Il personaggio

PISA – Entra dalla panchina e segna il suo primo gol fra i professionisti Giuseppe Sibilli. Corre il minuto 92 quando Lisi scodella l’ennesimo pallone in mezzo dalla sinistra e trova il numero 17 nerazzurro sul secondo palo che mette la sfera fra il palo e il portiere Plizzari. È la rete del primo successo nerazzurro della stagione per tre punti pesantissimi a livello di morale e classifica.

di Antonio Tognoli

È stato un gol importantissimo. Sono stati tre punti fondamentali per noi voluti da tutti. Siamo un gruppo forte e soprattutto siamo tutti titolari

Durante la partita il mister mi ha dato fiducia, mi ha chiesto di saltare l’uomo. Alla fine mi ha dato tanta fiducia“.

Voglio dedicare il gol alla mia famiglia e alla mia ragazza che mi seguono sempre“.

PISA – Subito dopo il termine della gara del “Granillo” Gaetano Masucci ha commentato cosi il primo successo in campionato del Pisa ai microfoni di DAZN.

di Maurizio Ficeli


Una vittoria che non era ancora arrivata, un po’ per sfortuna un po’ per episodi ed un po’ anche per colpa nostra, che per fortuna è arrivata stasera anche se in maniera particolare e poi bisogna dire che giocare qui non era affatto facile. Loro hanno segnato alla prima azione che hanno fatto ed a livello mentale non era facile reagire, ma ci siamo riusciti. Ora il nostro obiettivo è andare avanti gara dopo gara. Personalmente sono contento della mia prestazione, mi diverto e segno ed a tal proposito voglio dedicare la rete alla mia famiglia ed anche se non avevamo il seguito dei tifosi, ci hanno comunque sempre fatto sentire il loro sostegno. Mi mancano molto“.

PISA – Vogliamo ricordare un calciatore del Pisa Sporting Club che ha fatto grandi i colori nerazzurri ai tempi della presidenza di Romeo Anconetani. Si tratta di Franco Rotella, genovese doc, che oggi avrebbe compiuto 54 anni, avendo avuto i natali nel capoluogo ligure il 16 novembre 1966.

di Maurizio Ficeli

Rotella ci lasciò undici anni fa, esattamente il 20 aprile 2009 a causa di un male incurabile che lo strappò agli affetti dei propri cari, alla consorte Nadia ed al figlio Simone, lasciando tutti basiti e sconfortati.

Questo giocatore, di ruolo ala destra approdò all’ombra della Torre Pendente nell’estate del 1991 e vi rimase per tre stagioni collezionando ben 105 presenze. Una stagione, l’ultima, culminata con l’infausto “spareggio” di Salerno contro l’Acireale, dopo il quale avvenne il fallimento societario e l’esclusione del Pisa dal calcio professionistico. Un giocatore che ci ha sempre messo la faccia, non mollando fino alla fine, malgrado la stagione 1993 /94 non fosse finita nel migliore dei modi. Il ricordo di Franco, a cui i tifosi della Nord avevano anche dedicato un coro di incitamento quando calcava il terreno di gioco, è sempre vivo nei tifosi pisani, e noi come redazione di Pisanews vogliamo ricordarlo nel giorno del suo compleanno mandando un grosso abbraccio alla moglie Nadia ed al figlio Simone.

FRANCO ROTELLA PER SEMPRE VIVO NEI NOSTRI CUORI

PISA – Compleanno importante in casa Pisa:
Luca Mazzitelli, centrocampista nerazzurro, arrivato all’ombra della Torre Pendente dall’Entella, via Sassuolo, compie 25 anni essendo nato a Roma il 15 novembre 1995.

di Maurizio Ficeli

La redazione di Pisanews nel farsi interprete dei sentimenti di tutti i tifosi pisani formula al giocatore di origine capitolina i migliori auguri per il compimento degli anni, che siano portatori di successi personali e calcistici sia per lui che per il nostro amato Pisa.

