I protagonisti

i protagonisti

PISA – Lo scorso ottobre i “Supporter Pisa” hanno avviato un nuovo progetto con Paim Cooperativa Sociale, che ha coinvolto la comunità per minori “Il Big Bang” di Mezzana, nel comune di San Giuliano Terme.

“Si tratta di un incontro tra pari, dove non esiste quello diverso, quello peggiore, quello meno bravo” commenta Patrizia Macelloni, responsabile della comunità socio-educativa. “Si promuovono in questo modo, concretamente, grazie alla presenza costante, processi inclusivi per favorire la cultura della reciproca solidarietà”.

Il gruppo “Supporter Pisa” nasce quasi per caso nel Settembre 2017 ed è composto da bambini i cui genitori frequentano la Curva Nord “Maurizio Alberti” di Pisa, con l’obiettivo primario di educare i propri figli alla solidarietà, all’inclusione, e al rispetto, superando pregiudizi e luoghi comuni. Il gruppo è aperto a tutti i bambini, maschi e femmine, al compagno di classe, all’amico del calcio o della palestra, al figlio del vicino di casa. Tutti insieme sui gradoni della curva, uniti dalla passione comune per il Pisa.

Giancarlo Freggia, Presidente di Paim e tifoso del Pisa: “Sono fiero di questa collaborazione che rende i nostri ragazzi così entusiasti: sono convinto che lo sport sia la chiave per instaurare delle relazioni sane e proficue, un modo per non sentirsi mai soli.”

PISA – A fine gara l’analisi dell’allenatore Riccardo Taddei che commenta così la pesante sconfitta subita dal Pisa al “Bentegodi” per 2 a 0 ad opera del Chievo.

di Maurizio Ficeli


Purtroppo trovarsi al terzo minuto sotto di un gol non ha fatto sì che la gara fosse iniziata nelle condizioni migliori, i ragazzi ci hanno provato, hanno battagliato, ma non siamo riusciti a rimetterla in piedi, poi dopo ovviamente si sono aperti spazi per loro in contropiede e sono riusciti a segnarci il 2 a 0, quindi un risultato di cui non siamo contenti, da salvare c’è stata la grande voglia dei ragazzi di lottare su ogni pallone, abbiamo dato battaglia, non ha pagato, ma dobbiamo ripartire da questo. La sosta ha conciso con i problemi di Covid di qualche ragazzo, ha destabilizzato magari un pochino il gruppo, purtroppo ne stiamo pagando le conseguenze, ovviamente non ci ha fatto bene, perché dopo la vittoria con la Spal non era il caso di fermarsi però è inutile piangersi addosso, dobbiamo resettare e sabato con il Cosenza saremo pronti a dare battaglia e sono sicuro che faremo una grande partita. L’approccio alla gara comunque, non è stato sbagliato, perché nei primi tre minuti la squadra stava bene in campo, è stato sbagliato prendere il gol sulla prima situazione dove abbiamo sbagliato ed è stato tutto più difficile, anche dopo il gol subito, abbiamo mosso bene la palla anche se non abbiamo avuto la stoccata vincente. Ora con il Cosenza bisogna combattere ed aver voglia di lasciarci alle spalle questa situazione che non ci appartiene e che non accettiamo, quindi siamo pronti per fare una partita di grande livello perché siamo in grado di farla“. 

PISA – Il responsabile della CAN Serie A e B Nicola Rizzoli ha affidato la gara Chievo-Pisa in programma lunedì 12 aprile alle ore 17 e valida per la 33° giornata del campionato nazionale di serie B a Riccardo Ros di Pordenone.


Il direttore di gara sarà assistito da Matteo Bottegoni di Terni e Gianluca Sechi di Sassari.

Il Quarto Uomo sarà Antonio Di Martino di Teramo

PISA – La Lega Nazionale Professionisti Serie B ha ufficializzato il programma delle gare di campionato fino alla 35esima giornata.

Dopo la trasferta a Verona in programma lunedì 12 aprile alle ore 19 il Pisa tornerà a giocare all’Arena (ore 14) contro il Cosenza per poi andar a far visita tre giorni dopo, martedì 20 aprile (ore 19) sul campo del Frosinone.

