremo fallire”.

PISA – Il tecnico della Spal Pasquale Marino ha parlato a poche ore dalla gara in programma alle ore 21 all’Arena Anconetani e che vedrà opposta la Spal al Pisa di mister Luca D’Angelo.

di Maurizio Ficeli

Il Pisa. “La squadra che nonostante i problemi, leggendo la formazione, è una rosa molto competitiva e lo ha dimostrato rimanendo in partita fino alla fine anche nella gara persa con il Cittadella. È una squadra che apprezzo molto anche perché quando vennero a giocare qua erano in un momento veramente delicato e quando una squadra sa venire fuori da certi momenti alla grande ha dei valori tecnici di grande coesione fra le varie componenti e questo è encomiabile ed inoltre giocano un calcio apprezzabile“.

Sulla squadra che andrà in campo: “Dovremo alternare a causa delle gare ravvicinate anche perché tutti stanno dando il massimo e chi non ha giocato con l’Entella sono sicuro porterà un po’ di freschezza, quindi dovremo fare cambi in tutti i reparti“.

Riguardo a che Pisa si aspetta: “Il Pisa ha qualche problema ma la formazione di Cittadella era fatta tutta di titolari, hanno tenuto fuori per farlo riposare, Marconi che è entrato dopo, Lisi, hanno inoltre Beghetto ed altri giocatori fuori che possono avere qualche alternanza, però l’11 che ha giocato titolare ad esempio a Frosinone, era formato da giocatori importanti che hanno fatto anche  una grande prestazione a Cittadella. È una squadra propositiva che gioca a calcio, quasi con tre attaccanti, un trequartista e due punte con due mezze ali che si inseriscono costantemente, terzini che spingono. Una squadra votata all’attacco, sta a noi portare la gara sui  binari che vogliamo“.

PISASalvatore Esposito, centrocampista della SPAL in prestito dall’Inter ha parlato della partita contro l’Entella con lo sguardo alla prossima gara in trasferta contro il Pisa.

di Maurizio Ficeli

A Pisa dovremo approcciare la gara allo stesso modo ed essere aggressivi. Per il resto ascoltiamo il mister e portiamo a casa la vittoria. Purtroppo qualche episodio non ci è girato a favore contro l’Entella. Dobbiamo solo ripartire subito e trovare i tre punti contro i nerazzurri”.