AUGURI DI VERO CUORE LUCA MAZZITELLI 💙🖤

PISA – Festa grande in casa nerazzurra. Oggi il medico sociale Virgilio Di Legge, con una esperienza ormai ventennale nel Pisa Sporting Club compie 60 anni, essendo nato a Roma il 10 novembre 1960, anche se di fatto è pisano doc visto che giunse nella nostra città da piccolo.

di Maurizio Ficeli

Professionista stimato da tutti i giocatori e nell’ambiente della boxe e dalla gente comune annovera fra l’altro, nella sua carriera alcuni interventi decisivi con cui ha salvato la vita a diverse persone.

Ne citiamo alcuni. Come non ricordare l’intervento di rianimazione al giocatore nerazzurro Matteo Ton nella trasferta di Gela, che era svenuto in uno scontro di gioco in campo, oppure quello riguardante il pugile palermitano andato ko in un incontro di boxe al “Palamacchia” di Livorno.

Virgilio Di Legge, chiamato affettuosamente dai giocatori nerazzurri il DOC, è un medico in trincea, attaccato ai colori Nerazzurri, oltre che alla Roma, squadra della sua città natale.

Noi della redazione di Pisanews ci facciamo interpreti dei sentimenti di tutto l’ambiente nerazzurro per formulare a Virgilio Di Legge, i migliori auguri di buon compleanno e lunga vita con i colori Nerazzurri.

AUGURI DI VERO CUORE 💙🖤MITICO DOC

PISA – Oggi venerdì 6 novembre sono 18 anni che Gianluca Signorini, pisano doc, essendo nato nella città della Torre Pendente il 17 marzo 1960, ci lasciò a causa di una malattia, la SLA, all’età di 42 anni.

di Maurizio Ficeli

Signorini ha iniziato a giocare a calcio nella formazione della sua città natale approdando poi nel Pietrasanta ed in seguito nel Prato, nel Livorno, nella Ternana e nella Cavese fino ad arrivare al Parma dove conquista la promozione in B esordendo così fra i cadetti dopo tanta serie C. Poi dalla città ducale giunge in serie A nella Roma, e da lì al Genoa, dove viene considerato una bandiera e dove tra l’altro esiste un club rossoblu’ in suo onore. 

Dalla città della Lanterna fa poi ritorno nella sua amata Pisa, la cui squadra, dopo il fallimento del Pisa di Anconetani, era nel frattempo precipitata fra i Dilettanti e lui contribuì a riportarla fra i professionisti concludendo così in bellezza la sua carriera pedatoria ed intraprendendo in seguito quella da dirigente in seno alla società nerazzurra. 

La sua memoria è sempre viva nella nostra città, a lui tra l’altro è intitolato il settore di gradinata dell’Arena, e noi di Pisanews, facendoci interpreti dei sentimenti di tutti i tifosi pisani, lo vogliamo ricordare con grande affetto .

GIANLUCA SIGNORINI, GRANDE PISANO E GRANDE CAPITANO, IL TUO RICORDO RESTERÀ PER SEMPRE VIVO NEL CUORE DI TUTTI NOI PISANI

PISA – Altro protagonista positivo di questa gara spettacolare fra Vicenza e Pisa, terminata 4 a 4,è stato senza ombra di dubbio Alessandro De Vitis, che dà la sua lettura sull’incontro del “Menti” nel quale i nerazzurri, malgrado in inferiorità numerica, hanno sicuramente conquistato un punto prezioso.

di Maurizio Ficeli


Penso sia un punto voluto con grande forza e carattere ed era un segnale importante quello che dovevamo dare, essendo sotto di un uomo per quasi 50′, eravamo convinti di fare una grande partita e ci siamo riusciti e potevamo anche conquistare i tre punti con un po’ di attenzione e fortuna in più”.

“Il Pisa è vivo e su questo non abbiamo mai avuto dubbi, magari serviva dall’esterno un segnale di una prestazione tosta e gagliarda, dobbiamo migliorare su qualche aspetto ma siamo consapevoli della nostra forza e delle qualità che abbiamo e questa partita ci dà una ulteriore convinzione sui nostri mezzi. Dobbiamo sicuramente lavorare su qualche situazione, lo sappiamo, abbiamo una settimana per preparare una partita molto importante cercando di fare punti per poi arrivare alla sosta con più tranquillità. Abbiamo fatto una prova di grande carattere, personalmente non ho problemi a passare dalla difesa al centrocampo, ormai non è una novità ed in base alla partita od all’esigenza tattica sono pronto a qualsiasi soluzione“. 