33° giornata. Chievo Verona-Pisa
Lunedì 12 aprile, ore 19

34° giornata. Pisa-Cosenza
Sabato 17 aprile, ore 14

35° giornata. Frosinone-Pisa
Martedì 20 aprile, ore 19

PISASimone Palombi, attaccante nerazzurro al centro dell’azione del rigore non concesso al minuto 27 del primo tempo.

di Maurizio Ficeli


“È veramente un peccato aver perso così perché la nostra prestazione la abbiamo fatta, abbiamo lottato su tutti i palloni, abbiamo coperto il campo bene dando filo da torcere ad una squadra che probabilmente festeggerà la promozione perché è unadelle più forti del campionato, quindi siamo rammaricati perché il risultato è bugiardo. Quindi noi abbiamo fatto la nostra partita, purtroppo non abbiamo segnato, peccato perché eravamo convinti di portare il risultato a casa. Purtroppo ci sono diverse volte che non ci sta girando bene. Sul rigore non dato a noi, mi ritengo un giocatore abbastanza onesto e se cado è perché ho sentito un tocco, la dinamica parla chiaro, abbiamo rivisto l’azione, ma non c’è tanto da parlarne secondo me, perché l’arbitro secondo me ha fatto un errore grave, ma lui come i guardalinee ed il quarto uomo. Era rigore, però dovevamo continuare così nel secondo tempo mentre forse ci siamo abbassati un po’ ed anche l’episodio del rigore loro ci ha condizionato in modo negativo, sono stati i dettagli e gli episodi a fare la differenza in questa partita. A Pescara ci era mancato forse un po’ di cattiveria nell’atteggiamento, comunque il Pisa visto oggi, malgrado la sconfitta, se la può giocare on chiunque e lo abbiamo già dimostrato nel corso di questo campionato, anche se purtroppo raccogliamo meno di quanto costruiamo, comunque prestazioni come questa di oggi ci danno comunque convinzione nei mezzi che abbiamo “. 

PISA – Alla fine della sfida con il Lecce le considerazioni del centrocampista nerazzurro Alessandro De Vitis.

di Maurizio Ficeli


È complicato commentare questa sconfitta perché abbiamo concesso solo un tiro in porta a fine primo tempo da fuori area ed il calcio di rigore. Penso che sia stata comunque fatta una partita di grande attenzione, abbiamo concesso una occasione alla squadra più in forma del momento che ha un organico di altissima qualità, penso che ci sia stata una reazione alla prova di Pescara, poi  peccato per come si è evoluta la partita e per gli episodi che non ci hanno favorito, però se vogliamo portare la parte positiva della partita sicuramente c’e stata la prestazione. Sul rigore c’è poco da ribadire, è evidente a tutti che comunque è stato commesso un errore, per carità gli errori possono commetterli anche gli arbitri, non vogliamo far le vittime anche se dispiace quando c’e’ poca collaborazione e poco dialogo, quello si, perché gli episodi sicuramente a fine stagione si compensano a favore o contro, però più che altro sale un po’ di rabbia quando, ripeto, c’è poco dialogo e questo dispiace.Adesso siamo a 7 giornate alla fine e secondo me possiamo ancora fare delle belle cose però dobbiamo fare punti il più possibile a cominciare da lunedì con il Chievo a Verona. Poi le partite successive saranno determinanti per il cammino futuro quindi quellacontro i veronesi sarà una gara importante da affrontare visto che veniamo da due sconfitte“. 

PISA – Il Lecce prossimo avversario del Pisa nel giorno di Pasquetta vince la supersfida con la Salernitana (2-0) e si porta a quattro punti dal primo posto occupato sempre dall’Empoli che non ha giocato la sua gara contro al Cremonese per i problemi legati al Covid-19.

di Antonio Tognoli

Delude ancora il Monza che non va oltre il pareggio (1-1) sul campo della Virtus Entella. Cade il Venezia per mano della Reggina (2-0). I calabresi raggiungono un Pisa sbiadito, che come lo scorso anno cade all’Adriatico (3-1) contro il Pescara. Finisce pari e patta la sfida del “Bentegodi” fra Chievo e Spal (1-1), mentre il Vicenza si aggiudica il mini derby contro il Cittadella (1-0) e il Brescia vince facilmente (4-1) contro il Pordenone. Pari deludente per il Frosinone a cui il cambio in panchina con l’arrivo di Grosso non dà la scossa giusta e con la Reggiana non va oltre un noioso 0-0. In coda alla classifica il Cosenza ribalta l’iniziale svantaggio contro l’Ascoli (2-1) e conquista tre punti importantissimi per la salvezza diretta.

I RISULTATI DELLA 31ESIMA GIORNATA

Cosenza – Ascoli 2-1

Frosinone – Reggiana 0-0

Pescara – Pisa 3-1

Cremonese – Empoli RINVIATA

Chievo – Spal 1-1

Lecce – Salernitana 2-0

Venezia – Reggina 0-2

Brescia – Pordenone 4-1

Entella – Monza 1-1

Vicenza – Cittadella 1-0

LA NUOVA CLASSIFICA

Empoli punti 59

Lecce 55

Monza, Salernitana 51

Venezia 49

Spal 46

Cittadella, Chievo 45

Brescia 42

Vicenza 41

PISA, Reggina 40

Frosinone 39

Cremonese 36

Pordenone 34

Cosenza 32

Reggiana 30

Ascoli 28

Pescara 26

Entella 22

PISA – La sconfitta di Pescara arriva dopo venti giorni di stop. Ecco il commento di Giuseppe Sibilli, al rientro dopo una lunga assenza.

di Maurizio Ficeli

“Sinceramente non volevo rientrare con una sconfitta perché è sempre brutto perdere però sono contento di essere rientrato in squadra per dare il mio contributo finale. Oggi, al di là della sconfitta, personalmente la gamba ha risposto bene e mi aiuta a sbloccarmi mentalmente, però sono deluso, come i miei compagni, per questo risultato. Mancano otto partite, dobbiamo pensare una alla volta, essere cattivi perché questa è la nostra forza. Spero con il Lecce di ritornare alla vittoria perché è troppo importante per noi“.

PISA – Un protagonista della gara di Pescara, malgrado la pesante sconfitta, è stato sicuramente Antonio Aldo Caracciolo, difensore subentrato nella ripresa, che ha sostituito Alessandro De Vitis,.

di Maurizio Ficeli


Sicuramente speravo che questa gara finisse in maniera diversa, purtroppo siamo andati in svantaggio poi ci siamo sbilanciati un po’ per recuperarla, ma purtroppo non ce l’abbiamo fatta. È una partita che arrivava dopo una sosta, la nostra è stata più lunga per via di una partita rinviata, abbiamo cercato di prepararla al meglio, l’avversario era in una situazione delicata ed avrebbero fatto la partita della vita,, in determinati episodi sono stati più cattivi di noi, in settimana dobbiamo lavorare su ciò che abbiamo sbagliato e pensare subito al Lecce lunedì. Non credo che la sosta possa influire, noi sicuramente potevamo sfruttare il periodo positivo da cui venivamo, quindi non credo nell’alibi della sosta, quando si è fatto il due a uno abbiamo cercato di sbilanciarmi un po’ ma non ci è andata bene. Pers9sto bene, sono stato fermo 15 giorni, sono tornato, non ho avuto particolari sintomi, quindi non ne ho risentito fisicamente, lo ho sfruttato come periodo per staccare, purtroppo sono rientrato con una sconfitta, pensiamo subito a lunedì, dove affronteremo un Lecce  forte ed in forma, dobbiamo cercare di non commettere gli errori di oggi“. 

PISA – Il tecnico del Pisa Sc Luca D’Angelo commenta la pesante debacle dei nerazzurri in terra abruzzese.

di Maurizio Ficeli


Non abbiamo sicuramente giocato una delle nostre migliori partite, nel primo tempo avevamo il pallino del gioco in mano però eravamo poco concreti, abbiamo avuto una occasione dove è stato bravo Fiorillo, loro avevano avuto un occasione con il loro centravanti poi verso il  termine del primo tempo hanno segnato e noi abbiamo commesso un errore. Nel secondo tempo abbiamo tenuto il gioco ma non siamo stati mai stati pericolosi, non eravamo in unabuona giornata oggi. Abbiamo faticato soprattutto nel secondo tempo perché il Pescara era ovvio che si posizionasse in maniera molto difensiva cercando qualche ripartenza come è avvenuto ma noi abbiamo sbagliato molto sotto tanti punti di vista, quindi una giornata non positiva. Non mi piace cercare scusanti come la lunga sosta, ci siamo allenati molto bene in due settimane, ma oggi non abbiamo portato in campo le cose che avevamo portato in campo nelle due settimane di sosta, dobbiamo fare il mea culpa e non cercare inutili alibi. Caracciolo e Sibilli hanno fatto una porzione di partita, non avevano ovviamente più di 45′ sulle gambe, però ora stanno bene e potranno aumentare il loro minutaggio. Ora abbiamo la partita con il Lecce, con cui dobbiamo giocare una gara diversa da oggi siamo capaci di farlo, facendo tesoro degli errori di oggi, siamo sicuramente capaci di fare una grande partita“.

PISA – Continua ad essere ostico l’Adriatico. Il Pisa esce ancora sconfitto (3-1) contro il Pescara che invece torna al successo dopo otto turni. Nel primo tempo rete di Galano per gli abruzzesi, nella ripresa raddoppio al 90′ di Machin, accorcia Marconi che dà speranza al Pisa, ma in contropiede Busellato chiude i conti al minuto 96. I nerazzurri torneranno in campo a Pasquetta all’Arena contro il Lecce (ore 15).