PISA – Compleanno in casa nerazzurra Gaetano Masucci detto “Tano” compie 36 anni.

di Maurizio Ficeli

L’attaccante di origine irpina è nato il 26 ottobre 1984 e si sta sempre confermando un punto di forza imprescindibile per il team di mister Luca D’Angelo.

La redazione di Pisanews nel farsi interprete dei sentimenti di tutta la tifoseria nerazzurra augura a Gaetano Masucci buon compleanno con auspici di migliori successi personali e calcistici per lui e per il nostro amato Pisa,

AUGURI DI VERO CUORE GRANDE “TANO”!

PISA – Al termine della gara con il Monza ecco le parole di Thomas Alberti, attaccante, classe 1998, originario di Asiago, in provincia di Vicenza, soddisfatto per l’esordio in serie B con la maglia nerazzurra e per aver dato il suo contributo determinante nell’azione della rete del pareggio firmato da Marconi.

di Maurizio Ficeli


Sicuramente con questo esordio in B mi porto dietro tante emozioni ed un grande motivo di orgoglio sia per me che per la mia famiglia e  per tutti quei sacrifici fatti fin da piccolo. Arrivare qui è un punto di partenza” .

Mi son goduto questo momento dell’esordio, sono entrato e poi abbiamo fatto il gol del pareggio che è stata una emozione pazzesca ed adesso ripartiamo dal prossimo derby con l’Empoli per conquistare i tre punti“.

La dedica che vorrei fare è per questo gruppo, mi hanno accolto alla grande e sono felice di farne parte. Nel reparto avanzato sono il più giovane, ma cerco di darmi da fare per farmi trovare pronto quando il mister mi chiama in campo“.

Arrivare al campo ogni giorno ed allenarmi con il gruppo di attaccanti che ha il Pisa è un motivo di orgoglio, cerco di imparare da loro il più possibile specie più da Marconi per le caratteristiche di gioco, cercando di estrapolare qualcosa da lui. Il Pisa meritava qualcosa in più, anche perché penso che è dall’inizio del campionato che stiamo raccogliendo meno di quanto meritiamo. Sicuramente il punto con il Monza è stato anche un buon risultato, ma adesso dobbiamo cercare di conquistare al più presto la prima vittoria“.

PISA – “Un pareggio cercato e trovato con pieno merito“. Parola di Michele Marconi il bomber nerazzurro al secondo gol in campionato, che ha parlato a fine gara ai microfoni di DAZN.

di Antonio Tognoli

Marconi fa la sua disamina sulla partita. “Noi siamo partiti molto forte e nel primo tempo non abbiamo sfruttato molte occasioni che ci sono capitate. Nella ripresa dopo il loro gol a freddo non era facile, ma abbiamo reagito molto bene e dopo il pareggio se c’era una squadra che doveva vincere era il Pisa“.

Il bomber nerazzurro confessa. “A Pisa ho trovato il mio habitat naturale. Mi sento coccolato da ambiente, mister e società. Con il mister il rapporto è particolar, ma sempre nel rispetto dei ruoli“.

Marconi parla anche della situazione Covid-19. “La viviamo come una cosa surreale cercando di fare del nostro meglio attenendoci a protocolli e decreti ministeriali. Sono dell’idea però che il calcio deve andare avanti“.

PISA – Protagonista della partita fra Pisa e Cremonese, il nuovo arrivato Luca Mazzitelli, centrocampista, scelto subito da mister D’Angelo per dare sostanza alla linea mediana.

di Maurizio Ficeli

Sono contento di aver giocato fin dall’inizio, mi dispiace per il risultato perché volevamo la vittoria ma nel complesso sono soddisfatto di come mi sono inserito in squadra. Secondo me in queste prime due partite abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato, ma comunque siamo sulla strada giusta per ottenere grandi risultati. Siamo una compagine solida che ha le idee chiare su ciò che vuole ottenere“.