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Allo stadio Adriatico mister Luca D’Angelo ritrova la coppia d’attacco formata da Marconi e Palombi. Il tecnico che torna nella sua Pescara, recupera quasi tutti gli effettivi, ma complice l’impegno di Pasquetta contro il Lecce all’Arena opera un pò di turn over. Davanti a Gori difesa a tre con Belli, Benedetti e Beghetto. Centrocampo di sostanza con Quaini schermo davanti alla difesa e De Vitis in mediana insieme a Mazzitelli con Marsuranel ruolo di tornante destro. Gucher è ancora il tre quartista con Marconi e Palombi appunto coppia d’attacco. Il Pescara di Grassadonia risponde con un 4-3-3. Davanti all’ex Samp Fiorillo ci sono l’ex Scognamiglio e Sorensen con Bellanova e Masciangelo sugli esterni di difesa. Dessena, Busellato e Maistro sono schierati sulla linea mediana. Galano, Odgaard e Capone formano il tridente d’attacco.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia verde, Pescara in casacca biancazzurra. Il primo pericolo lo porta la squadra di Luca D’Angelo con Marsura che calcia appena dentro l’area con il sinsitro, palla alta sopra la traversa con un fallo però dell’ex Scognamiglio su Marsura non rilevato dal direttore di gara. E’ il Pescara però a tenere il possesso della sfera, il Pisa però quando si affaccia dalle parti di Fiorillo (15′) si rende sempre pericoloso. Dall’angolo di Gucher palla nei pressi del primo palo con Mazzitelli che la gira verso la porta costringendo l’estremo difensore del Pescara alla deviazione in corner. Primo ammonito del match al minuto 22 il nerazzurro De Vitis. Il Pescara si rende pericoloso poco dopo con un diagonale di Odgaard, palla di un soffio sul fondo. Pericolo scampato per la formazione di Luca D’Angelo. Ancora abruzzesi pericolosi al minuto 39 con un destro di Busellato terminato alto. La squadra di Grassadonia però passa in vantaggio al minuto 39: Odgaard vince il duello fisico con Benedetti entra in area dalla sinistra e serve in mezzo Galano e l’ex Foggia con il sinistro mette alle spalle di Gori: 1-0. La risposta del Pisa non si fa attendere e arriva un minuto dopo con un destro al volo di Palombi che però termina sul fondo. il Pisa non ci sta. Sono due minuti di recupero. Si va al riposo però con il Pescara in vantaggio sui nerazurri.

IL SECONDO TEMPO. Mister D’Angelo inserisce subito Caracciolo al posto di De Vitis. Nerazzurri subito pericolosi con Marsura. Pescara che però non sta a guardare. Cross di Masciangelo dalla sinistra sul secondo palo dove non arriva Odgaard. Gori comunque fa buona guardia. D’Angelo però ridisegna la squadra dentro Birindelli per Belli e Vido per Palombi. Ci sono i primi segnali di risveglio. Ed è proprio Birindelli a mettere il primo cross con Fiorillo che anticipa Marconi. All’alba del quarto d’ora nel Pescara si fa male Maistro con Grassadonia costretto al primo cambo forzato del match: dentro Machin. Ed è proprio il nuovo entrato Machin al minuto 64 ad avere la palla del 2-0, ma il suo sinistro a giro al termine di un contropiede di Capone, termina sul fondo. Per i nerazzurri ci provano con un calcio di punizione di Marconi (palla alta sopra la traversa), mentre Gori dice no con una grande parata al destro a giro di Capone. Torna in campo dopo una lunga assenza anche Sibilli che rileva Quaini per un Pisa veramemnte a trazione anteriore. Al minuto 76 Birindelli viene messo giù in area, l’abitro però lascia correre. Cambia anche il Pescara: dentro Ceter e Volta rispettivamente al posto di Galano e Capone. Il Pisa in attacco a testa bassa, ma è Gori a tenere a galla i nerazzurri con una grande parata sul sinistro di Busellato. Il raddoppio del Pescara però arriva al 90′ con un destro che si infila sotto la traversa e questa volta Gori nulla può. A rimettere in corsa il Pisa ci pensa Batman Marconi che sottomisura fa 2-1. Ci sono ancora cinque minuti da giocare, ma è il Pescara a calare il tris al minuto 96 al termine di un contropiede avviato dal nuovo entrato Giannetti e concluso da Busellato che fa secco Gori. Finisce 3-1 per il Pescara.

PESCARA – PISA 3-1

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Bellanova, Scognamiglio, Sorensen, Masciangelo; Dessena, Busellato, Maistro; Galano (77′ Ceter), Odgaard (95′ Giannetti), Capone (77′ Volta). A disp. Radaelli, Alastra, Valdiofiori, Riccardi, Fernandes, Omeonica, Nzita, Vokic. All. Gianluca Grassadonia

PISA (3-4-1-2): Gori; Belli (55′ Birindelli), Benedetti, Beghetto; Marsura, Quaini (74′ Sibilli), De Vitis, Mazzitelli: Gucher (83′ Pisano); Marconi, Palombi (55′ Vido). A disp. Perilli, Loria, Meroni, Marin, Lisi, Masetti, Andreano. All. Luca D’Angelo.

ARBITRO: Pasqua della sezione di Tivoli (Ass. Muto – Avalos). Quarto uomo: Amabile di Vicenza

RETI: 40′ Galano (Pe), 90′ Machin (Pe), 91′ Marconi (Pi), 96′ Busellato (Pe)

NOTE: giornata di sole, terreno in perfette condizioni. Ammoniti De Vitis (Pi), Masciangelo (Pe), Benedetti (Pi), Sibilli (Pi), Ceter (Pe). Angoli 3-8. Rec pt 2′; st 6′.

PISA – Compleanno importante nello staff tecnico nerazzurro: Gabriele Pignieri ormai da diversi anni fisioterapista nerazzurro e stretto collaboratore prima di Remigio Del Sole e adesso di Andrea Costa che compie 31 anni, essendo nato a Pisa il 19 marzo 1990.

di Maurizio Ficeli

La redazione di Pisanews formula al fisioterapista pisano doc i migliori auguri per il compimento degli anni.

PISA – Ventuno reti realizzate nella ventinovesima giornata del campionato di serie BKT. Continua la marcia dell’Empoli in testa alla graduatoria, che si sbarazza non senza qualche affanno della pratica Pordenone (1-0) in dieci praticamente per 85 minuti per la frettolosa espulsione di Falasco e presentatosi con tredici assenze al “Castellani”. A decidere un autorete di Chrzanowski su colpo di testa del nuovo entrato Matos, che consente a mister Dionisi di tenere a sei punti di distacco il Monza e di ottenere ventiquattresimo risultato utile consecutivo.

di Antonio Tognoli

I brianzoli hanno superato con un gol per tempo (2-0) la Reggiana. Ad aprire le marcature Carlos Alberto, Colpani a sei minuti dalla fine ha chiuso il match a favore della squadra di mister Brocchi, che si conferma come diretta inaseguitrice dell’Empoli. Pareggio a reti bianche al “Tombolato” fra Cittadella e Salernitana. Padroni di casa sfortunati nel finale con il clamoroso palo colpito da Proia. I campani di Castori restano al quarto posto in solitario. Passo avanti invece per il Lecce che passa (3-2) al “Penzo” con una doppietta del suo bomber, Massimo Coda che si porta anche in testa alla classifica cannonieri della B. I giallorossi ora sono terzi. Il Venezia rimonta due volte, ma alla fine è costretta ad arrendersi ai pugliesi, più cinici e concreti in zona gol. Pareggio per 0-0 nell’altro big-match di giornata fra Chievo e Frosinone con maggiore rammarico per i ciociari che nella seconda parte della ripresa hanno sprecato almeno tre palle gol con Novakovic e Iemmello per portare a casa l’intera posta. Accorcia sulla zona play-off il Pisa che con un sonoro 3-0 alla Spal si porta proprio a meno due dall’ottavo posto. Apre Marsura nel finale del primo tempo, poi nella ripresa le reti di Mazzitelli e Siega certificano un netto predominio nerazzurro sui ferraresi, parsi lunghi e sfilacciati. Il Vicenza non va oltre il pareggio (1-1) a Cosenza. I calabresi aprono le marcature in avvio con Gliozzi servito da un bell’assist di Carretta. La reazione dei veneti c’è, ma non si concretizza per gli errori di mira e le parate del portiere Falcone che alla mezzora neautralizza il terzo rigore della stagione a Giacomelli. Il pareggio dei biancorossi arriva solo ad inizio ripresa con un colpo di testa di Valentini. Sempre in coda vittoria esterna della Cremonese (2-0) sulla Virtus Entella che resiste solo un tempo ai grigiorossi che chiudono la pratica nella ripresa con le reti di Gaetano e Castagnetti. I liguri rimangono mestamente all’ultimo posto in classifica a quota 21. I ragazzi di Pecchia dal canto loro agganciano a quota 35 il Vicenza. Nel posticipo gol e spettacolo allo stadio “Adriatico” tra Pescara e Ascoli. Hanno la meglio i bianconeri marchigiani (3-2) al termine di una gara emozionante. Apre Bidaoui, poi la rimonta pescarese con la doppietta di Dessena. L’Ascoli però non ci sta e nella seconda parte della ripresa prima trova il pari con Dionisi e poi nel recupero il successo con la rete di Bajic imbeccato da uno splendido assist di Parigini.