Sono arrivato a Pisa per fare bene facendo dei passi avanti utili per la mia carriera di calciatore, come caratteristiche preferisco il ruolo di mezzala in un centrocampo a tre, oltre a quello di mediano davanti alla difesa. Ma ora guardiamo avanti, e dopo qualche giorno di riposo, riprenderemo a prepararci per affrontare le prossime gare cercando di recuperare quei punti che abbiamo perduto

PISA – Al termine della gara di Coppa Italia fra Pisa e Juve Stabia, ascoltiamo le parole di Giuseppe Sibilli, match winner ed autore della doppietta che ha regalato ai nerazzurri la qualificazione al terzo turno.

di Maurizio Ficeli


Sono veramente contento sia del risultato che della prestazione personale e collettiva, abbiamo fatto quello che ci ha chiesto il mister e che proviamo negli allenamenti, sono contento per la vittoria e per i due gol“.

La Juve Stabia è una squadra giovane, che corre, ci ha messo abbastanza in difficoltà nei primi dieci – quindici minuti, poi dopo siamo usciti noi, portando il risultato a casa che è la cosa più importante“.

Personalmente ho fatto tutti e tre i quattro ruoli dell’attacco, sia esterno, prima punta, seconda punta e dietro alle punte, mi piace giocare dove capita. La prima volta qui all’Arena è stato bello, malgrado l’assenza del pubblico, non vedo l’ora che la gente possa ritornare allo stadio. Dedico questa doppietta alla mia ragazza che mi manca tanto e che spero possa venire a trovarmi presto“.

PISA – Protagonista della gara del Mapei Stadium è sicuramente Antonio Caracciolo che ha messo a segno il gol del pareggio nel primo tempo e dunque il suo primo gol con la maglia nerazzurra.

di Maurizio Ficeli

Sono contento di aver segnato il primo gol con la maglia del Pisa, anche se ovviamente sono un po’ più rammaricato del pareggio, però essendo la prima gara, magari il ritmo, bisogna ancora entrare bene nei meccanismi. Abbiamo fatto un ottima partita, nel secondo tempo si potevano sfruttare meglio alcune ripartenze, oltre a qualche rigore dubbio da rivedere, però bisogna continuare così“.

Dedico il gol a mio figlio, a cui ho fatto un in bocca al lupo prima della gara, poi anche Lisi mi aveva detto che avrei segnato, Fabbro me lo aveva scritto quindi me lo sentivo, era nell’aria. Adesso bisogna pensare alla Juve Stabia, la Coppa Italia è importante per fare minutaggio, poi la Cremonese, prima partita in casa dove mancherà il pubblico, ma ce la metteremo tutta per fare risultato pieno“.

.

“.

PISA – Nella domenica di esordio in campionato del Pisa al Mapei Stadium di Reggio Emilia, c’è anche l’occasione per festeggiare un compleanno importante in casa nerazzurra, quello di Danilo Soddimo, il centrocampista di origine capitolina, giunto all’ombra della Torre Pendente nel gennaio dello scorso campionato proveniente da Cremona, compie infatti 33 anni essendo nato a Roma il 27 settembre 1987.

di Maurizio Ficeli

La redazione di Pisanews nel farsi interprete dei sentimenti della tifoseria nerazzurra formula a Danilo Soddimo ragazzo solare e simpatico, con il suo tipico slang romanesco, i migliori auguri che siano portatori di successi personali e calcistici per lui e per il nostro amato Pisa.

PISA – A margine della presentazione della terza maglia del Pisa Sc, abbiamo sentito il parere dl capitano Robert Gucher sulla gara del Mapei Stadium di Reggio Emilia di domenica 27 settembre (ore 21, diretta su DAZN).

di Maurizio Ficeli

Penso che abbiamo sudato tanto nelle ultime tre settimane, con un ritiro molto breve, dove abbiamo affrontato delle squadre vere, per capire che c’è ancora tanto da lavorare per arrivare a certi livelli ma ora dobbiamo azzerare tutto, dimenticare anche quello che di bello è successo negli ultimi anni, perché ci aspetta un anno molto difficile a cominciare dalla gara di esordio con la Reggiana, dove ci dobbiamo far trovare pronti. Noi vogliamo i tre punti, non vogliamo essere belli ma efficaci“.