I RISULTATI DELLA 29ESIMA GIORNATA

PISA – Spal 3-0

Entella – Cremonese 0-2

Venezia – Lecce 2-3

Cosenza – Vicenza 1-1

Cittadella – Salernitana 0-0

Brescia – Reggina 1-0

Monza – Reggiana 2-0

Empoli – Pordenone 1-0

Chievo – Frosinone 0-0

Pescara – Ascoli 2-3

LA NUOVA CLASSIFICA

Empoli punti 56

Monza 50

Lecce 49

Salernitana 48

Venezia 46

Cittadella 45

Chievo 43

Spal 42

PISA 40

Brescia 39

Frosinone 38

Reggina 36

Vicenza, Cremonese 35

Pordenone 34

Cosenza, Reggiana 28

Ascoli 27

Pescara 23

Entella 21

PISA – A suggellare la partnership tra il Pisa Sporting Club e Palumbo AutoConcessionaria ufficiale Mercedes-Benz e smart, già sponsor ufficiale dei pantaloncini nerazzurri, la consegna di una splendida Mercedes-Benz GLE 350 de EQ-Power Sport 4Matic allestimento Premium (motorizzazione ibrida plug-in diesel) al Presidente Giuseppe Corrado.

Per l’occasione la concessionaria di via Pontecorvo 2 (Pisa), si è vestita a festa con il Cavaliere del Lavoro Andrea Palumbo, Presidente di Palumbo Auto, a fare gli onori di casa assieme a Veronica Palumbo (Vice Presidente), Roberto Di Gangi (Marketing Manager) e a tutto il Reparto Sales e Ufficio Marketing.

Un momento conviviale, nel pieno rispetto dei protocolli vigenti, che ha impreziosito ancora di più il legame tra il sodalizio nerazzurro e una delle principali realtà imprenditoriali del territorio.

PISA – Il Pisa SC ha un nuovo partner logistico: la Kopron SpA.

L’azienda milanese, con sede a Gorgonzola, leader europea nelle soluzioni per logistica industriale, ha dunque deciso di legare il proprio brand al sodalizio nerazzurro unendosi ad una già ampia e variegata famiglia di attività nazionali ed internazionali.

Kopron s.p.a, nata oltre 35 anni fa da una intuizione della Famiglia Vergani tutt’ora al timone dell’azienda, è ormai diventata una realtà internazionale grazie all’esperienza e al know-how qualificato nel campo delle soluzioni logistiche e dei prodotti all’avanguardia in tecnologia e design. La completa linea di prodotti riveste un alto livello di qualità a disposizione della clientela più esigente: capannoni fissi e retrattili in telo pvc o pannelli sandwich, sistemi per il carico scarico merci, chiusure industriali di transito e sicurezza. Oltre alle sedi in Francia, Cina e Brasile e al supporto di agenti e rivenditori in quasi tutti i Paesi stranieri, sono sempre più consistenti le quote acquisite nei mercati dell’Europa dell’Est, Asia e Sud America.

Kopron s.p.a da oggi è al fianco del Pisa per realizzare progetti importanti al servizio della squadra nerazzurra, orientati verso un ambizioso futuro comune

PISA – Finisce in parità all’Arena, il derby tra Pisa ed Empoli (1-1). Non accadeva dalla serie A 1988. All’iniziale vantaggio di Birindelli firmato al 35′ del primo tempo al termine di una bella discesa, ha risposto Zurkowski pescato al minuto 76 tutto solo sul secondo palo. C’è un pò di rammarico visto le occasioni sprecate dal Pisa per portarsi sul 2-0 con il palo di Palombi e l’occasione capitata a Vido appena entrato in campo.

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Nel derby contro l’Empoli mister Luca D’Angelo deve rinunciare a Masucci, Masetti e Sibilli. Il tecnico pescarese sceglie un 4-3-1-2 da opporre alla capolista del campionato cadetto. Davanti a Gori confermati Varnier e Caracciolo con Birindelli e Beghetto esterni. Sulla linea mediana De Vitis è impiegato davanti alla difesa con Siega e Mazzitelli nel ruolo di mezze ali. Gucher è schierato dietro al duo formato da Marconi e Palombi. Non c’è inizialmente Bajrami nell’Empoli, che parte inizialmente dalla panchina. Mister Dionisi schiera Brignoli fa i pali. Davanti as lui ci sono Nikolaou e Romagnoli con Fiamozzi e Parisi impegnato sugli esterni. Sulla linea mediana spazio a Ricci, Stulac e Haas. Moreo è impiegato dietro alle due punte Mancuso (capocannoniere della B) e La Mantia. Prima del fischio d’inizio un minuto di silenzio per ricordare il difensore di Inter, Bologna e Pistoiese Mauro Bellugi scomparso poche ore fa.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Empoli in completa tenuta bianca. Il Pisa parte subito forte. Nikolaou apre male, palla intercettata di testa da Palombi che arriva a Gucher che mira l’angolino, ma il suo destro esce veramente di un niente rispetto al palo alla sinistra di Brignoli. La risposta empolese non si fa attendere e sul capovolgimento di fronte Mancuso impegna Gori che blocca a terra. Ma è ancora Pisa che opera un pressing asfissiante sui pportatori di palla azzurri. Ci prova Gucher dai quindici metri, palla che supera la traversa. L’Empoli è guardingo. Tracciante da destra di Mancuso che raggiunge sul secondo palo La Mantia, ma sil suo diagonale non è preciso e termina a lato di un paio di metri dalla porta di Gori. Anche il Pisa prova a sbloccarla dalla distanza con Birindelli chiamando Brignoli alla deviazione (goffa) in angolo. Poco dopo il 15′ rinvio errato di Gori che per fortuna del Pisa prima La Mantia e poi Moreo non sfruttano a dovere. Il Pisa si fa apprezzare in questa prima parte nel recupero palla e nel pressing. Marconi soffia la sfera a Parisi, colpo di tacco per Siega che trova Gucher, girata debole che termina fra le braccia di Brignoli. E’ un derby molto tattico fra due squadre che stanno bene fisicamente. Pisa ancora vicino al gol (25′): Siega salta secco Parisi, appoggia all’indietro per Mazzitelli il quale pesca Marconi, che al volo gira con il destro, palla di un soffio a lato. L’Empoli però non ci sta e ci prova dal limite con Stulac (palla alta). Poco dopo sono ancora gli azzurri ad andare vicini al gol con un colpo di testa di Romagnoli, palla alta di poco sopra la traversa. I nerazzurri passano al minuto 35. Gran palla recuperata sull’out di destra da Siega che in scivolata serve Birindelli che brucia sulll scatto Parisi, entra in area e con il destro batte Brignoli: 1-0. Nerazzurri in vantaggio. I nerazzurri sulle ali dell’entusiasmo vanno vicini al raddoppio con Marconi che vede Brignoli leggermente fuori dai pali e con un destro al volo appena dentro l’area, manda alto di poco sopra la traversa. L’Empoli si sveglia nel finale di primo tempo (44′) con un destro di Haas, che termina di poco alto sopra la traversa. La prima frazione si chiude con il Pisa in vantaggio di un gol sull’Empoli per effetto della rete realizzata da Samuele Birindelli, al suo secondo gol stagionale dopo quello realizzato sempre all’Arena contro l’Ascoli.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa nell’Empoli fuori Moreo e dentro Bajrami. Dopo nemmeno un giro dim orologio sono gli azzurri a rendersi pericolosi con il sinistro di Haas, centrale, bloccato da Gori. Immediata la risposta del Pisa: cross da destra di Birindelli per Marconi che al volo con il sinsitro costringe Brignoli alla deviazione in angolo. Sul corner però si scatena il contropiede azzurro con Bajrami, fermato da una scivolata di Caracciolo. Buon momento per l’Empoli. Mancuso se ne va sul filo del fuorigioco cross in mezzo che non trova nessuna maglia bianca sul secondo palo. Pericolo scampato per il Pisa, che riesce a reggere il colpo. Anzi è la formazione nerazzurra va vicino al raddoppio (60′): cross tagaliato di Gucher, deviazione volante di Palombi, palla che sbatte sul montante. E’ il quinto legno di Palombi in stagione. L’Empoli però non ci sta. Mancuso calcia appena dentro l’area, palla sull’esterno della rete. La risposta del Pisa arriva quasi subito dopo il solito lancio al bacio di capitan Gucher che pesca sulla sinistra Beghetto, il quale chiama allla conclusione dal limite Mazzitelli, ma il suo destro termina alto sopra la traversa. Primi due cambi per Luca D’angelo: fuori Palombi e Mazzitelli, dentro Vido e Marin. E sul rilancio di Gori, Marconi “spizza” per Gucher che al volo lancia proprio Vido, che si presenta a tu per tu con Brignoli che respinge la conclusione del 19 nerazurro con i piedi. Anche l’Empoli ci prova dalla distanza con un sinsitro dal limite di Parisi, che passa di pochissimo sul fondo. Dionisi effettua un doppio cambia al minuto 73: fuori La Mantia e Ricci, dentro Matos e Zurkowski. Ed è proprio Zurkowski pescato da Parisi sul secondo palo a mettere sotto la traversa: 1-1. Il numero 27 azzurro lasciato troppo solo sul secondo palo. Inevitabile il pari dell’Empoli. Intanto Bajrami va vicino al vantaggio con un tiro dai 25 metri. De Vitis si infortuna ed è costretto a lasciare il campo. Al suo posto dentro Mastinu. Fuori anche Birindelli per Belli. Al minuto 82 è proprio Mastinu che al volo di sinistro mette alto sopra la traversa su invito aereo di Vido. Il Pisa ci crede. Break di Siega che recupera una gran palla a centrocampo arriva al limite e con il destro impegna Brignoli a terra. Nel finale entrambe le squadre provano a vincere. Matos fa da sponda per la conclusione di Stulac che termina alto. Quaini rileva uno stanchissimo Gucher, mentre Stulac prima di salvare nei pressi della linea, lascia il posto al giovane Damiani. Per vincere però dopo tre minuti di recupero non c’è più tempo per entambi. Pisa ed Empoli si devono accontentare di unn punto a testa.