PISA – Il Pisa Sporting Club ha perfezionato l’accordo con la società U.S. Sassuolo per l’acquisizione a titolo temporaneo (con obbligo di riscatto) del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Luca Mazzitelli.

Centrocampista classe 1995, cresciuto nelle giovanili della Roma, dopo un’esperienza in Serie C con il Sud Tirol (24 presenze, 1 gol) Luca Mazzitelli ha collezionato oltre 100 presenze (9 gol) tra Serie A e Serie B con le maglie di Brescia, Sassuolo, Genoa e Virtus Entella: con i liguri ha fatto registrare 18 presenze (3 gol) nella seconda parte della stagione cadetta appena conclusasi.

PISA – A margine dell’amichevole di Montecatini Terme fra Pisa e Grosseto Maurizio Pugliesi ha parlato attraverso i canali ufficiali della società nerazzurra.

di Maurizio Ficeli

Nell’intervista Maurizio Pugliesi parla nella con entusiasmo della sua nuova esperienza come preparatore dei portieri del Pisa Sporting Club dopo aver difeso in prima persona la porta nerazzurra.

Sono ritornato volentieri” afferma l’ex portiere originario di Capannoli “e quando si è presentata questa opportunità non ho avuto dubbi anche perché sia Luca D’Angelo e lo staff li conoscevo già bene da tanti anni, quindi è stata una scelta facile. Poi voglio ricordare che come tifoso da quando ero piccolo venivo a vedere il Pisa in curva nord, ed in seguito poi ho avuto la fortuna di indossare la maglia nerazzurra ed ora con questa opportunità è un onore ritornare a a Pisa sotto un’altra veste“.


Sul Pisa in serie B: “Noi in quegli anni li, culminati con la finale playoff a Latina, non siamo riusciti ad andarci, però credo che una piazza come Pisa merita come minimo questa categoria, poi per quanto mi riguarda è chiaro che sono contento perché la serie B è la serie B” .

Pugliesi parla con entusiasmo del nuovo ruolo: “Lavoro con ragazzi che hanno una dedizione totale,e nonostante siano giovani, sono dei portieri validi, sono rimasto favorevolmente impressionato,stiamo lavorando bene adesso aspettiamo le partite che contano per vedere come andrà sul campo” .

Per Maurizio Pugliesi non è una novità il ritorno a San Siro: “Ritorno li da allenatore, ho avuto la fortuna di andarci da giocatore, l’anno di Sarri dovevo addirittura esordire lì in serie A. San Siro è chiamato il teatro del calcio e quindi è sempre un piacere andarci“.

PISA – Sentiamo le parole di un volto nuovo del Pisa 20-21, il portiere Leonardo Loria, che è entusiasta della scelta di vestire la maglia del Pisa e giocare all’ombra della Torre Pendente. Le sue dichiarazioni dopo la prima sgambata stagionale dei nerazzurri contro la Primavera dell’Empoli.

di Maurizio Ficeli

È stata una bella settimana, ho lavorato bene e conosciuto i compagni nuovi, abbiamo fatto tanti allenamenti che sono importanti per iniziare al massimo la stagione” .

Questa di Pisa sarà sicuramente una bella esperienza perché si passa nel mondo degli adulti dove in un campionato come la serie B che sarà molto duro e c’è molta qualità, e qui ci sono tutte le basi per fare bene ed arrivare in alto. Ho scelto Pisa, perché quando due anni fa con la JuveU23 venni a giocare all’Arena c’era una bella atmosfera e mi sono innamorato da subito dei colori nerazzurri nerazzurro. Ho avuto modo di allenarmi con grandi campioni esperti, e di loro mi ha colpito la costanza del lavoro, sono grandi campioni che mi hanno insegnato a dare il massimo“.

Ho preso il numero 88, vedremo durante la stagione in base alla scelta dei compagni se sarà quello definitivo“.

Foto Daniele Francesconi