PISA – EMPOLI 1-1

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli (80′ Belli), Caracciolo, Varnier, Beghetto; Siega, De Vitis (80′ Mastinu), Mazzitelli (65′ Marin); Gucher (90′ Quaini); Marconi, Palombi (65′ Vido). A disp. Perilli, Loria, Soddimo, Meroni, Lisi, Benedetti, Marsura. All. Luca D’Angelo

EMPOLI (4-3-1-2): Brignoli; Fiamozzi, Nikolaou, Romagnoli, Parisi (85′ Terzic); Ricci (73′ Zurkowski), Stulac (90′ Damiani), Haas; Moreo (46′ Bajrami); Mancuso, La Mantia (73′ Matos). A disp. Furlan, Crociata, Olivieri, Casale, Sabelli, Pirrello, Cambiaso. All. Alessio Dionisi

ARBITRO: Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo (Ass. Rossi di La Spezia e Tardino di Milano). Quarto uomo Dionisi di L’Aquila

RETI: 35′ Birindelli (P); 76′ Zurkowski (E)

NOTE: serata fresca, terreno in ottime condizioni. Angoli 3-5. Rec pt 0′; st 3′.

PISA – Nessuna squalifica in vista della sfida contro l’Empoli per il Pisa (sabato 20 febbraio ore 18) di mister Luca D’Angelo. Solo l’ingresso in diffida di Luca Mazzitelli e Samuele Birindelli. Buone notizie dunque dopo il successo con il Monza per la truppa nerazzurra, che ha portato euforia in città in vista di un derby tanto atteso quanto importante per mantenere il passo da “big” e accellerare definitivamente verso la zona play-off.

Il lavoro al centro sportivo di San Piero a Grado è iniziato a pieno regime. Contro gli azzurri di mister Dionisi, reduci dal pareggio (1-1) del “Mazza” contro la Spal, tanto discusso e che ha lasciato strascichi e polemiche non ci saranno gli infortunati di lungo corso Masucci, Masetti e Sibilli, ma Luca D’Angelo oltre a poter contare su una settimana piena di lavoro dei suoi ragazzi, può contare anche su diverse varianti tattiche e su una rosa finalmente ampia in ogni zona del campo.

In difesa Caracciolo e Varnier a Monza hanno mostrato grande intesa. Mazzitelli e Gucher in mediana godono di un ottimo momento di forma e con Simone Palombi che si è sbloccato là davanti, insieme a Michele Marconi, sembra si possa iniziare davvero a pensare in grande. Vietato però fare voli pindarici. Il Pisa deve affrontare partita dopo partita, migliorare la sua media tra le mura amiche e non perdere punti per strada con avversari di media bassa classifica. Solo limando questi aspetti si potrà pensare di migliorare la classifica dello scorso anno ed entrare dunque nei tanto agognatiplay-off.

PISA – Doppio compleanno in casa nerazzurra lunedì 15 Febbraio.

di Maurizio Ficeli

Alessandro De Vitis. Il centrocampista nerazzurro, figlio d’arte, nato a Piacenza il 15 Febbraio 1992 compie 29 anni. In questa stagione si sta confermando sempre più una pedina importante nello scacchiere della squadra allenata da mister Luca D’Angelo.

Lorenzo Masetti, di ruolo difensore, giovane talento che ha esordito quest’anno in maglia nerazzurra nella Coppa Italia TIM, nativo di Campi Bisenzio, compie 20 anni, essendo nato il 15 febbraio 2001.

Lorenzo Masetti

La redazione di Pisanews.net nel farsi interprete dei sentimenti di tutta la tifoseria pisana, formula ad Alessandro De Vitis e Lorenzo Masetti i migliori auguri per il compimento degli anni che siano di auspicio per i migliori successi personali e calcistici per lui e per il nostro amato Pisa.